Snail Mazeee

Per la serie “le cose da bambini sono sempre le migliori” ecco cosa riaffiora nella mia mente malata.
Snail Maze!

Snail Maze era un simpatico giochino incluso nel bios del vetusto Sega master System (la prima versione, non il sega master system 2).

Snail Maze

Il gioco ufficiale incorporato nel bios del primo SMS era l’immortale “Hang on” (giochino di moto frutto della mitica mente del mitico Yu Suzuki se non ricordo male). Anche Snail Maze era incluso nel bios, ma era nascosto, non immediatamente giocabile, si poteva farlo spuntare dal nulla (compariva a destra della scritta “sega” all’avvio, quasi come se fosse un’ estensione di quello spazio nero che accoglieva l’intrepido giocatore ansioso di mondi elettronici). Un vetusto residuo di quelle vecchie console sega che in giappone avevano venduto anni prima dell’avvento del SMS in europa, una perla preziosa rimasta incastonata nella macchina più d’avanguardia che la sega aveva prodotto ai tempi, una scaglia di memoria che non doveva andare persa ma che alla fine tutti si sono dimenticati.

Snail Maze era tremendamente semplice, cosi semplice da lasciare sbalorditi ancora oggi. La timida lumachina doveva affrontare da sola un labirinto immensamente più grande di lei. Sperduta e minuscola in un mondo che non le apparteneva, era persa tra corridoi tanto esili quanto crudelli e ingannatori. La meta era quella evidente e sgargiante scritta “Goal” che campeggiava in una parte dello schermo e la richiamava come potrebbe fare un neon blu con una falena. Blu era anche il mondo dove tutto poggiava, lo sfondo (Il blu tanto caro ai fan della sega). Altro temibile nemico della lumachina era l’avversario di tutti gli esseri viventi di questa terra: il tempo. Poche decine di secondi, erano date a disposiozione per raggingere quella benedetta meta a forma di G. Poche e crudeli decine, prima di quell’asettica scritta “time up” che appariva sopra al labirinto dominandolo e congelandolo, facendo le veci del triste game over di tanti altri giochi.
Tutto sommato tutta questa crudeltà era distrutta dalla musichetta, tanto orecchiabile quanto ripetitiva, che metteva di buon umore, e trasformava l’atmosfera da cupa ad allegra. Il gioco, da terribile sfida hardcore, diventava uno scaccia pensieri. Scaccia pensieri in ogni caso impegnativo, come se ne vedono pochi al giorno d’oggi!

8 comments on “Snail Mazeee

  1. Cavolo questa non la sapevo! Beh, forse xchè la Sega l’ho sempre associata agli arcade e non ho mai avuto una sua console.

    Bello questo blog. Lo metto nei link.

  2. Non è giusto, io avevo il SMS 2 e c’era precaricato quell’antipaticone di Alex Kidd. 🙁 Questi giochini semplici, con il tempo che stringe, a volte sono i più eccitanti.

  3. Il titolo è indubbiamente di ottima fattura, ma io per natura sono un anticonformista del pisello, e i personaggi celebri dei videogiochi (Mario, Sonic, Wonder Boy, Lara, Dante, ecc.) mi stanno quasi tutti discretamente sugli zebedei!!

  4. Beh Alex Kidd, mi sembra lungi dall’essere un personaggio celebre. Anche se a suo tempo ha avuto la sua saga, oggi se lo ricordano in pochi!

  5. Non sono d’accordo. Era la mascotte della SEGA, in bella mostra sulla confezione delle console. Poi che per il lamer gamer odierno conosca solo le zinne di Lara, è un altro discorso. 😛

Leave a Reply