Pedopornografia in Second Life – Sesso, Violenza e l’Inadeguatezza della Legge

Il fatto:
Due i fatti più gravi denunciati: in Belgio è stata aperta un’inchiesta vera per uno stupro virtuale. In Germania, uno stupro virtuale su un bambino virtuale ad opera di un adulto virtuale. Entrambi sono stati espulsi da Second Life, scatenando l’ira degli avatar che vogliono una auto regolamentazione.
Tratto da: Queerblog

sex sesso second life

Una violenza sessuale all’interno di un mondo virtuale, pur se commessa da un avatar adulto su un avatar bambino, è violenza sessuale? Se la risposta fosse affermativa, paradossalmente, anche un impotente potrebbe diventare un pericoloso stupratore. Ma non è questo il punto, visto che se iniziassimo ad elencare tutti gli scenari possibili non finiremmo più.
Come avviene la violenza sessuale all’interno di un mondo virtuale? Beh, lì dove è possibile (Second Life, per inciso) è semplicemente il frutto di un programma esterno che forza gli avatar a commettere certe azioni. Lo stuprato guarda impotente il proprio avatar che viene “costretto” al sesso virtuale con un altro avatar. Molti si sono chiesti se queste notizie siano vere o soltanto il frutto di qualche mitomane a caccia di notorietà e soldi, oppure se dietro ci sia soltanto la volontà di pubblicizzare ulteriormente Second Life, che ormai somiglia sempre di più alla first life in quanto a comportamenti dei membri della community. Sei milioni di abitanti, una vera e propria nazione sovranazionale.
Il piacere dei giocatori di commettere crimini nei mondi virtuali non è una novità e già se ne parlò con Ultima Online (chi non conosce l’aneddoto di Garriot e il ladro?) dove i fenomeni di “criminalità virtuale” erano diffusi al punto da aver costretto spesso i server di gioco a creare regolamenti ad hoc per limitarli. Si parla di fenomeni come l’uccisione degli altri player da parte di giocatori “cattivi” (i PlayerKiller), che am(av)ano passare il tempo a tendere imboscate agli altri personaggi per il solo gusto di farli fuori, si parla di furti perpetrati a giocatori ignari che, magari, avevano faticato settimane per riuscire ad accumulare una certa somma di denaro e, insomma, si potrebbe parlare dei molti altri casi che non sto qui ad elencare per brevità. Sono “reati” inerenti al gioco che, ovviamente, non hanno alcuna rilevanza a livello penale ma che hanno finito con il modificare pesantemente il modo di concepire i MMORPG successivi, portando ad un aumento considerevole dei divieti per favorire un certo modo di giocare più “regolare”. In realtà esiste una scuola di pensiero che ha sempre difeso i “criminali”, adducendo il fatto che si tratta semplicemente di player che si divertono in quel modo seguendo le proprie inclinazioni e sfruttando le regole fornitegli dal programma / gioco. Un mondo virtuale ha regole diverse da quello reale e, visto che i comportamenti antisociali non comportano danni fisici o economici per chi li subisce, diventano automaticamente leciti e, anzi, sono la prova che il sistema di gioco è ben fatto perché garantisce un ampio margine di libertà, che poi si traduce nella libertà di violare le regole del vivere comune… come del resto avviene nella realtà.
Per Ultima Online e simili si parla(va) spesso di comportamenti illeciti sfruttanti le regole del gioco… ma era proprio questo a far riflettere: se i comportamenti sono previsti dal programma, possono essere considerati illeciti al di là delle leggi che esistono fuori dal gioco? Fastidiosi magari sì, ma illeciti?
L’utilizzo di programmi esterni per falsare un videogioco non sono cosa nuova e non sono un’esclusiva di Second Life. Sono anni che gli sviluppatori di FPS si battono contro i cheaters e anche nell’ambito degli stessi MMOG non sono rari i casi di ban di massa di account scoperti ad utilizzare programmi esterni per barare. Si può dire che il cheat è nato con i videogiochi, ma mentre utilizzarlo in single player è una scelta che coinvolge soltanto se stessi, utilizzarlo in un gioco online diventa una questione “sociale”. Ora, finché questi programmi vengono utilizzati per poter colpire alla testa un nemico senza mirare (FPS) o per ottenere risorse più velocemente (MMOG e RTS) il loro utilizzo è e rimane un problema interno alla comunità dei videogiocatori che non richiede interventi dall’esterno. Non credo che qualcuno sia stato denunciato perché beccato a sparare attraverso i muri in un Unreal Tournament qualsiasi…

sex sesso second life

Cosa distingue uno stupro in Second Life rispetto ai casi di cui sopra? Veder stuprato il proprio avatar è più “violento” del vedergli saltare il cervello a causa di un cheater? Un adulto che crea un avatar bambino e che subisce uno stupro, riceve gli stessi danni di un bambino vero stuprato? Nel primo caso, è stato stuprato l’adulto o il bambino? La rappresentazione pedofila, effetto diretto dell’atto, va sanzionata anche se ha riguardato soltanto i due umani davanti allo schermo e i loro avatar? Cioè anche se non ne è rimasta traccia? E nel caso che un adulto con l’avatar bambino decida di farlo prostituire?
A queste domande, e a molte altre tangenti, ne segue un’altra, ovvia ma essenziale: come può la giustizia ordinaria districare questo intreccio tra realtà e virtualità?
Uno stupro nella realtà è uno stupro. Ma nel mondo virtuale cosa è?
Non c’è alcuna stimolazione delle zone erogene, nessun piacere reale nei personaggi rappresentati, che si limitano ad eseguire alcune movenze in modo meccanico. Non c’è penetrazione in senso stretto, ma soltanto una compenetrazione tra poligoni che rimangono oltretutto rigidi e non subiscono alcuna alterazione. Per una marionetta virtuale sparare ad un palloncino, fare una passeggiata o fare sesso con qualcuno sono gesti indifferenti che non le causano alcuna alterazione emotiva o fisica. Per lei conta soltanto se l’azione richiesta dal giocatore è prevista o meno dal programma. Non percepisce la violenza, al massimo può arrivare ad esserne una delle tante rappresentazioni, ma con la stessa indifferenza con cui può compiere qualsiasi altro gesto previsto dal codice macchina.
Si è parlato di violenza “mentale” nei confronti del giocatore. Ma come la quantifichiamo questa violenza mentale? Come è possibile dedurre la maggiore dannosità di uno stupro virtuale rispetto, non so, alla visione di un film pornografico? Facciamo rientrare tutto nel campo della “volontarietà”? E allora anche l’invasività pubblicitaria può essere letta come una “violenza mentale” perché vedere uno spot qualsiasi non è il frutto della volontà.
Ma rimaniamo sui videogiochi senza ampliare troppo il discorso.
Se uno stupro virtuale è uno stupro, allora anche un omicidio virtuale è un omicidio perché, ovviamente, il giocatore non vuole mai essere ucciso. Ma il giocatore sa che morire fa parte delle regole del gioco e sa che quella morte è solo una delle tante possibili in un mondo virtuale qualsiasi. In quel caso sa bene che, pure davanti alla rappresentazione più realistica possibile della morte, non sarà lui a morire e anche il personaggio, in realtà, non morirà affatto ma parteciperà ad una specie di “performance della morte”, intesa in senso teatrale, che potrà ripetersi una moltitudine di volte senza produrre effetti sul corpo del giocatore. La conclusione non definitiva è che se la legge reale entrerà nei mondi virtuali, allora bisognerà riconcepire completamente il ruolo del corpo virtuale e la sua natura giuridica, sovrapponendo più codici e affrontando scenari inimmaginabili fino a pochi anni fa.

Aggiornamento: alcuni proprietari di luoghi all’interno di Second Life hanno stretto un accordo contro la pedofilia. Clicca qui per l’articolo completo.

13 comments on “Pedopornografia in Second Life – Sesso, Violenza e l’Inadeguatezza della Legge

  1. Argomento davvero spinoso e attuale. Onestamente stuprare un bambino virtualmente lo trovo più moralmente sporco di uccidere, ma fare questa differenza è un errore, lo so.

    Semplicemente siamo abituati a fare quel che facciamo da quando abbiamo toccato il nostro primo videogioco, ovvero uccidere (nella maggior parte dei casi) e ora che a qualcuno è venuto in mente di fare qualcosa di diverso lo notiamo e lo indichiamo come il male da proibire.

    Non so, fossi nel team di SL farei di tutto per ostacolare questo tipo di modifiche non autorizzate. Se si vuole tenere un equilibrio all’interno del sistema sociale di gioco, è meglio creare e applicare delle regole atte a mantenerlo senza scadere in certe bassezze.

  2. Penso che ovviamente la giustizia reale non debba entrarci (anche perché già i tribunali sono sommersi di lavoro, se ci mettiamo anche il virtuale… buonanotte 😀 ). Immagino però che là fuori non tutti saranno con me e che quelle denunce non rimarranno isolate… basteranno megadisclaimer e condizioni contrattuali da far accettare (oltre che ostacolare le modifiche) per tenere la giustizia ordinaria (per quanto possibile) fuori dal mondo virtuale? Ne dubito, anche perché la rappresentazione degli stupri diventerà sempre più morbosamente realistica, e sicuramente qualcuno s’inventerà qualcosa di sempre peggiore (chessò? campi di concentramento virtuali…).

    Lo stupro virtuale comunque colpisce di più dell’omicidio, è innegabile… è qualcosa di nuovo, prolungato nel tempo, più gratuito ed estraneo alle dinamiche di gioco (sebbene la rappresentazione della morte [altrui] nei videogiochi talvolta non è che sia proprio “asettica”, si tende a compiacere gli istinti più bassi).

  3. Gran bel pezzo, come al solito… esauriente e obiettivo. Per me è chi è estraneo ai videogiochi che esaspera o dà troppo valore a certe cose, che invece un videogiocatore maturo prende come semplici curiosità.E chi gioca a SL è un niubbo in quanto a videogames, per questo resta sconvolto per una cosa così.

  4. Come dici tu, il “bambino” in questione non è che un adulto (su SL si entra solo se maggiorenni) con un avatar skinnato da infante (anche se questa parola in italiano non esiste, la uso), che proprio un santerello non deve essere. Secondo me si è trattato di un “semplice” (virgolette d’obblighissimo) gioco di ruolo sessuale, semplicemente su SL è possibile pragmatizzare il fantasizzato. Così uno non “fa la bambina” ma può se non altro “apparire completamente come bambina” pur restando intrinescamente adulto. Che si tratti di stupro vero e proprio ne sono poco convinto, propendo per lo “stupro simolato ruolisticamente” altrimenti i Linden non avrebbero bannato entrambi.

  5. I limiti posti dai Linden Lab sono appropiati, entri solo se sei maggiorenne. Come soggetto maggiorenne sei libero di effettuare le tue scelte e prenderne le conseguenze.
    Se poi all’interno decidi di cercare qualcuno che corrisponda le tue perversioni e lo trovi, meglio per l’umanità, qualcun’altro, probabilmente, non dovrà subrile all’esterno.
    Un soggetto non mette in atto uno stupro virtuale perché il mezzo glielo permetto ma lo fà per realizzare un istinto gia presente. Credo che sia ora di finirla di scaricare il barile della perversione e del male umano su mondi virtuali e videogame.
    Direi, anzi, che la cosa é “quasi” buona, meglio un adulto in sembianze di bambino che si fa stuprare(convengo con Mando) virtualmente volontariamente, che un bambino stuprato realmente.

  6. Se poi all’interno decidi di cercare qualcuno che corrisponda le tue perversioni e lo trovi, meglio per l’umanità, qualcun’altro, probabilmente, non dovrà subrile all’esterno.

    Oralion, non è detto. Il motivo per cui si combatte la pedopornografia, cioè si persegue anche chi la detiene e non solo chi la produce, è perché si ritiene che possa essere di stimolo, e non sostitutivo all’atto. Che sia o meno così non lo so, personalmente mi pare che una limitazione come quella presente in The Sims (cioè che il “sesso” sia precluso ai minori) non farebbe alcun danno al “gameplay” di SL.

  7. Anche se, ripensandoci, immagino che non esista un parametro “età”, e se esiste non costituisce un vincolo sull’aspetto del modello poligonale…

  8. Pazzesco che second life che é sostanzialmente un gioco BRUTTO abbia una fama sconfinata grazie a questa libertá di fare quello che si vuole anche a chi i videogiochi non li caga neanche di striscio. Se questa possibilitá ci fosse stata in world of warcraft che sarebbe successo, avrebbe venduto il doppio?

  9. (Premetto ke gioco solo a WoW e non a SL)La cosa importante è ke, molto probabilmente, se una persona arrivata a cercare, trovare, installare ed usare un cheat per cosrtingere un avatar altrui a atti sessuali, questa è probabilmente una persona quanto meno “ossessionata” e con “deviazioni o problemi” forti nella sfera sessuale.
    Questo, applicato ad un videogioco in cui solo gli adulti possono partecipare non è a mio avviso un danno irreparabile, anche se sicuramente molto seccante, ma è un forte campanello d’allarme per il possibile comportamento nella vita reale di quella persona!
    Perciò in conclusione, il mio parere è che chi arriva a usare cheat per atti così moralmente bassi (e stiamo parlando di uno stupro, non di fare girare un avatar donna con un tanga invece ke le normali mutande) va come è giustamente successo, immediatamente bannato dal gioco e segnalato alle autorità!
    So che molti mi obbietteranno che allora anche uccidere in un gioco virtuale è una possibile “deviazione mentale”, ma teniamo conto che i giochi virtuali in rete in cui ci si uccide a vicenda sono concepiti per questo, si rinasce entro pochi secondi e si riprende a giocare, facendo diventare il tutto molto divertente.
    Senza contare che spesso in tali giochi sono anche concepiti diversi metodi per non essere uccisi se non si vuole in quel momento (ad esempio in WoW se non si vuole essere uccisi basta mettere un flag sui server non PVP mentre se si gioca su un server PVP la scelta è stata vostra di giocare iin posto dove il PVP regna sovrano).

  10. Ma… non credo che un comportamento negativo in un mondo virtuale corrisponda ad uno negativo nel mondo reale. Probabilmente rappresenta la lo sfogo di un impulso represso, come poi sono quasi tutti i videogiochi hardcore, ma non credo nella specularità. Il fatto è che nei mondi virtuali si tende a violare le regole molto più spesso che nel mondo reale, semplicemente perché è possibile farlo senza subire grosse conseguenze. Non parlo solo di videogiochi, ma anche di chat, community e simili. In fondo uno che fa il troll su un forum cosa sta facendo se non violare coscientemente una regola per il solo gusto di farlo? Rimane anonimo, può farlo comodamente dalla sua poltrona e sa che non subirà conseguenze. Magari nella vita, la stessa persona, è un pezzo di pane che subisce angherie anche dal suo orsacchiotto di pelouche… chi può dirlo…

  11. A parte che il software che “permette” lo stupro viene attivato da colui che viene stuprato, può comunque uscire da Second Life e rientrare senza il “blocco” e può addirittura entrare in un altro luogo.
    Quindi chi è stato “stuprato” ha voluto essere stuprato.
    Piccolo OT, bisogna stare attenti alla Pedopornografia poichè potrebbe celarsi un pedofilo reale dietro al pupazzo, ma atteni che alcuni avatar sono di aspetto teenagers e cmq maggiorenni quindi non vi è atto.

Leave a Reply