Games Convention Lipsia – Giorno 2 (giovedì)

Primo giorno di fiera aperta al pubblico, come previsto affluenza giovanile molto alta, con una buona percentuale di ragazze, attirate dalle postazioni Wii (Wii Fit, Raving Rabbits 2) e PS2/PS3 (Buzz, Singstar), grazie a questi “giochi” sembra esserci sempre più posto per loro.

Dopo un traumatico risveglio, doccia, barba e capelli e via di corsa verso la fermata del tram, per cercare di arrivare in tempo per la conferenza di Hideo Kojima. Arriviamo giusto in tempo e ci piazziamo tra le prime file in mezzo alla folla (a volte è bene farsi conoscere anche all’estero), dopo il conto alla rovescia e la visione di parte dell’ultimo trailer (E3) di Metal Gear Solid 4: Guns Of The Patriots ecco entrare Hideo Kojima accompagnato dal suo fido interprete. Il piccolo genio era lì di fronte a me, pronto a snocciolare alcune novità sul suo ultimo (l’ha nuovamente ribadito) Metal Gear Solid che vado a enunciarvi subito: in questo ultimo episodio Kojima ha voluto inserire il concetto della bella e la bestia, scegliendo 4 donne tra le più belle da altrettante zone del globo. Scelta alquanto azzeccata, dal filmato che ci ha mostrato in cui il team le riproduceva nei minimi dettagli, con una tecnica vagamente simile a quella del motion capture. Queste donne saranno presenti nel gioco, e anche se bellissime esteriormente, avranno davvero cattive intenzioni, come si può vedere dal nuovo trailer appena rilasciato, vestiranno un pò i panni di alcuni boss dei precedenti MGS, quali Raven, Mantis, Octopus e Wolf. Hideo, dopo essere stato raggiunto da Yumi Kikuchi, una delle 4 bellezze, sul palco per la sessione di domande e risposte , ha poi confermato di abbandonare la serie alla fine del rilascio di MGS4 (e che sicuramente rappresenterà la conclusione della saga di Solid Snake) e che si dedicherà subito a una nuova IP alquanto rivoluzionaria. Incrociamo le dita. Al momento non sembra essere prevista una versione di MGS4 per X360.

Haze Mario And Sonic At The Olympic Games Carne fresca.. Blizzard

Oggi ho potuto provare pochi giochi, la confusione regnava sovrana e le file erano interminabili per titoli come Devil May Cry 4, Quake Wars, Crysis e Call Of Duty 4. Per non parlare poi di Starcraft 2: lo stand di Blizzard è davvero enorme e consta di decine e decine di PC in LAN con il suddetto gioco in prova e la nuova espansione di World Of Warcraft Wrath Of The Lich King. Mi sono preso qualche minuto per provare Ferrari Challenge presso lo stand (praticamente inesistente, ma con una F430 Challenge con sopra il cofano due ammiccanti bionde da paura) della mitica System3 e mi ha fatto piacere vedere che si sta riprendendo, abbandonando il suo recente catalogo di titoli a basso costo per impegnarsi in questo racing game. Onestamente sembra fare un po’ il verso al mitico (e tutt’ora imbattuto sotto il profilo simulativo) Ferrari F355 Challenge, di Sega. Gioco onesto, controlli un po’ troppo reattivi e grafica sufficiente, ci sono ancora margini di miglioramento ma è bene dire che il gioco è completo al 75%. Comunque da tenere d’occhio, anche se un racing con campionato mono marca mi sembra ormai fuori tempo.

Molto carino e puccioso Dewi’s Adventure, dallo stesso team di Eledees (interno a Konami), ho avuto modo di provarlo per un po’ e devo dire che sembra abbastanza divertente da controllare e giocare. Controlliamo il piano (un po’ come in Monkey Ball) con sopra questo pacioccoso personaggio a forma di goccia, capace di trasformarsi in nuvola, fiamma e acqua, scivolando su differenti tipologie di piattaforme, che mutano in base alle nostre azioni e trasformazioni. Graficamente molto gradevole, è confezionato con elementi sonori un po’ bambineschi, ma è sicuramente godibile anche per noi eterni giovanotti.

Arriva il turno di Haze, FPS di Free Radicals, che ho provato brevemente (oggi tutto di corsa!) in cooperative con altri 3 players. Fluidità insufficiente e grafica buona (ma non da smascellarsi), buon feeling con la fisica e con delle armi davvero massicce. La demo è composta da 3 livelli, uno in mezzo alla giungla in lotta contro alcuni ribelli, nel secondo delle buggy che ricordano un po’ i mezzi terrestri di Halo, probabilmente per il metodo di controllo. Chi guida non può sparare, ma lo possono fare i passeggeri (credo se ne possano portare 3, più il conducente). All’appello manca un terzo livello, che spero di provare domani. Non mi ha impressionato tecnicamente, forse anche perchè l’ho giocato su un grosso schermo a 20 cm dagli occhi (gli stand PS3 hanno tutti un filo cortissimo per il pad), ma di certo ha destato in me un po’ di interesse, anche solo per il background di gioco.

Durante l’attesa per l’autograph session di Kojima, ho provato per qualche attimo Castlevania: The Dracula X Chronicles per PSP, tecnicamente ottimo, fluido e accompagnato da una stupenda colonna sonora, uscita prevista per questo autunno (evvai!).

Silent Hill Origins, a dispetto di alcuni video che mi hanno convinto poco, sembra avere molto dell’atmosfera del primo mitico episodio, pur avendo un personaggio abbastanza anonimo. Tecnicamente sembra davvero all’altezza e si è dimostrato molto fluido (almeno durante la mia breve sessione), un titolo da tenere d’occhio per il portatile Sony.

Domani spero di potermi dedicare allo stand Microsoft (Project Gotham Racing 4 mi attende!), e magari a qualche sessione di WiiFit (argh!). Prima di chiudere, tra le foto troverete anche quella fatta con il mitico e mai troppo lodato Chris Hülsbeck, gli ho stretto la mano, mi sono fatto firmare il mio cd originale di Turrican (l’OST) e l’ho ringraziato per quello che ha fatto in passato e che continua a fare tutt’oggi, dicendogli che la sua musica rimarrà per sempre ricordata da tutti noi videogiocatori della vecchia guardia. Che emozione.

mgs4 Autograph session - Hideo Kojima Ferrari Challenge - System3 Chris Hulsbeck!!

A domani.

10 comments on “Games Convention Lipsia – Giorno 2 (giovedì)

  1. Solo per alcuni “sorteggiati” è stato possibile salire sopra lo stand Konami a vederne una dimostrazione, ma credo lo stesse giocando Kojima.

  2. friol, ‘sto povero ragazzo ha scritto di getto all’una di notte… hai ragione, ora vedo di aggiustare un po’, ma sii comprensivo 😉

  3. Hai ragione friol, credimi non è mia usanza scrivere così, però tra la stanchezza e i tempi strettissimi non sono riuscito a fare di meglio.

Leave a Reply