Grand Theft Auto 4: a very first look

Sviluppato da Rockstar North | Pubblicato da Take Two Interactive | Piattaforme Xbox 360, PlayStation 3 | Rilasciato il 29 Aprile 2008

GTA IV LOGO

Possiamo amarlo, possiamo odiarlo, ma non possiamo ignorarlo. L’uscita dell’ultimo capitolo della saga più violenta, chiassosa e tamarra della storia dei videogame (probabilmente non è vero, ma qui suona davvero bene) ha interessato un’eterogeneità di persone raramente osservata in questo medium, il quale giorno dopo giorno, in un modo o nell’altro, rinuncia inesorabilmente alla propria adiabaticità per abbracciare platee sempre più vaste. Non è da tutti piazzare, in un solo giorno, 609.000 copie nel Regno Unito, come non è da tutti subire un sistematico e malizioso misunderstanding da parte della stampa generalista. Un’autentica miniera d’oro.

Il primo impatto assomiglia vagamente ad una rimpatriata semicasuale con vecchi amici: si riconosce immediatamente lo stile di Rockstar, come se in tutto questo tempo, oltre ai lifting, non fosse cambiato nulla. Gli artwork, la palette dei colori, la recitazione dei personaggi, sono elementi familiari che contribuiscono ad annientare i tempi d’acclimatazione all’intero sistema. Persino l’ironia, con quel suo scimmiottare i più disparati luoghi comuni mainstream, appare come la stessa di sempre. Prendiamo ad esempio la caratterizzazione del protagonista. Niko Bellic, alla pari di Carl Johnson e di Tommy Vercetti, consiste nella poligonalizzazione di un paradigma vivente, nella fattispecie quella dell’emigrante in fuga dalle tragedie dell’est europeo e smanioso di prender parte al sogno americano in una città, Liberty City, che assume i connotati della terra promessa. Naturalmente, complici le farneticazioni di un cugino dall’immaginazione sin troppo fervida, ogni ambizione di gloria si trasforma presto nella più classica lotta alla sopravvivenza. Se il nostro alter ego si fosse chiamato Antonio Esposito, e venisse dalle disgrazie del dopoguerra italiota, il succo sarebbe cambiato ben poco.

Niko Bellic

Rockstar da’ l’impressione di seguire una regola non scritta ma pedissequamente seguita nell’industria: concentrarsi sulla rappresentazione piuttosto che sulla comunicazione. Ed è così che abbiamo, grazie alla potenza dell’ultima generazione di console casalinghe, una città pulsante vita tanto da indurre l’illusione di trovarsi al cospetto di un organismo quasi senziente, che risponde alle nostre sollecitazioni in maniera inaspettata e forse capricciosa; Liberty City è un tripudio di vicoli, di gente seduta al bar, di opulenze architettoniche e, ovviamente, di autoveicoli. Il dettaglio grafico sbalordisce per la sua coerenza, pare non esistere neanche un minuscolo angolo trascurato dagli sviluppatori; anche gli interni degli edifici, esplorabili molto più che in passato, esibiscono gran cura.

Il risvolto della medaglia, però, non tarda a presentarsi sotto forma di una sensazione, di un’idea malsana dai contorni evanescenti. Il pensiero piacevole di poter contare su un personaggio un po’ più mobile rispetto al passato (è possibile appendersi a sporgenze da novelli Lara Croft e sfruttare un meccanismo di copertura negli scontri a fuoco), o di poter usufruire di un telefono cellulare in guisa di comodo sistema di gestione dei vari contatti, lascia progressivamente terreno al sospetto di una meccanica farraginosa (il combattimento a mani nude raggiunge picchi di lentezza forse inediti) e di un’offerta videoludica con ben poca carne a cuocere, tolti i barocchismi. Mi giro intorno e scorgo solo commenti entusiasti e recensioni che inneggiano alla perfezione, e mi sento quasi un alieno nel domandarmi quanto sia effettivamente grande questo GTA4. Rimando, però, ad una fruizione completa dell’opera ogni mia valutazione estensiva e definitiva.

Nota: le considerazioni testé riportate sono frutto di alcune ore di gioco e vogliono costituire una sorta di raccolta di riflessioni preliminari, con lo scopo di incentivare un lungo confronto della comunità di Ars Ludica sul tema. Il discorso, da parte dell’autore, non è certo finito qui.

41 commenti su “Grand Theft Auto 4: a very first look

  1. Sento la necessità di provare questo gioco, forse mi sto perdendo qualcosa di importante o forse no. Venerdì sera lo vedrò da un amico, in ogni caso spero in una tua recensione (magari congiunta con coolcat) completa in futuro.

  2. Questa proto-recensione (perchè dice che è basata su poche ore di gioco) mi sembra un “Arsludica è un sito per videogiocatori colti, quindi siccome questo gioco è per le masse, non può che essere brutto per noi videogiocatori raffinati”.

    Sullo slancio di ABS: 😀

  3. -Non è per nulla una recensione ma una prima impressione
    -Emack è appassionato della saga
    -Abbiamo in programma altri due articoli sul gioco… secondo te lo staremmo snobbando?

  4. A parte che è una proto-recensione anche per l’eccellente ragione che lo è espressamente (la nota, la categoria “focus on” anziché “recensioni”), a scriverla è stato un fan sfegatato della serie, che sul forum si è messo a difenderla contro un’orda rabbiosa di detrattori.

    Poi capisco che il personaggio è quello e non lo puoi cambiare, eh, per carità. Non mi sogno nemmeno di chiedertelo.

  5. Stamattina mentre vagavo alla ricerca di un negozio in grado di vendermi del pane (vivo vicino l’estrema periferia di Marte, qui o ti svegli all’alba o nei giorni festivi puoi anche morire di fame) ho visto un cartellone enorme che pubblicizzava GTA IV. Mi è sembrato curioso, intanto perchè dubito che le poco alfabetizzate caprette del mio vicino siano in grado di leggere e apprezzare o farsi influenzare dallo spot, poi perchè il cartellone accanto espone il poetico fonoschiena di una donna sconosciuta intenta a compiacersi del proprio intimo.

    Fatto sta che sono finito in un centro commerciale e invece del pane ho comprato No More Heroes, molto bello, non prima però di giocare mezz’oretta nei panni di Bellic.

    GTA IV, stando a questo mio proto-commento e alle mie proto impressioni, ha molto da dire, avete presente quando siete con una bella ragazza ma questa parla parla parla parla parla e ancora parla? ecco. Nulla toglie che sia una persona iteressante, ma diavolo, quante ore passano prima che dica qualcosa di veramente intelligente? vogliamo davvero che venga detto qualcosa di intelligente o preferiamo immaginare che sia così? questo è un altro problema, ed io ho perso il fottuto filo del discorso che mi par già abbastanza lungo. maledizione.
    Buon primo maggio!

  6. In primo luogo non mi sembra di essere stato scortese o volgare. il termine “proto-recensione” spero non abbia offeso nessuno, perchè non voleva offendere.

    In secondo luogo non ho detto che arsludica sta snobbando il titolo.

    Ho detto la mia opinione su quanto letto, quindi non vedo perchè tirare in ballo il mio modo di fare, quando in questo caso non sono stato assolutamente me stesso.

  7. > il termine “proto-recensione” spero non abbia offeso nessuno, perchè non voleva offendere.

    Ma no, ma no. E poi lo è, appunto.

  8. Ne ho viste di posizioni snob verso GTA, queste ArsLudichiane non mi sembrano così gravi, anche se a tatto si nota non so perchè una certa antipatia generale per il suddetto titolo.
    Ci ho giocato circa 30 ore, l’ultimo videogioco che fu capace di farmi fare una sessione di quasi 10 ore di fila fu Metal Gear Solid 3 a suo tempo.
    Ora che il popolo lo ritenga arte o che la critica sostenga che Gta fu usato come ultima tentazione per condurre Cristo nel deserto al peccato fottesega.
    Io non mi divertito così genuinamente da parecchio, voi fate un pò come cazzo vi pare 🙂

  9. Sembrerà incredibile ma nonostante l’hype e nonostante il gran parlare ed i tanti pareri entusiasti che leggo in giro, per ora non sono riuscito ad interessarmi più di tanto al suddetto gioco. Ma non perchè lo reputi brutto, “per la massa” o menate varie, ma semplicemente perchè riesco difficilmente ad appassionarmi a questo genere di giochi in free-roaming totale (un’eccezione è stata Crackdown, che mi ha coinvolto più per il fatto di poter fare l’acrobata tra i grattacieli, per il resto stop). Detto questo, non avendo ancora giocato nè provato il gioco non ho idea di quanta carne al fuoco ci sia (a leggere hands-on vari comunque sembra che ce ne sia), però non mi sembra così anormale considerare il fatto che ci possano essere persone che semplicemente non riescono ad appassionarsi al suddetto (per pura questione di gusti), aldilà della sua bontà oggettiva. Per carità, prima o poi finirò per comprarlo anche io (se non avessi una coda non indifferente di giochi da terminare), perchè comunque aldilà delle proprie preferenze, sembra essere un gioco che va almeno provato, e il numero di discussioni e dibattiti che ha generato suscita comunque tanta curiosità.

  10. Ricordo (ancora) che Emack, autore del pezzo, è un fan della serie persino dal primo episodio.

  11. E abbiamo deciso che era la volta buona per sfruttare questa sua reputazione ai nostri loschi fini, perciò l’abbiamo ricoperto di soldi per negare fortissimamente di stare divertendosi come un matto.

  12. “Rockstar da’ l’impressione di seguire una regola non scritta ma pedissequamente seguita nell’industria: concentrarsi sulla rappresentazione piuttosto che sulla comunicazione.”

    Articolo eccellente.
    Ho appena visto una videorecensione di Gametrailers; per come la vedo io, GTAIV è spettacolare, per quanto il lavoro tecnico possa essere messo in discussione da qualche calo di framerate (vedremo su PS3).
    Il guaio è, come subodoravo, che a conti fatti l’immane quantità di cose da fare in Liberty City tenda sempre a rendere il giocatore bulimico in cerca di un senso, senso che viene dato dalla classica struttura cutscene-missione-torna alla base.
    Sembra quindi che al solito che le cose nuove siano cose “in più”, ma il nucleo non è stato sufficientemente rivisto (probabilmente perché molti non ne sentivano il bisogno).
    Nonostante questo, vista l’introduzione del gioco online e il miglioramento di molti aspetti discutibili siamo palesemente di fronte al capitolo più completo dell’intera serie.

  13. No Lance, la 360, come la sua sorella minore, non mi attira.
    L’unica console che ho in mente di acquistare è la ps3.

  14. Già.. un first look molto first I presume..
    questo gioco mi stà piacendo parecchio, certo non è che sia privo di difetti o particolarmente innovativo come gameplay.. ma ca..o è fottutamente divertente!
    la storia e i personaggi soprattutto trovo che siano poi molto più “maturi” rispetto a SA..niko è tra i migliori personaggi di sempre, a mio parere. e lodi agli autori anche solo per l’ironia di fondo.. che è da sbellico..
    Fuck yea

  15. Sono reduce da una prova fatta da un caro amico. Che dire, mi ha impressionato positivamente (sembra pure più bello di quel che si vede nelle varie videoreview). Vacillo.

  16. Confermo pure io, non sono un fan della serie (ho odiato San Andreas), ma questo GTA IV è veramente notevole. Inspiegabile.

  17. Secondo me la notevolezza di GTA IV, oltre al gameplay migliorato, è sicuramente la sceneggiatura e la caretterizzazione dei personaggi, un milione di anni luce superiori ai gangsta/rapper dei vecchi episodi.

    Diciamocela tutta: ormai i soldi sulle spalle dei tredicenni esagitati li hanno fatti, continuare su quella linea sarebbe troppo controverso (e stupido, visto che le polemiche degli anni scorsi li hanno portati vicino alla bancarotta e alla svendita, salvati solo dal carità finanziamento di 50 milioni da parte di Microsoft) eccoli quindi inziare a fare davvero qualcosa per persone mature, qualcosa che non sia solo violenza gratuita e la visione del sesso di un teenager in crisi ormonale.

    Sul comparto tecnico-grafico mezza delusione: gli screen pubblicati sono chiaramente fotoritoccati ed il gioco in movimento, anche a risoluzioni elevate, non è così next-gen come i trailer lasciavano intendere. Solo l’ultimo uscito poco prima del lancio ci dà una visione realistica della grafica, piuttosto nella media e non priva di artefatti e sbavature (l’illuminazione, le ombre e gli alberi sono da ergastolo).

    Rimane comunque un giocone, uno dei pochi che dia un senso (ma ne fa anche vedere i grossi limiti) alla X360.

  18. Le ombre sono PERFETTE 😀

    L’unico titolo con ombre migliori che mi viene in mente è Crysis, perchè ha l’occlusion in tempo reale.

    L’illuminazione è eccellente 😀

    Non saprei indicarti un titolo migliore da questo punto di vista, forse ancora Crysis.

    Come mai secondo te illuminazione e ombre sono da ergastolo?

  19. in effetti, guardando i video, gli alberi sono veramente da ergastolo (credo che lo stesso problema ci sia anche in GT5, o forse GT4HD, non ricordo bene!)

  20. Ero così preso dal gioco che non ho avuto neppure il tempo di notare il comparto tecnico 😀

    A me sinceramente già dei vecchi screen pareva che non dovesse far esplodere il video tecnicamente, quindi me lo aspettavo, ma devo dire che non sono per niente deluso in ogni caso, anzi.

    Inspiegabile potere di GTA o di una sceneggiatura, come Matteo ha fatto giustamente notare, travolgente e matura.

  21. un po’ di rispetto per chi soffre perchè ha solo un pc, non vi lamentate.
    Se posso dire la mia per quel che ho potuto vedere il comparto tecnico è sbalorditivo! Non lo è in senso assoluto, ma in rapporto al tipo di gioco. La cosa che più mi colpisce è proprio l’illuminazione di cui Matteo Anelli si lamenta, la luce è calda e finalmente sembra reale, non ha quella paletta di colori freddi e finti del vecchio.
    E poi è Gta.

  22. Considera che meglio di così non si può 😀 Al momento nemmeno su PC. Se si vogliono tutte le ombre in real time, al momento il limite massimo è quello. Crysis le disegna alla stessa identica maniera.

    Vedremo con la prossima generazione di schede cosa si riuscirà a fare.

  23. 1) chissenefrega delle ombre…
    2) a me la saga gta fa schifo, ma dopo un paio d’ore di insistenze di amici lo ho comperato lo stesso (che sciocco che sono), e mi ha fatto proprio schifo!

    Proprio non capisco sti voti altissimi che becca!
    in single è banalotto, (raggiungi la destinazione – corri dietro a un tizio – lo raggiungi – gli spari(e questa è la missione piu divertente)
    in multi è “””carino””” ma non me lo paragonate a nessun gioco che ha un multi SERIO (halo3 COD4 etc etc)!

  24. Però, scusa, samael… Io prima di spendere 70 euri ci penso qualche settimana…
    L’acquisto di GTA IV in questo periodo era preventivato dall’anno scorso. 😀

    Secondo voi è grave che ancora debba rimetterci mano da dopo la stesura di questo pezzo?

  25. Pings/Trackbacks Ars Ludica » Blog Archive » Grand Theft Auto IV [single player]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.