GTA IV si difende benissimo da solo

Sinceramente non ho trovato molto scandalosa l’iniziativa del Codacons…

Aspettate, posate quei forconi!

Semplicemente mi è sembrata così sciocca e superficiale da apparire immediatamente come totalmente campata in aria e inapplicabile. Già il fatto che sia nata dopo aver ascoltato Fiorello a Viva Radio 2 (noto maitre a penser italiano) la dice lunga sulla competenza di chi ha attaccato GTA IV… ma è leggendo il comunicato che mi è venuto soltanto da ridere (oltre che un herpes sul naso).

Insomma, le motivazioni per la richiesta di ritiro dai negozi di GTA IV sono così false e ridicole che nessuno potrebbe accoglierle seriamente (a parte qualche politico a caccia di notorietà e di brutte figure… più o meno quello che successe a Frattini quando si scagliò contro Rule of Rose in sede europea dopo aver letto le baggianate scritte da Panorama) visto che un buon avvocato, ma anche un videogiocatore qualsiasi, possono demolirne il contenuto sorseggiando una birra e ruttando tra un periodo e il successivo.

Per questi motivi mi sembra che certe reazioni siano state un tantinello esagerate rispetto all'”offesa” subita (se uno ti da uno schiaffo non estrai il BFG per farlo fuori… a meno che tu non sia sull’orlo di una crisi di nervi) e i fiumi di parole accorate sprecati per difendere GTA IV potevamo risparmiarceli (parlo della critica videoludica in generale).

Insomma, basta un po’ di ironia per far capire quanto blanda sia l’intera faccenda, anche perché pensare ad un giorno in cui nessuno attacchi più i videogiochi accusandoli di chissà quali misfatti… beh, mi sembra illusorio e puerile. Oltre che controproducente.

Guardiamo in faccia la realtà: non ci sono riusciti i libri e i film a scappare dalle grinfie dei moralisti (pensate agli attacchi vaticani ad Harry Potter), perché dovrebbero riuscirci i videogiochi? E, soprattutto… perché i videogiochi dovrebbero sperare di non essere oggetto di polemiche?

Se i moralisti non attaccassero i videogiochi i mi preoccuperei seriamente. Le polemiche di certa parte del pensiero collettivo sono il segno della vitalità e della forza di un medium, non certo della sua debolezza. Sono contento che una certa area culturale attacchi i videogiochi perché è solo in questo modo che trovo senso nel videogiocare e nel cercare di diffondere la cultura videoludica (mi diverto anche, non vi preoccupate).

Se il moralista di turno non trovasse niente da eccepire su un videogioco come GTA IV, mi preoccuperei… per GTA IV che, oltretutto, si difende benissimo da solo con la sua qualità.

Ben venga quindi il comunicato della Rockstar in risposta alle assurdità del Codacons (stringato e molto efficace):

Rockstar Games è molto stupita dal comunicato stampa di Codacons riguardo a Grand Theft Auto IV, videogioco che è stato acclamato dalla critica di tutto il mondo.

Le dichiarazioni di Codacons contengono numerose imprecisioni significative che riguardano la trama e il contenuto del gioco, incluso il fatto completamente falso ed inaccurato che contenga scene di stupro.

Inoltre Codacons dichiara in maniera non comprovata che videogiochi destinati ad un pubblico adulto causino violenza nel mondo reale, concetto che è stato rigettato da numerosi studi di ricerca.

E’ inoltre necessario tener presente che l’età media dei videogiocatori si attesta intorno ai 30 anni e che noi promuoviamo i nostri prodotti riferendoci al pubblico appropriato.

Nonostante rispettiamo gli interessi di Codacons nel proteggere i giovani consumatori, le loro preoccupazioni in questa istanza sono estremamente fuorviate e le loro dichiarazioni si basano su una grande mal informazione.

Ma per favore, noi altri evitamo la drammatizzazione eccessiva di un fatto che dimostra solo l’ignoranza di chi siede su certe poltrone, più che un rischio reale per il nostro medium (i pericoli vengono da ben altre direzioni).

9 comments on “GTA IV si difende benissimo da solo

  1. Hanno semplicemente paura, paura di una cosa che nn capiscono che è fuori dai loro schemi mentali; e sopraffatti dalla paura, attaccano.

    =DuM3D0

  2. In effetti certe petizioni/reazioni sono esagerate. Un po’ da coda di paglia.

    Inoltre va bene una raccolta di firme all’anno per i videogiochi, di più sembriamo pannella con lo sciopero della fame ogni venerdì del mese.

  3. Concordo, specialmente sull’esagerazione delle reazioni. Le capivo giusto al tempo che i miei ormoni scalpitavano ancora un poco. I cineasti sopportano di molto peggio e da molto più tempo e perlopiù nessuno protesta.

  4. Inoltre non vorrei dire, ma ha pure ammesso i suoi trascorsi di dipendenza dalla cocaina, insieme a quell’altro grande compagno suo, un vero baluardo di integrità morale nonché ottimo esempio per i giovani.

    Dalla sua storia ho capito che puoi sputtanarti i soldi ai cavalli, drogarti e tutto sommato finisce pure bene, che fai ancora più soldi e tanto male non stai.

    Ci manca solo che dica la sua anche Frabrizio Corona e siamo a posto.

    Su Niko Bellic c’è poi da dire che per tutta la durata del gioco dispensa ironia e sarcasmo sulle vite misere e i vizi dei suoi tanti amii. Inoltre tutto il gioco si costruisce su di una critica esilarante all’america (e di conseguenza anche al resto del mondo occidentale).

    Cavolo, basta giocarci.

  5. Diciamo che hanno sparato a casaccio ma stavolta gli è andata male perché, anche se fondamentalmente uguale ai precedenti nella struttura, GTA IV è un gioco con cervello, ironia e atteggiamento critico, a differenza dei suoi superficiali predecessori…

Leave a Reply