Esaminando Muslim Massacre

Ogni guerra santa è prima di tutto una guerra culturale in cui, più che uno scontro di civiltà contrapposte, scendono in campo le rispettive ottusità dandosi battaglia in nome di principi astratti e distanti. I periodi di crisi economica e culturale sono fertilissimi per l’affermarsi degli assolutismi e il nostro non fa certamente eccezione. Senza addentrarci troppo in questioni che esulano dall’ambito di Ars Ludica in quanto tale e che meritano sicuramente un approfondimento maggiore in altre sedi (e con altre persone), esaminiamo uno dei frutti del clima di odio culturale degli ultimi anni: Muslim Massacre.

Si tratta di un’arena shooter con la grafica che sembra rippata da Cannon Fodder in cui lo scopo del giocatore è quello di massacrare terroristi islamici. Fin qui niente di originale, verrebbe da dire, il solito gioco di propaganda filo USA. A renderlo interessante sono alcuni elementi che meritano di essere esaminati.

Il primo è il suo essere un gioco freeware, un progetto amatoriale quindi, ovvero di essere stato “pensato” in assoluta libertà rispetto a logiche commerciali. In questo senso stupisce la realizzazione di un prodotto “così” convenzionale e conservatore, privo di qualsiasi slancio anarchico sia a livello di gameplay che a livello tematico. Ma questa è una caratteristica comune a molti titoli freeware che, spesso, non vanno oltre l’esercizio di programmazione e il tentativo di copia della fonte di ispirazione degli sviluppatori, qualsiasi essa sia (non è una critica, sia chiaro, è una constatazione).

Il secondo elemento interessante è il background culturale che lo ha prodotto e che è intuibile sin dal titolo. Senza nessuna mediazione lo sviluppatore ha scelto di essere il più esplicito possibile: “Muslim Massacre”. Bando a qualsiasi generalizzazione, quindi. Non bisogna massacrare dei terroristi e nemmeno un esercito nemico, bisogna semplicemente massacrare dei musulmani. Certo, avviando l’eseguibile uno slide show di prime pagine di giornali fasulli lascia intendere che il massacro nasce come risposta ad una bomba messa a Chicago da Al Qaeda, ma la sostanza non cambia granché, visto che il titolo è incontrovertibile e non lascia spazio alle interpretazioni: quelli che uccidiamo sono prima musulmani e poi, magari, terroristi… sempre che nella testa dell’autore le due cose siano scindibili (magari è solo un adolescente confuso che per pensare segue la sudorazione delle sue palle più che la ragione).
Esaminando le scelte stilistiche fatte per confezionare il gameplay (per un approfondimento CLICCA QUI), notiamo (seguendo l’ordine delle schermate come appaiono all’avvio):

il logo vagamente nazisteggiante dello sviluppatore;

la scelta, per i titoli dei giornali, di frasi che sembrano uscite dalla più squallida propaganda militarista;

la prima “M” della parola Muslim decorata con la bandiera americana, i colori scelti per le voci del menù (che riprendono quelli della bandiera) e il cursore a forma di missile;

la caratterizzazione estremamente gore dei nemici morti, che sembra più legata ad un particolare immaginario che ad un esame attento della realtà di un campo di battaglia reale; i vari nemici, che sembrano usciti da un manule di propaganda del perfetto terrorista (dal terzo schema in poi arriveranno anche i kamikaze); la presenza, in basso a destra, di una raffigurazione del soldato americano incredibilmente stereotipata, con tanto di canotta verde, con capelli biondi e occhi azzurri, con la sigaretta in bocca, con un tatuaggio raffigurante la bandiera americana sul braccio sinistro e con il braccio destro messo nella tipica posizione di chi sta mostrando i muscoli… manca solo la classica frase ad effetto (meglio non dare suggerimenti, comunque); la presenza di un contatore delle nostre vittime sopra l’immagine del soldato; e, infine, lo scenario estremamente stereotipato (la classica strada nel deserto… anche gli scenari successivi non sono da meno).

Pensandoci bene, però, c’è un solo dettaglio che rende questo gioco così sgradevole: la totale mancanza di ironia. Non c’è un momento dissacrante, o un qualcosa che faccia intuire un minimo di sarcasmo…

Oppure proprio questa ostentazione di tutti i luoghi comuni possibili e immaginabili è l’ironia che vado cercando?

E, ancora, se l’ironia fosse implicita nel fatto che qualcuno è riuscito a concepire un gioco del genere?

MUSLIM MASSACRE

12 comments on “Esaminando Muslim Massacre

  1. Credo che l’ironia sia proprio l’ostentazione di tuti i luoghi comuni. Una sorta di “prendili per il culo con la loro stessa propaganda”
    Nel forum (ho letto solo la prima pagina di commenti) l’autore non si sbilancia (sembra che si diverta a giocare sull’equivoco), ma dovendo scegliere andrei sull’ironia. E’ davvero troppo esagerato per essere preso come prodotto “serio e convinto”vera propaganda.

  2. L’ho giocato fino alla fine.
    L’hai visto il boss finale? No, dico, Osama che spara aerei? ^_^
    Dopo quell’immagine ho deciso di leggere il theread completo sul forum e a pagina 4 ho trovato questo, che direi che chiude il discorso sulle intenzioni dell’autore

    “Throughout the game development I scattered lots of “social commentaries” into the game but as a whole I don’t think the game inheritely has a meaning behind it other than to be fun. There are little jokes in it poking fun at America and Islam but ultimately it is a loving computer game.

    The Muslims represented in the game aren’t meant to be based on actual Muslims, they are more like 2002 Fox News Terrorist Jihadist everybody panic Muslims. So, a more fitting title is “Stereotypical Muslim Massacre” but that just doesn’t have the same ring to it.

    If I was to try and come up with a meaning for the game at this moment, it would probably be something along the lines of metaphorically destroying the stereotypical depiction of a Muslim.

    Although ultimately, its still just a fun computer game”

  3. l’ho letto… è che continua a non convincermi. Ovvero: perché devo leggere il topic di un forum per capire che il gioco è ironico? Un film comico che richiedesse indicazioni esterne per far capire al fruitore la sua natura… beh, sarebbe fallimentare!
    In questo caso la rappresentazione è estremamente ambigua e l’uso di luoghi comuni, che possono essere usati sia in chiave dissacratoria che in chiave propagandistica, non permette di comprenderne il fine se non sfruttando testi esterni (o paratesti, per far felici gli amanti della semiotica).

  4. E’ un tema così controverso che rischia di far salire velocemente il sangue alla testa. Forse per questo l’ironia non arriva a tutti.
    A me è arrivata. Il Bin Laden finale è stata l’apoteosi (anche i kamikaze sono forti, mi ricordano un po’ quelli di Serious Sam ^_^).

  5. Dopotutto è un gioco partorito da somethingawful…. Non credo si possa prendere sul serio.

    Insomma, il protagonista sembra un cretino, il main screen è kitsch da paura, osama spara gli aerei, la maggior parte dei mussulmani sono disarmati a fronteggiare “l’eroe” americano pieno di bombe; io ci vedo una notevole dose di humour nero.

    E poi c’è il gore, ma se non ci fosse non sarebbe da SA.

    E i kamikaze rullano. AAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA(amo serious sam!!!)

Leave a Reply