Spore

Sviluppato da Maxis | Pubblicato da Electronic Arts | Piattaforme PC, MAC | RIlasciato nel 2008

Spore è un editor con quattro giochetti di contorno che sfociano in una fase finale meritevole di essere provata almeno una volta. Crei la tua creatura, la fai crescere, ti butti nella comunità e la scambi con gli altri.

All’inizio non ho voluto credere alla pochezza delle prime quattro fasi e ho perso un sacco di tempo alla ricerca di cose da fare per dimostrare a me stesso che in fondo, da qualche parte, un po’ di profondità c’è. Niente.

Piano piano ho capito che la maggior parte del tempo lo si passa sull’editor a decorare quella specie di pupazzo che dovrebbe essere una creatura in via di evoluzione… ma non prendiamoci in giro, Spore con l’evoluzione non ha niente a che fare.

Al massimo è un simulatore di buffe creature dagli strani colori che assumono forme improbabili a seconda dei gusti dell’utente. Una specie di Teletubbies simulator.

Le cinque fasi ormai le conoscono tutti: la prima è una specie di Pac-Man flowizzato, la seconda mi ha ricordato i tamagotchi, la terza è un RTS talmente pacchiano da essere ridicolo, la quarta vorrebbe essere una specie di Civilization ma è profonda come un browser game gratuito di Facebook.

A parte la prima, l’unica decente (ma non miracolosa), le altre sono sbrigative, superficiali e assolutamente inutili. La maggior parte delle personalizzazioni sono di tipo estetico e non hanno effetti sensibili sul gameplay. Ad esempio nella quarta sezione, cambiare aspetto alla propria città è utile come telefonare all’assistenza clienti della Telecom per risolvere un problema con la linea.

Lo scopo appare sempre lo stesso: favorire la varietà per aumentare il volume degli scambi online. Una libertà subprime basata sul vuoto assoluto.

Poi, fortunatamente, arriva la quinta fase, il vero fulcro del gioco, in cui bisogna rendere potentissima la propria astronave in una specie di GTA intergalattico. Bellina, soprattutto perché, dopo tanto scoramento, arriva inaspettata.

Infatti, il problema della quinta fase è che, per arrivarci, bisogna prima superare le altre, insopportabili, quattro, che non permettono di valutarla troppo serenamente. Affrontate la prima volta possono pure passare, ma doverle ripetere è un vero strazio, anche perché portano via ogni volta almeno quattro ore.

Il gioco sembra ossessionato dalla personalizzazione, ma per renderla totale qualcuno si è dimenticato di renderla anche “efficace”. Guardandolo bene, Spore ha una struttura rigida e lineare (al contrario dell’evoluzione), che però può avere un maquillage differente a seconda del gusto estetico del giocatore. L’unica fase aperta è la quinta, che sembra quasi un gioco a parte (e forse meriterebbe di essere reso tale).

Spore è una specie di videogioco 2.0, insomma, in cui tutto appare libero pur essendo prefissato.

Demoralizzante.

24 comments on “Spore

  1. Mi ha impegnato allegramente due pomeriggi, tra l’altro non so manco come finisce che sono fermo alla fase galattica (che invece mi ha preso di meno).
    Gradirei invece più giochi che sfruttino lo stile floweggiante, i laik itz

  2. Già detto in forum: mi sono rifiutato di terminare la seconda fase.
    La prima mi era piaciuta, soprattutto per com’è confezionata.

    Peccato

  3. A me Spore è piaciuto e non lo dico per andare controcorrente o chissà che, non ci posso fare nulla, tra l’altro i gusti sono gusti e non mi permetterei mai di giudicare quelli degli altri o di dire che Spore è un bal gioco in senso assoluto. Diciamo che per fortuna mi è piaciuto e l’ho apprezzato anche se capisco benissimo i motivi per cui può non piacere, che sostanzialmente sono quelli citati da Simone. Non è un titolo facile da valutare e o piace o non piace, non eisste che piace così così, è un titolo troppo controverso per lasciare indifferenti, in un modo o nell’altro…

  4. Beh, mi pare di intuire tra le righe che a Karat il gioco non e’ piaciuto 😀

    Ma quindi e’ meglio sim-life?

  5. Sicuramente un punto di vista interessante e per certi versi pure giusto, ma ora per gioco potresti provare a guardare il tutto seguendo il recente consiglio di Molyneux… indossa gli occhi da casual, vedi le stesse cose?

    Sim Life è già stato sviluppato, appartiene a un’altra epoca che in parte vorrei tornasse ma che dall’altra non permetteva la profondità emotiva che invece c’è in Spore. Davvero è possibile abbandonare questo gioco alla seconda fase? è così semplice, è divertente anche solo scoprire chi ha creato la varie creature che si incontrano, magari spedire qualche feedback.

    Spore è comunità e semplice darwinismo applicato, giusta antitesi del creazionismo con cui ci ha fatto giocare Bullfrog prima e Lionhead poi con Populous e Black & White. Io ci vedo di più, il finale del gioco è la mia prova del nove.

    Un gioco per famiglie come dice Mando, ma secondo me lo è anche per noi… piuttosto, noi chi siamo? Quanti siamo? Io posso dire noi e pensare di coinvolgere anche voi oppure c’è chi non può farlo?

  6. Vedi Francesco, non ce l’ho con Spore per motivi particolari e ne ho compreso la filosofia di fondo, ma fondamentalmente vedo anche che all’immediatezza si è sacrificato moltissimo in termini di completezza di tutti quegli elementi che vanno oltre una concezione cosmetica del gioco. E ti parlo da fan di The Sims (1 e 2), che considero geniali e da fan di vecchia data della Maxis, tanto per non dare adito a speculazioni laterali. Semplicemente lo trovo molto “medio”, nel senso più deleterio che si possa dare al termine.
    Ma forse in questo caso sono le aspettative che mi hanno fregato… se non mi fossi aspettato “Spore il gioco rivoluzionario” ma “Spore il gioco per famiglie” forse mi sarebbe stato meno indigesto.

  7. Ma secondo il mercato quando uno si sposa e mette su famiglia diventa all’improvviso celebroleso e perde il suo quoziente intellettivo non riuscendo più a fare azioni in videogiochi che prevedono due opzioni possibili.
    In tal caso mi spiace per Karat che è sposato e ha famiglia e per il suo triste destino ma sembra ormai assodato che la parola “famiglia” venga usata come sinonimo di mongoloide!

  8. @Serino:
    Io vedo solo quanto si divertono mio Zio e suo figlio, io pure ci ho giocato molto e mi sono divertito (la fase spaziale no, pero’). Pero’ è vero che non impiegherei il mio poco tempo libero a costruire animaletti

    @Karat:

    lo sospettavamo =pp

  9. Infatti è proprio questo quello che mi da’ più fastidio: l’equazione casual = deficiente. La cosa bella è che quest’equazione la applicano più l’industria e gli sviluppatori che siti snob come Ars Ludica 😀

  10. ..perfettamente daccordo con la recensione di Karat.

    Ma perche sulla stampa specializzata, o sui siti più famosi non si analizzano in maniera obiettiva questi titoli mediocri e si sparano sempre voti altissimi ?
    è la paura di non ricevere più notizie/anteprime/interviste/giochi gratis dalle case produttrici o è altro?

  11. Il gioco non l’ho provato quindi non giudico.
    come telefonare all’assistenza clienti della Telecom per risolvere un problema con la linea.
    Non per contraddirti, ma se li minacci di passare alla fibra ottica di Fastweb ti trovi il tecnico alle 10 del mattino dopo che risolve il problema in 5 minuti. Parlo per esperienza, avere quest’adsl è stato un parto!

  12. La verità imho è che condivido l’opinione di Simone che sostiene di aver “fatto i conti” con uno smisurato hype per questo titolo.
    SICURAMENTE, e ci posso mettere la mano sul fuoco, l’hype non è sempre una cosa buona e spesso porta fuori strada; pero’ c’è anche da dire che dovremmo evitare, almeno “noi” per come intendiamo il nostro “noi” di farci influenzare dall’hype e valutare le cose per quello che sono. Ma è difficile, spesso quasi impossibile, come in questo caso, in effetti.
    Ecco perché capisco i motivi delle varie reazioni a Spore e comprendo sia chi dice che il concetto è geniale e che il gioco è bellissimo, sia chi sostiene invece la pochezza di un titolo che avrebbe potuto “saltare” direttamente alla quinta fase lasciando perdere le altre quattro, troppo brevi, poco profonde e neanche tutte riuscitissime ( a me la seconda annoia un po’ in effetti).
    Spore è quello che è, un buon gioco in senso oggettivo, o quantomeno discreto, e qualcosa di sempre diverso a seconda di chi lo gioca.

  13. recensione superficiale e ridicola.
    se ti è piaciuto the sims 1 e 2 non si capisce come faccia a fare schifo questo.
    the sims piace perchè offre, insieme alle espansioni, estrema personalizzazione, non necessariamente finalizzata a chissà quale livello di sfida.
    e per spore è lo stesso, la filosofia di wright di offrire giocattoli e non giochi non nasce certo oggi.
    spore è uno dei giochi più innovativi e “freschi” usciti negli ultimi anni, ridurlo a una mera sommatoria di sottogiochi vuol dire non aver capito niente.
    continuate a darvi i cinque tra di voi e rimarrete da soli qua dentro.

  14. > continuate a darvi i cinque tra di voi e rimarrete da soli qua dentro.

    Stando al numero dei contatti non si vedono avvisaglie, ma tant’è.
    Poi non capisco bene perché si debba menare rogna per una recensione che non è piaciuta.

  15. Ti dirò Andrea Capitani, non mi trovo d’accordo pur non essendo d’accordo con la recensione trovo che Simone abbia espresso il suo parere in modo sincero, schietto eppure motivato, non fazioso, diciamo. Alla fine, perché dilungarsi tanto per dire che un gioco non piace? Specie su un sito così che tutto somato non è che deve essere sempre “sul pezzo” proprio per le sue caratteristiche congenite.
    E poi è un’opinione, alla fine basta fornire anche la propria, se ci si tiene (e se si sa argomentarla) e via…
    Sarà che adoro la critica, anche spietata (anche se ti ripeto, nel caso di Spore non sono d’accordo perché ho già chiarito che mi è piaciuto) ma imho proprio in questo caso non avrei preteso una recensione di pagine e pagine.

  16. Dopo averlo provato per 2 volte( scemo io che l’ho comprato) ho avuto le stesse sensazioni di Karat. Il gioco è insulso, noioso, privo di mordente… Può piacere a qualche ragazzina che non abbia mai giocato ad altro. Il tutto si risolve nelle stesse azioni: Vaga per le lande, trova qualche pezzo nuovo, parla con altre creature, accoppiati e ricombina il mostro. Nelle fasi avanzate sarà pressoché la stessa solfa, applicata alle strutture.

    In futuro lo riproverò, ma ora c’è molto altro da giocare.

  17. Andrea, piuttosto che minacciare di andartene e cose di questo genere, perché non ti iscrivi al forum e ne parli più diffusamente?
    Mi fa uno strano effetto vedere persone che per una recensione con cui non sono d’accordo lasciano AL. E’ nel loro diritto, va bene, ma qui mi sembra si sia dato dimostrazione di una eterogeneità di punti di vista… Non censuriamo neanche gli insulti, pensa te :asd:

  18. @andrea capitani: the sims e the sims 2 hanno una profondità ,oltre che una miriade di possibilità ed opzioni di gioco,che spore neppure si sogna,perchè è proprio questo il gravissimo difetto del gameplay di spore,che la dice lunga su quanto stia diventando distorta ed errata la concezione dei casual da parte dell’industria..

  19. spore è un kapolavoro e voi nn kapite 1 kaxxo!!!oneoneone1!
    ciò mio cuggino kè è 1 aker e vi distrugge il sito kosi imparate!

    No, sto scherzando ^_^

    Spore è un editor, un bellissimo editor. Purtroppo ci hanno messo intorno 5 giochi, di cui uno decente e quattro brutti.

  20. Ma soprattutto chi è sto andrea capitani? Non importa.
    Quello che importa è il modus operandi di questi soggetti:

    1) accusare
    2) motivare il punto 1 con argomentazioni insensate
    3) rafforzare il punto 2, prendendo distanza dall’accusato( o
    gli accusati in questo caso, dato che vedo un plurale) tentando
    di farlo passare per sfigato.

    BOH.

    Passiamo alla difesa:

    1) Perchè spore è innovativo?
    2) Perchè non è una sommatoria di giochi? L’impostazione di gioco
    stessa lo suggerisce.

Leave a Reply