Dead Space

Sviluppato da EA Redwood Studios | Pubblicato da Electronic Arts | Piattaforme Xbox 360, PS3 (versione testata), PC | Rilasciato nell’Ottobre 2008

Brutta, la vita di un ingegnere. Sbattuto qua e là dai propri colleghi, trattato come uno zerbino dai propri superiori, spedito in trasferte di lavoro a distanza di anni luce. Isaac Clarke è un ingegnere, uno talmente frustrato dal suo lavoro e dal fatto che non scopa da mesi che ha letteralmente perso il dono della parola, e si limita semplicemente ad obbedire ed eseguire qualsiasi ordine e richiesta gli vengano dati. Isaac, poveraccio. Il suo ultimo incarico lo ha portato a far parte di una piccola spedizione che aveva il compito di offrire manutenzione ad una nave spaziale mineraria, la USG Ishimura. Fortuna vuole che a bordo della nave ci sia la sua dolce metà. Sfortuna vuole che la suddetta nave abbia più di un semplice problemino di manutenzione, ma che sia occupata da qualche forma di vita non esattamente ospitale.

E’ l’incipit di Dead Space, shooter-survival horror targato EA e sviluppato dagli studi di Redwood.

a cazzottate!

Il genere dei survival horror non naviga in acque particolarmente buone in questi ultimi tempi, se pensiamo al fatto che gli ultimi titoli di buona fattura sono Resident Evil 4 e Dead Rising (tra l’altro due titoli piuttosto atipici rispetto ai canoni classici del genere). Dead Space ha l’ambizione di riportare l’attenzione su questo genere, anche se casca in un periodo nel quale si ritrova come avversari Silent Hill 5 ed il remake di Siren.

Ma quanto è valido, questo Dead Space? Se andiamo a guardare l’incipit descritto poco sopra, la storia potrebbe tranquillamente essere accostata a quella di uno dei classici B movies ricchi di zombie, splatter, gore e una punta di science fiction. Niente di nuovo sotto il sole. E in effetti è così: Dead Space non propone nulla di nuovo, ma si limita a ricollaudare meccaniche ludiche già viste, e tematiche e atmosfere straviste. Eppure, in mezzo a tutto questo minestrone di cliché si presenta comunque un gioco con una buona ossatura di base, e sufficientemente attraente anche per il videogiocatore navigato ed esperto di survival horror.

Le meccaniche di gioco ricalcano quelle già sperimentate in Resident Evil 4: Dead Space infatti sfrutta la stessa identica visuale (in terza persona, alle spalle del protagonista) ed è ugualmente improntato verso l’uso (e abuso) di armi da fuoco allo scopo di debellare qualsiasi zombie o creatura aliena si presenti al nostro cospetto. E’ senz’altro una caratteristica che farà la gioia di tutti quei videogiocatori che non riescono a concepire un videogioco in cui non si brandisca una virile e possente arma da fuoco. E in effetti sparare agli zombie sarà l’unica cosa che faremo durante tutto l’arco del gioco, a parte attivare o disattivare i soliti meccanismi e sistemi informatici della nave, da bravi ingegneri quali siamo.

Per rendere tutto questo spara-spara divertente per una dozzina di ore (che è la durata media dell’intera campagna) i designers degli studi di Redwood hanno avuto l’originale pensata di rendere il gioco difficile (!). E meno male, aggiungo. Se il trend degli ultimi anni ha visto giochi sempre più a prova di idiota, Dead Space non vi farà usare parecchia materia grigia ma quantomeno vi costringerà a non avere il grilletto facile: oltre al fatto che le munizioni delle quali disporremo saranno veramente scarse, gli amichevoli zombie che popolano la USG Ishimura potranno essere sterminati solo mirando agli arti, il che vuol dire che per ogni zombie se ne vanno via almeno tre o quattro proiettili (ma anche di più, a seconda delle creature che ci troveremo ad affrontare).

A difficoltà “normale” le munizioni saranno poche ma quasi sempre disponibili, a difficoltà “hard” preparatevi a momenti nei quali sarete bene o male costretti anche ad usare il goffissimo combattimento corpo a corpo, consistente in due mosse: la scazzotata stile Bud Spencer & Terence Hill, e lo schiaccia-cacca utile per calpestare cadaveri con la suola del proprio stivalone. In poche parole, il corpo a corpo si rivelerà decisamente frustrante e poco produttivo, considerando il fatto che gli zombie e i vari mostri non staranno fermi a farsi mazzuolare.

E' qui la festa???

E allora parliamo un po’ dei mostri.

A dire il vero non c’è un enorme varietà, alla fine abbiamo più o meno la stessa tipologia di zombie in più varianti, con i soliti cliché che vanno dal cadavere umano che ha subito orribili mutazioni a cosetti piccolini e agili, a schifezze incollate alle pareti che vomitano altre schifezze, mostri kamikaze, zombie grossi quanto Galeazzi che dentro la panza hanno la “sorpresa”, tentacoloni giganti per finire poi con il cliché dei cliché: il classico Tyrant che non lo butti giù neanche con un monologo di Marzullo e che va sempre fatto fuori con mezzi non convenzionali (in poche parole, non con l’uso delle armi).

Se la varietà non è tanta, è tuttavia da apprezzarne la mobilità: tutte le creature che ci ritroveremo ad affrontare sono decisamente agili e veloci, e spesso ci ritroveremo a fare ricorso al cosidetto “aiutino” per dare loro una sana calmata. Tale aiutino consiste nell’uso di un potere a nostra disposizione, tale stasi, che non fa altro che mandare in bullet-time e rallentare pesantemente l’oggetto preso di mira, che può essere sia una creatura (allo scopo di farla fuori con calma) o anche un meccanismo che necessita di essere fermato o rallentato (può essere il caso di una porta automatica impazzita che si apre e si chiude come un’affettatrice).

Così come per le armi, anche nel caso della stasi dovremo essere particolarmente parsimoniosi visto che tale potere tende a consumarsi velocemente e i vari pack o stazioni di servizio che lo ricaricano scarseggiano. Oltre al potere della stasi disponiamo anche di un secondo potere, la telecinesi, che vi lascio indovinare a cosa possa servire. Preciso però che sebbene sia utilizzabile anche contro i nemici la sua utilità rasenta lo zero, tranne in quei rari casi dove ci ritroveremo a dover spostare degli oggetti o dei marchingegni di grosse dimensioni.

E così il povero Isaac si ritrova a dover esplorare una nave infestata di schifezze con poche munizioni, e poche riserve di energia. Dai su, Isaac. C’è chi sta peggio di te, pensa per esempio ai tuoi due compagni di viaggio intrappolati con te nella nave, che non fanno altro che passare il tempo barricati nelle sale di controllo mentre ti danno ordini e ti spediscono da una parte all’altra della nave come uno zerbino a riparare il generatore X e ripristinare il sistema Y.

Hmmmm… no aspetta. Forse loro stanno meglio di te. Però ehi, tu sei ingegnere e loro no, eh! Almeno Isaac fa qualcosa, sebbene sia l’unica durante tutto il gioco. E questo è uno dei talloni d’Achille di Dead Space: durante tutto l’arco delle nostre disavventure non faremo altro che spostarci da una zona all’altra della nave con il solo ed unico scopo di aggiustare e riparare ciò che è malfunzionante. Ora, se da un lato ha senso che si faccia tutto ciò per cercare una via per scappare e abbondanare la nave, dall’altro è anche vero che i designer potevano sforzarsi nel proporre situazioni più variegate, e magari aggiungere più ostacoli e situazioni imprevedibili.

Ma ahimè alla lunga il gioco si rende monotono, salvo rarissime eccezioni durante le quali ci ritroveremo a dover camminare a gravità zero (dentro o fuori lungo la superfice della nave), eventualmente in assenza di ossigeno.

Te voglio bbbeeeene assaai... ma tanto taaanto bbbeeeeene assaaai...

Ora, in mezzo a queste situazioni così ripetitive e monotone si inseriscono l’elemento horror del gioco e la paura, che particolarmente all’inizio avranno un ruolo fondamentale nel distrarre l’attenzione del giocatore dai suoi banali compiti di riparazione.

Quanto fa paura Dead Space? Partendo dal fatto che è difficile essere obiettivi in quanto ognuno di noi percepisce e reagisce in maniera differente (chi con più partecipazione, chi con indifferenza) ai vari momenti di paura nei quali si ritrova, una cosa resta certa: Dead Space copia a mani basse la stessa impostazione adottata da Doom 3. Per chi non avesse giocato il noto FPS, l’horror proposto da Doom 3 (e riproposto in Dead Space) consiste essenzialmente in due fasi: la prima vede il nostro alter-ego esplorare angusti e mal illuminati corridoi apparentemente tranquilli. La seconda consiste nel far sbucare uno o più mostri all’improvviso noi momenti in cui il giocatore si sente più rilassato, provocando un immediato spavento o un sussulto.

Di per sé, è una meccanica che funziona bene. Il problema sorge però quando TUTTI i momenti horror del gioco sfruttano questa impostazione. Cosa vuol dire? Nel caso di Dead Space, che all’inizio ci capiterà sicuramente di prenderci qualche bello spavento, ma che con il procedere della storia essa andrà scemando piuttosto in fretta e saremo tranquillamente in grado di prevedere quando starà per scattare la successiva scena horror che avrebbe il compito di spaventarci.

Male, molto male, perché con un pizzico di varietà e originalità in più l’atmosfera del gioco avrebbe potuto mantenere la stessa tensione dall’inizio alla fine. Il risultato invece è che nelle fasi iniziali procederemo cauti, lentamente, guardandoci intorno ad ogni angolo, mentre verso la fine procederemo spediti come il più spavaldo Terminator, freddi e indifferenti ad ogni creatura che sbucherà all’improvviso. E’ uno dei casi in cui il motto “Repetita iuvant” proprio non c’azzecca neanche un po’.

Alla fine, l’elemento che maggiormente riesce a creare tensione non è l’ennesima scena horror di per sé, quanto il superbo sonoro che fa da contorno all’avventura. Rumori, suoni, echi vari sono riprodotti in gran quantità e con ottima fedeltà e vengono sfruttati in maniera egregia. Sono il vero elemento che fa letteralmente stare il giocatore in allerta e che lo tiene spesso in tensione.

Fuffy, l'animeale domestico che ogni ingegnere vorrebbe avere a casa propria.

Tiriamo un po’ di somme.

Da un lato, abbiamo delle meccaniche solide e già collaudate e divertenti (smembrare gli zombie dà le sue soddisfazioni), un livello di difficoltà ben calibrato, un’ottima veste grafica e un sonoro di prim’ordine. Dall’altro lato abbiamo un’avventura che a lungo andare soffre di monotonia e di deja-vu, di scene horror che fanno veramente paura solo all’inizio, di una storia scontatissima, banale e copiatissima da altre produzioni, e di un protagonista che ha il carisma di un’ameba.

Messa sotto questo profilo si direbbe che Dead Space sia un gioco decisamente carente, ma come al solito la verità sta nel mezzo. Se siete fan sfegatati dei survival horror, sarà un’esperienza gradevole ma vi farà il solletico. Se invece ne avete provati pochissimi, allora questo gioco potrebbe comunque rivelarsi una piacevolissima sorpresa, pur con i suoi difetti. Se poi siete fan degli shooters e dell’elemento horror non vi può fregare di meno allora vi sentirete a casa vostra, visto che far fuori gli zombie regalerà comunque del sano divertimento.

Io personalmente mi sono sentito coinvolto all’inizio e totalmente indifferente alla fine, ma riconosco che persone meno navigate del sottoscritto nel genere dei survival horror potrebbero comunque essere soddisfatte in toto da questo gioco.

22 comments on “Dead Space

  1. Sono d’accordo con te 🙂 Pero’ a me ha stufato parecchio e rischio di abbandonarlo al punto in cui c’e’ da sparare agli asteroidi.

  2. Mi piacciono le recensioni dove c’è sia il parere personale di chi scrive, che
    la descrizione precisa di quello che accade nel gioco.

    Leggendo la recensione posso dire di poter essere quasi d’accordo con Monopoli:
    il nemico che spunta e fa buh mi fa frantumato le scatole. Preferisco un horror
    più psicologico, più straziante. Magari farò un giro con Dead Space quando scenderà
    di prezzo.

  3. Infatti Dead Space è uno splatter-survival e manco da poco, non sono concorde su due punti, Dead Space non mi pare si basi sul fattore spavento quanto sul fattore ansia, sinceramente è l’unico horror che, levati i due primi silent hill, mi faceva pensare “ora io SO che la dentro c’è un bestio grosso e cattivo e io ho mezzo medipack e due forcelle, però ci devo andare, ca****”
    Questo, unito al sonoro davvero splendido e alle atmosfere cupe creava una sorta di disagio che, a livello difficile, faceva sempre “temere” di non avere la situazione sotto-controllo, dava l’impressione di essere davvero sperduti su una nave in mezzo alla merda.
    Ripetività vero, spezzata da brevi intermezzi e da “boss-fight” un pò fuori dagli schemi tipo GOW2 ma credo che il trucco era prenderlo in brevi dosi, posso capire giocare Fallout3 per tre quattro cinque ore, ma giocare così tanto tempo a Dead Space porta inevitabilmente a un calo dell’atmosfera e a un maggiore accuso delle meccaniche, io mi sono fatto le mie due orette quotidiane e nonostante sia conscio della ripetività di base in tal modo non mi è pesata affatto.

  4. Piccolo appunto linguistico: in Italiano la parola inglese Engineer ha un significato più simile a quello di operaio, meccanico o tecnico, che quella di ingegnere (nel senso di tizio puntiglioso con la pennetta nel taschino che fa i progetti).

  5. @Karat: non hai tutti i torti, ma siccome viene spacciato per tale io l’ho anche analizzato sotto quel profilo.

    @Emack: non esattamente. Diciamo che ci riesce benissimo nei primi capitoli, poi la ripetitività manda a quel paese la sensazione di paura e precarietà del protagonista. Dead Space può essere comunque una bella esperienza di gioco per chi è “vergine” nel genere horror. Chi ha giocato altri titoli e ha già assaporato simili atmosfere (Dead Space ha ben poco, anzi, nulla di originale) rischia di percepire un filo di indifferenza con il proseguire dell’avventura.

    Non è una bocciatura del gioco, che comunque come shooter dà le sue soddisfazioni, ma diciamo come sul piano della varietà potevano fare decisamente meglio…

    @Anelli
    Grazie per la puntualizzazione. Isaac viene spacciato come ingegnere anche nella versione localizzata del gioco, comunque.

  6. X Matteo Anelli: in realtà “engineer” in inglese ha lo stesso significato di “ingegnere” in italiano e non identifica l’operaio.
    Riporto anche dal Garzanti:

    engineer s.
    1 ingegnere; tecnico: chemical -, ingegnere chimico; electrical -, ingegnere elettrotecnico; civil -, ingegnere civile; mechanical -, ingegnere…
    to engineer v.tr.
    1 costruire, progettare (ponti, strade ecc.)
    2 (fig.) architettare; macchinare; progettare: to – s.o.’s downfall, architettare la rovina di qlcu.
    engineering s.
    1 ingegneria: chemical -, ingegneria chimica; civil -, ingegneria civile; military -, genio militare; naval -, genio navale; road -,…

  7. L’osservazione di Anelli non è comunque peregrina; l’italiano “ingegnere” ha una sfumatura di “lavoro da scrivania” che nell’inglese “engineer” non c’è ^^

    L’engineer è un ingegnere che si sporca le mani – poi io non è che sappia bene come tradurlo, forse “tecnico ingegnere”? Mbof.

  8. Ah, ma aspetta… io quando dicevo che è la stessa cosa non intendevo dire che il capo-perito è un ingegnere. Mi riferivo al termine inglese “engineer” che indica appunto la stessa cosa dell’italiano “ingegnere” (basta anche solo vedere la definizione riportata dal Garzanti…).

    Era proprio per fare i puntigliosi! 😀

  9. Un gran bel gioco, considerando il parco giochi ps3 horror al momento.
    Chi altro abbiamo
    Alone in the dark il gioco frustrante per i comandi.
    Homecoming Re indiscusso ma con grafica inferiore.
    Dead Space aria nuova e un po di tensione.
    Horror??

  10. Lo sto giocando in questi giorni… beh, sono arrivato al sesto capitolo e un po’ lo odio. I controlli sono terrificanti e l’atmosfera viene distrutta dal flood di nemici che ammorbano il personaggio. Inoltre la sceneggiatura è di una pigrizia mostruosa, con i capitoli che iniziano e finiscono sempre nello stesso modo e la trama che si svela con fin troppa perentorietà. Non credo che riuscirò a finirlo.

  11. Io ricordo che mi impegnai per finirlo senza farmi assalire dalla noia, purtroppo due terzi del gioco sono un ripetere continuo di situazioni simili, salvo qualche parte “originale” che comunque non aggiunga alla componente horror/terrore. Se non fosse per l’incredibile penuria di “survival horror” in tempi recenti penso che questo gioco sarebbe presto finito nel dimenticatoio.

  12. Pingback: Dead Space [seconda opinione] - Ars Ludica

Leave a Reply