Best of 2008: I migliori giochi dell’anno secondo la redazione di Ars Ludica

Questo 2008 videoludico è ormai volto al termine e, come di consueto, Ars Ludica stila una lista (che non vuole essere una classifica), in ordine alfabetico, dei titoli che hanno incontrato i favori della redazione.

Due brevi considerazioni: questo è stato un anno davvero ricco di titoli importanti e dai grossi investimenti, effettuati proprio a ridosso della crisi che ha colpito l’economia mondiale. Chissà se le software house e i publisher si ripeteranno anche l’anno prossimo: considerato il trambusto delle ultime settimane (vedi le aziende che hanno chiuso o ridotto il personale) siamo abbastanza dubbiosi.

Come avrete modo di notare, poi, c’è un giusto equilibrio tra titoli tripla A e titoli indipendenti o comunque sviluppati da piccoli team, a conferma della maturità raggiunta dai servizi di digital delivery di Microsoft, Sony, Nintendo e Valve. E’ un sistema che necessita ancora di olio e rifiniture, ma acquista sempre più importanza e consensi col passare del tempo.

Sotto coi premiati!

Braid (Xbox Live! – Number None Inc.)
ZeAvIs – L’ennesima dimostrazione che anche gli sviluppatori indie (seppur con enormi sacrifici) sono in grado di creare prodotti decisamente raffinati e ben congeniati. Ed è anche l’ennesima dimostrazione che il genere dei platform games a due dimensioni è tutt’altro che morto. Braid non fa che attingere a piene mani da titoli che hanno fatto la storia del videogiochi (Super Mario, Prince of Persia: Sands of Time), proponendo meccaniche già viste sotto una veste totalmente nuova e con un pizzico di ironia, che non guasta mai.

Castle Crashers (Xbox Live! – The Behemoth)
Monopoli – Un gioco in 2D in cui bisogna spaccare tutto, ammazzare tutti e arrivare in fondo senza quasi alcun motivo? Non può che essere un buon gioco. Castle Crashers è un po’ un Golden Axe aggiornato ai nostri giorni, con la grafica in HD, una vasta scelta di armi e il multiplayer online. Se Golden Axe era un gioco grandioso, una sua versione aggiornata non può che essere altrettanto, non credete? Questo gioco ci mostra che il 2D è vivo e vegeto e sa essere anche lui next-gen: personalmente sono rimasto più colpito dai suoi fondali animati, con una miriade di omini e frecce, che da giochi pazzeschi come Crysis. Sarà la vecchiaia.

Fallout 3 (PC, Playstation 3, Xbox360 – Bethesda)
Coolcat – Ce lo aspettavamo così oppure diverso? Ciascuno ci vede qualcosa di noto e di nuovo, ma la sostanza non cambia. Ogni risveglio nel mondo di Fallout 3 è il proseguimento di un sogno lasciato in sospeso la sera precedente, senza sapere se alla fine sarà un dolce dormire, o un brusco scatto di nervi per sfuggire da un incubo raccapricciante.

Grand Theft Auto IV (Playstation 3, Xbox360, PC – Rockstar North)

Cherno – Una primizia di quest’anno è sicuramente GTA IV, la cui struttura di gioco diventa più matura: Liberty City cambia, non è più il posto dove tutto è possibile, è un posto dove fare di tutto è necessario per sopravvivere: il lato oscuro del sogno americano. I personaggi sono meno stereotipati e finalmente più vivi e veritieri. Le vicende di Niko Bellic faranno divertire ed al tempo stesso riflettere su tante cose. Anche il gameplay si adatta a questa nuova filosofia, più maturo e meno caciarone. Ottima prova per Rockstar. Sicuramente un gioco da avere.

LostWinds (WiiWare – Frontier)
Turrican3 – LostWinds è una piccola perla del servizio Wiiware: graficamente validissimo, non sfigura di fronte a tanti giochi retail a prezzo pieno. Pur non brillando in longevità offre comunque un interessantissimo concentrato di giocabilità, un misto di puzzle solving e platforming che risulta estremamente gradevole e originale. Dita incrociate sin d’ora per il seguito, già in lavorazione negli studios di David Braben, che mi auguro riesca a replicare (e perchè no, anche superare) la bontà di questo inaspettato titolo.

N+ (Xbox Live!, Nintendo DS – Slick Entertainment Inc.)
Monopoli – Il titolo della Slick Entertainment è di quelli minimalisti: l’omino che controlliamo è stilizzato (MA E’ UN NINJA!! Che volete di più?) e il mondo in cui si muove ha si e no tre colori. Giocandoci sono rimasto folgorato dalla semplicità dei controlli: si corre e si salta, stop. Ma la sfida può diventare altissima, tra robot, esplosivi, laser e missili tutti da evitare. Che bisogna fare? Aprire la porta con un bottone ed entrarci per finire il livello. Se nel frattempo riusciamo a raccogliere anche qualche moneta, ben venga. E’ quel tipo di giochi in cui ti dici “dai, un altro livello e stop”. Ma no, finito quello, ne proverai un altro e così via fino a che non arrivano le tre di notte e forse è meglio andare a dormire che domani mi sveglio alle sette. Ancora un altro livello, dai.

No More Heroes (Nintendo Wii – Grasshopper)
z.e.r.o. – Pieno di citazioni, “nerdismo” spudorato e situazioni politically uncorrect, No More Heroes ci fa vivere le situazioni di personaggi improbabili in circostanze impossibili, in puro stile Suda51/Grasshopper Games. Il gioco mostra un’alchimia di temi assolutamente esplosiva: l’Otaku arrapato, la bomba sexy, cattivi improbabili, salvataggi sulla tazza del cesso, un gattino e lavori da teenager, il tutto condito da un’ottima colonna sonora rockeggiante e da uno stile visuale unico. Travis Touchdown è quello che tutti i videogamer vorrebbero essere: figo, nerd fino al midollo, estemamente bravo con le spade laser e con una moto che fa invidia a Lobo. Tra una citazione di Kill Bill ed una combo col Wiimote, vi ritroverete a giocarlo tutto d’un fiato e non potrete fare a meno di rimanere con un senso di malinconico una volta finito. More No More Heroes, please!

Persona 3: FES (Playstation 2 – Atlus)

ZeAvIs Con tutto il fantasy e la sci-fi che ammorbano la scena ruolistica giapponese e occidentale, Persona 3 (e la sua evoluzione Persona 3 FES) è una boccata di aria fresca in un genere che cominciava a stagnare. Atlus ci porta a scuola di JRPG e ci insegna che non è necessario investire un budget enorme per realizzare un prodotto longevo, complesso, ben calibrato, ricco di contenuti e con tanta profondità, che riesce anche a proporre delle discrete innovazioni nella crescita del nostro personaggio e nell’evoluzione dei suoi rapporti personali. In attesa che Persona 4 arrivi anche sul suolo europeo, questo rimane senza ombra di dubbio il miglior JRPG degli ultimi anni.

Professor Layton e il Villaggio dei Misteri (Nintendo DS – Level 5)

Turrican3 – Un titolo molto curioso, divertente e ben realizzato. I suoi 120 e passa enigmi mi hanno tenuto impegnato per oltre 18 ore di gioco effettivo; il merito va sicuramente anche alla storia, costruita attorno ai segreti di questo paesino così particolare, che funge da collante tra gli indovinelli. Arricchita da gradevolissimi, brevi filmati in stile Miyazaki, ha svolto un ruolo importantissimo nel darmi lo stimolo ad andare avanti: in questo senso Layton 1 (come molti sapranno è una trilogia, il terzo episodio è stato rilasciato da pochissimo in terra nipponica) riesce alla grande dove Brain Training aveva – nel mio caso – fallito. Ciliegina sulla torta gli enigmi post-completamento dell’apposita sezione Challenges: questo gioco è davvero una miniera di contenuti extra.

Race Driver: GRID (PC, Xbox360, Playstation 3 – Codemasters)
karat45 – Race Driver: GRID è il punto d’incontro perfetto tra arcade e simulazione, ed è il frutto di una grande esperienza nello sviluppo dei videogiochi automobilistici. Stranamente, pur non avendo nulla che non vada e pur strabiliando per moltissimi aspetti, ha ricevuto valutazioni buone ma non eccellenti. Come scritto altrove, probabilmente la Codemasters dovrebbe spendere di più in pubblicità, così potrebbe prendere 10 anche se nel 2010 facesse un gioco con le auto indistruttibili.
Joe – Con molto coraggio Codemasters stravolge il marchio storico di Race Driver americanizzandolo all’eccesso e consegnandoci un gioco più arcade rispetto alle origini ma decisamente più spettacolare. Le sensazioni di contatto con gli avversari (dall’intelligenza artificiale sorprendente) e con l’asfalto raggiungono livelli mai toccati prima da un racing game; accompagnate da un motore grafico di prim’ordine e un sonoro eccelso, contribuiscono a rendere GRID un titolo fresco e solido. Difficilmente salterete un replay, sono tra i migliori mai visti.

The Graveyard (PC – Tale Of Tales)

karat45 – The Graveyard, oltre ai molti meriti concettuali, ha quello indubbio e immenso di aver costretto tutti quelli che lo hanno provato a riflettere su cosa sia in effetti un videogioco e su quale sia il suo scopo. Sicuramente controverso, probabilmente passibile di tutte le critiche che gli vengono mosse dai videogiocatori, è riuscito a far emergere più di qualsiasi altro titolo l’ottusità generale e la ristrettezza di vedute dell’utente medio, oltre alla sua onanistica necessità di classificare tutto entro schemi dati.

Valkyria Chronicles (Playstation 3 – Sega WOW)
ZeAvIs Semplicemente il miglior Tactical JRPG degli ultimi anni. Se i JRPG sono un genere che cominciava a stagnare sia nelle idee che nelle meccaniche, i Tactical JRPG se la passavano ancora peggio. Valkyria Chronicles risolve tutte e due le questioni: propone un’ambientazione vista raramente in un gioco di matrice giapponese (steampunk ambientato in un universo ispirato all’Europa delle due Guerre Mondiali), e meccaniche di gioco che fondono turni e strategia con azioni compiute in tempo reale. Aggiungiamoci un discreto cast di personaggi e un ottimo assortimento di missioni, e abbiamo pronto il miglior gioco tattico che Sega abbia mai prodotto, sin dai tempi di Sakura Wars.

WipeOut HD (PSN – Sony/Studio Liverpool)
Joe – Dopo alcuni mesi di ritardo lo Studio Liverpool ci ha consegnato uno dei migliori downloadable games dell’anno: WipeOut HD. E’ un must have per chi possiede un moderno TV fullHD: il gioco gira a 60 fps costanti alla massima risoluzione ed è una vera gioia per gli occhi; oltretutto viene venduto ad un prezzo onesto (15 euro in promozione in questi giorni). In sostanza è un incrocio tra i due episodi usciti per PSP (da cui prende in prestito alcune piste) con una modalità single player da gioco full price (8 tornei) e una sezione online soddisfacente (raramente si riscontra del lag).  Se non avete prosciugato la vostra carta di credito, fatelo vostro.

World of Goo (WiiWare, PC – 2D Boy)
Turrican3 – World of Goo è uno schiaffo al business del videogioco: il core team di 2DBoy è di sole due persone, e questi signori dal nulla han tirato fuori quello che probabilmente è il puzzle game dell’anno. Metti assieme un pizzico di Lemmings, l’immediatezza del puntamento col wiimote, una abbondante spruzzata di fisica e i margini di libertà concessi dal non doversi scontrare con i limiti di budget imposti dall’alto: il risultato, fortunatamente per noi giocatori, è andato oltre ogni aspettativa. 5 mondi, ciascuno con livelli non di rado belli tosti e una buona rigiocabilità, garantita dal “misterioso” extra “WoG Corporation” che invita a migliorare i propri record, fanno di World of Goo una delle più belle sorprese dell’anno.

Yakuza 2 (Playstation 2 – SEGA)
Joe – L’epopea di Kazuma Kiryu riprende in questo secondo episodio dopo la degna conclusione del primo Yakuza. Toshihiro Nagoshi ci offre un raro esempio di sequel che riesce a superare il predecessore sotto tutti gli aspetti, dalla storia al gameplay, offrendo varietà, personaggi memorabili e un plot intrigante. Pur essendo un titolo per una console vetusta (ma dura a morire), non sfigura nella realizzazione tecnica complessiva grazie all’ottimo lavoro di post produzione e regia. Yakuza 2 diverte e ci propone una storia ricca di colpi di scena, un binomio che dovremmo dare quasi per scontato ma che oggi spesso viene a mancare nei titoli anche più quotati, in barba all’alta definizione e alle DirectX 10.

35 comments on “Best of 2008: I migliori giochi dell’anno secondo la redazione di Ars Ludica

  1. D’accordo su certe cose e non d’accordo su altre.
    Grid imho non “è il punto d’incontro perfetto tra arcade e simulazione” è solo arcade, e basta. Che poi sia comunque bello nel suo genere, sotto tutti gli aspetti, è un altro discorso.
    Avrei aggiunto anche Far Cry 2 e alcuni altri, ma son gusti personali 🙂

  2. Pingback: Ultra HD » Best of 2008: I migliori giochi dell’anno secondo la redazione di Ars… - Oltre l'Alta Definizione

  3. Di questa lista ho provato solo NMH, Whipeout HD e GTA4. Effettivamente dei gioconi. Persona 3 è fermo all’ufficio postale dal 22 (almeno le raccomandate sono tracciabili…).

    Se fate la classifica dei worst 2008 metteteci Thunderforce VI, capitolo troppo sottotono per una saga fantastica.

  4. Ho giocato a fondo solo un paio di titoli della lista (No More Heroes e Wipeout), devo dire di trovarmi abbastanza d’accordo su entrambi.
    Menzione speciale per Persona 3: ho fatto solo 20 ore ma posso dire che non ha quasi rivali nello stesso genere e non solo nell’ultimo anno.
    Il resto dei titoli è nella lista da recuperare, sperando di avere un pò di tempo.

  5. La vecchia dimmerda 😀

    Sono d’accordo nel riconoscerle il merito di averci coinvolto in una piacevole, quanto accesa, discussione sul media videoludico 😀

  6. Personalmente non avrei citato tra i migliori WipeOut HD, che mi è sembrato ben poco più di una riedizione di quanto già visto con il solo ausilio dell’alta definizione. Metal Gear Solid 4 invece l’avrei incluso anche io. 😀

  7. MGS4 l’avrei inserito anche io…capisco i motivi per non indicarlo ma non rimango convinto della scelta. 😀

  8. Dimenticavo, mi tengo una riserva anche per Little Big Planet, lo stò giocando solo ora ed il potenziale c’è…vediamo se regge.

  9. Little Big Planet non ce la fa, in my opinion. Avere il potenziale serve a poco se poi non si concretizza. ;D

    Per quanto riguarda MGS4, io personalmente non l’ho proposto perchè nonostante alcuni indubbi pregi e un ottimo packaging:

    – è un titolo che da solo non funziona bene, essendo un sequel. E solo chi ha giocato agli altri può apprezzarlo per intero.
    – E’ lungi dall’essere un ottimo stealth e le poche fasi veramente stealth durano poco.

    Questo non vuol dire che faccia schifo. MGS4 mi è piaciuto tantissimo (anche per la sua conclusione), ma non raggiunge quello status di “pietra miliare” (nel suo genere) che invece ho tenuto in mente quando ho scelto Braid, Persona 3, e Valkyria Chronicles.

    Poi se per voi è gioco dell’anno, buon per voi. Per il mio punto di vista e secondo i miei parametri personali non lo è. Ci si avvicina, ma non quanto basta.

  10. Castle Crashers non mi trova d’accordo. E’ divertentissimo in multi ma l’online è stata piagato per mesi da problemi che andavano risolti subito…

  11. Castle Crasher non mi è piaciuto per niente e Braid, dopo essere stato convinto da una recensione strappalacrime di MBF (che più di chiunque altro però è riuscito a descrivere a parole questo strano titolo), mi sono trovato davanti a un’atmosfera sì magica, ma al tempo stesso proprietario di un gioco che dura pochissimo, che copia da tutti e che costa una badilata. Con la stessa cifra, e con tutto il rispetto, ho comprato LEGO Star Wars II usato 🙂

  12. @MAOraNza

    Sulla durata non posso che darti ragione, ma diciamo che ho voluto chiuderci un occhio perchè nella scelta ho tenuto più conto sulla qualità del gameplay offerto che altro. Sulle “scopiazzature” invece, dipende dal punto di vista. Trarre ispirazione da altri giochi non è niente di male di per sè (e ho citato brevemente Mario e PoP proprio per quello), a patto che si faccia buon uso della propria fonte. Alla fine Braid non inventa nulla di veramente nuovo ma utilizza alcune meccaniche in maniera diversa e originale nel suo genere.

    In my opinion, non bisogna sempre venirsene fuori con elementi nuovi per fare un buon gioco o per rendere un’esperienza di gioco “innovativa”. A volte basta anche utilizzare i mattoncini che già si hanno a disposizione e provare ad utilizzarli in maniera diversa per offrire un prodotto che sappia divertire e offrire nuove esperienze. 🙂

    Per la questione del costo… è un terreno dove preferisco non dibattere, perchè è troppo legata a quanto il gioco è stato gradevole nel suo complesso. Per me li vale tutti, ma accetto anche l’opinione di chi ragionando più sotto l’aspetto economico e della durata del gioco ritiene che il prezzo fosse troppo alto.

    Magari se ne potrebbe discutere a parte, o potrei scriverci qualcosa in un articolo parte (sul valore di un gioco, dal lato economico a quello affettivo, a come noi consumatori e appassionati ci bilanciamo tra i due). Hai fornito un ottimo spunto. 🙂

  13. Beh, ho parlato di potenziale in LBP perchè ho fatto appena quattro mondi e diversi livelli creati dagli utenti, un pò poco per dare un giudizio.
    Per ora mi stà piacendo moltissimo, anche nella “sostanza”.

  14. @Zeavis: riguardo a Little Big Planet, non mi trovo molto d’accordo con te: il potenziale si sta concretizzando eccome, basta vedere le migliaia di livelli creati dagli utenti, alcuni semplicemente geniali. Finchè un gioco di questo tipo gode del supporto della community, è praticamente infinito; se non avesse avuto supporto allora sarei stato d’accordo con te sul potenziale inespresso, ma in questo caso per fortuna la community è attivissima inoltre i DLC ufficiali (vedi quello di Metal Gear) daranno linfa vitale al gioco.

  15. Io giudico il gioco per quello che offre, Bishop. Non posso giudicare un gioco per i livelli creati dagli utenti. Se facessimo così allora giochi come Oblivion sarebbero dei capolavori visto che sono pieni zeppi di mod e quant’altro che migliorano l’esperienza di gioco. Little Big Planet offre un ottimo editor, ma come platform game ha i suoi difetti (è lento, non presenta enormi difficoltà, e fa uso principalmente ed esclusivamente di sezione e puzzle basate sulla fisica degli oggetti). Il fatto stesso che per avere un’esperienza migliore si debba ricorrere ai livelli creati dagli utenti fa capire che, come gioco, LBP è uscito troppo acerbo (mentre come editor è uscito alla grande, è ottimo). L’editor doveva essere il non-plus-ultra che aumentava ancora di più la longevità, ma non doveva essere il cardine, perchè così facendo il gioco stesso perde in sostanza.

  16. secondo me è proprio quello il cardine: stimolare la creatività degli utenti, certo è chiaro che non tutti hanno la possibilità, il tempo e la voglio di mettersi a creare qualcosa (io in primis), ma a mio avviso il fatto che i livelli della community siano integrati nell’interfaccia di gioco, e che sia estremamente semplice e veloce cercarli e giocarli, rende di fatto questa aggiunta un enorme beneficio per il gioco, che gode così di una longevità molto superiore a quella di un platform “normale”.
    E’ vero che giochi come oblivion godono di mods, ma non so se sia così semplice importarli nel gioco: inoltre stai confrontando il mondo PC con quello console, il pregio di LBP è proprio quello di aver permesso anche ai “consolari” di godere in modo immediato delle creazioni di altri utenti più volenterosi e creativi.
    Anche UT3 ad essere sinceri ci aveva provato ad offrire questa opportunità agli utenti console, ma ne hanno goduto in pochi visto che non ha venduto una ceppa.
    Per quanto riguarda i difetti che citi del gioco in sè, credo siano stati voluti anche per allargare la base di utenza del gioco, proponendo un platform che nelle sue meccaniche è estremamente semplice e non richiede l’utilizzo di particolari combinazioni di tasti.
    Per quanto mi riguarda, la cosa che poteva essere migliorata è la gestione della profondità dei 3 layer di fondale, che in alcuni casi è davvero problematica e poco reattiva in fase di controllo del nostro sackboy.

  17. Il punto è stabilire cosa LBP vuole essere? Il divertimento, e quindi il gioco, sta nell’editor, oppure nel gameplay al di là di esso?

  18. Bishop, ripeto, io giudico il gioco. Quello fatto dagli sviluppatori. E LBP per quanto abbia grossissimi pregi nel suo editor, come platform ha difetti che mi hanno portato a non considerarlo tra i miei personali best of dell’anno (e non sto dicendo che fa schifo, è un buon gioco). E bada che LBP non è il solo esempio su console, anche Far Cry 2 è dotato di un editor pazzesco, ma questo non distoglie lo sguardo da quella che è la sostanza del gioco.

  19. Mi ha fatto davvero piacere vedere citati titoli quali Yakuza 2, No More Heroes e Professor Layton.
    Direi che è da premiare come lista, perché è coraggiosa al punto da escludere titoli decisamente più blasonati per far posto ad altri che su altri siti molto più “timorati di Dio” non comparirebbero nemmeno…

    Sono contento di non aver trovato nella lista Gears of war 2, che tutti osanano come capolavoro, e soprattutto, di non aver visto l’ombra di quell’immane stronzata( non flammatemi per carità, prendo atto delle mie parole abbassandole ad una serie di mere considerazioni e gusti personali) di Prince of Persia per X360 e PS3…
    Per concludere quest’anno col botto.

  20. in risposta al post #6: Soldner-X è un gioco del 2007!

    e adesso non tiratemi fuori la scusa che è uscito per PSN nel 2008, non me ne frega una beneamata mazza, l’originale per PC è uscito nel 2007 punto e basta. 😀

  21. bohpupum said, on January 2nd, 2009 at 1:45 am #

    in risposta al post #6: Soldner-X è un gioco del 2007!

    e adesso non tiratemi fuori la scusa che è uscito per PSN nel 2008, non me ne frega una beneamata mazza, l’originale per PC è uscito nel 2007 punto e basta. 😀

    si ma io l’ho comprato sul psn nel 2008 ed io ho ragione e tu no, gne gne gne

Leave a Reply