La conferenza Nintendo: giochi per tutti, ma non per il mostro di Amstetten (anche qui non ci siamo stati, ma volete mettere?)

Che eccitazione!3589963319_16b6531e4d
Nintendo arriva all’E3 forte di vendite che farebbero invidia al papi. Non per niente invece dei soliti petali di rosa, l’entrata del presidente Satoru Iwata è stata accolta con lancio di dollari del Monopoli (Alessa’, controlla il conto in banca). Ma veniamo a quella che finora è stata la conferenza più esalta(ta) della manifestazione. Se la Microsoft ha dichiarato di voler far cadere la ghigliottina sui joypad e ci ha svelato l’oggetto dei sogni erotici più nascosti di Peter Molyneux, la Nintendo ci ha stupito con… nulla. La conferenza Nintendo è stata così povera di novità che ci mancava quasi si finisse a parlare delle emorroidi di Reggie Fils-Aime per riscaldare un po’ l’ambiente. Giochi per tutti, giochi per tutti e giochi per tutti. Chiunque abbia solcato il palco della conferenza ha ripetuto la stessa formula marketing, fino alla nausea. Per la boria diffusasi tra le poltroncine di pelle di panda della sala, due redattori masculi di Gamespot hanno partorito dei bambini. Reggie Fils-Aime si è subito messo ad accudirli con il pennino del Nintendo DSi. Soltanto un tizio sconosciuto ha provato a parlare di giochi più impegnativi, ma è stato subito fatto montare a sangue da un esercito di Nintendogs addestrati a colpi di Wiimote, che invece di abbaiare ripetevano: “giochi per tutti, giochi per tutti, giochi per tutti”.

Le nuove vecchietà

Dopo aver parlato brevemente della Balance Board, altra grossa novità vecchia di un anno, è stata presentata la rivoluzione: il Wii Motion Plus con relativi giochi, altra grossa novità piuttosto vecchia. Pensate, il Wii Motion Plus renderà precisi i controlli del Wii (ripetere ogni tre righe: giochi per tutti, giochi per tutti). Già lo sapevate? E che vi devo dire… di questo hanno parlato. Cafoni che non siete altro. I titoli che supporteranno questo gioiellino al lancio saranno: Tiger Woods 10, Red Steel 2, Grand Slam Tennis e Virtua Tennis 3. Due giochi di tennis… che mossa geniale. Comunque, per dimostrare la bontà del Wii Motion Plus, Reggie si è esibito con Wii Sports Resort. La reazione della sala è stata calorosissima, nel senso che la maggior parte dei presenti ha iniziato a masturbarsi per passare il tempo e la temperatura è salita parecchio costringendo gli organizzatori ad accendere i condizionatori per spargere un po’ di bromuro.

E finalmente l’annuncio shock
Sul Nintendo DSi arriva… Facebook e la possibilità di uppare direttamente le foto scattate con DSi. Vista la qualità media delle fotocamere dell’ultima versione della console Nintendo sarà uno spasso vedere migliaia di schermate pixellose e quasi nere messe online da minchie umane di tutto il mondo. Ma vaffanculo.

E non finisce qui… purtroppo
E poi arriva Iwata urlando giochi per tutti, giochi per tutti, giochi per tutti e presentando una nuova periferica, di cui ancora non è stato mostrato nulla: il Wii Vitality Sensor. Cosa farà questo simpatico aggeggino? Beh, pare che si collegherà al corpo leggendone i segni vitali come il battito cardiaco…
Gli scenari futuri di questa splendida periferica già mi appassionano: basta con le erezioni fotografate e inviate sulle fotocommunity! Ora sarà possibile inviarle sotto forma di numeri e grafici tramite il Wii! E all’urlo di “Mamma mamma mamma, il nonno mi ha appena inviato un infarto sulla bacheca del Wii”, saremo tutti più felici, sempre che il nonno sia morto veramente e non abbia fatto il cheater. E poi immaginate che bello sdraiarsi sul divano, attaccarsi al Wii Vitality Sensor, mettersi a dormire e lasciare il cuore a giocare… Finalmente potranno essere realizzati giochi così facili (e per tutti, per tutti, per tutti!) che si finiscono nel sonno! Il sogno di ogni game designer… ovviamente andrà evitata la peperonata prima delle sessioni di gioco più lunghe.

I giochi
New Super Mario Bros, Wii (un Mario bidimensionale multigiocatore che sembra divertente come una notte d’amore con Renato Balestra)
Wii Fit Plus, Wii (ma ancora non siete dimagriti? E sbrigatevi su…)
Wii Sports Resort, Wii (il seguito di Wii Sports)
Final Fantasy Crystal Bearers, Wii
Kingdom Hearts 358/2 Days, Wii (è?)
Golden Sun, DS (idee, idee, idee)
Mario vs Dk, DSi (non fatemi domande)
Mario Galaxy 2, Wii (questo sembra veramente bello… in fondo gli basterà essere come il suo predecessore per convincere tutti)
Metroid other M, Wii (anche questo sembra bellino e poi son tornati alla terza persona)
The Legend of Zelda: Spirit Tracks, DS (gioco presentato quasi con vergogna, qualcuno ha proposto di inserire una sezione in cui si possono cambiare i vestitini a Link per cercare di renderlo per tutti, per tutti, per tutti)

40 comments on “La conferenza Nintendo: giochi per tutti, ma non per il mostro di Amstetten (anche qui non ci siamo stati, ma volete mettere?)

  1. Beh, dai, di New Super mario Bros. Wii si sono dimenticati di dire che alla fine è un vero e proprio nuovo Mario 2D, non solo un gioco multiplayer per fortuna. Di carne al fuoco ce ne sarà. Estremamente graditi il ritorno di Galaxy (e le dichiarazioni post conferenza di Miyamoto fanno decisamente ben sperare) e la “nuova” versione di Metroid, estremamente interessante, cattiva e cupa come deve essere. Sospetto che questo “Project M” abbia più elementi Nintendo che Team Ninja e sono molto fiducioso.
    Per il resto sono d’accordo: poca roba nuova, ostinazione nel presentare giochi casual ad una fiera hardcore (l’hanno fatto anche gli altri ma su una conferenza di 2 ore e con tante altre demo di giochi “veri”), tipa di NoA davvero insopportabile.

  2. New Super Mario Bros lo piglio di sicuro (forse sono stato troppo cattivo…), basta che il single player non sia la semplice trasposizione della versione per Nintendo DS. Il problema è che questa conferenza mi ha propriamente ammosciato.

  3. Penso abbia ammosciato proprio tutti. 😀
    Meglio di quella dell’anno scorso, lascio immaginare che livelli aveva raggiunto, ma ormai credo proprio che da Nintendo non ci si possa aspettare altro.

  4. Però dai…un nuovo Metroid non è proprio roba da buttar via, solo per quello la conferenza Nintendo ha guadagnato molti punti, specialmente se raffrontata a quella dello scorso anno!
    Comunque…una domanda:per la prima volta, ieri ho seguito una conferenza di una casa videoludica:sono sempre così dannatamente pallose?Con una Mary Star Gelmini che asciuga la minchia?Con un capoccia giappo che continua a sparare minchiate sul loro meraviglioso lavoro?
    Oppure è stata una prima volta per me tragica?

  5. A me sembra che nintendo si sia adagiata troppo sugli allori. L’anno scorso abbiamo avuto solo la Touch Generation quest’anno avremo la touch generation più tre brand riciclati…

  6. Fattanz in passato erano molto più interessanti e concise. Purtroppo da qualche anno a questa parte sembra non sappiano a chi indirizzare i loro proclami.

    Comunque conferenza pessima e senza senso per un buon 80% di durata. Ovviamente mi sono eccitato per i due Super Mario Bros (anche se NSMB2 non sono riusciti a spiegarlo come si doveva).

  7. Sono un fan acritico della wii: prima di leggere questo articolo ero davvero entusiasta di ciò che avevo visto. Il malefico autore mi ha fatto riflettere: è vero, niente di nuovo. Però quando avrò in mano wii sports resort tornerò ad essere acritico.
    Sinceri complimenti per il modo di scrivere spassosissimo.

  8. Spero nel Wii Vital Sensor. Sarebbe carino implementare qualcosa come The Journey of Wild Divine (http://www.adventuresplanet.it/scheda_recensione.php?game=tjtwd) un gioco strano e interessante (innovativo anche per oggi nonostante alcune pecche).
    Poi chissà immaginate giochi tipo cecchino in cui se il cuore batte troppo forte lo schermo si appanna o spin-off di star wars modello way of the Jedi in cui se i segni vitali non sono in un certo rage (non farti guidare dalla rabbia che acceca il tuo animo) i poteri non funzionano o non sono ben controllati.
    La quantic dream potrebbe sfruttare un sistema simile a quello escogitato per Heavy Rain per rendere le scelte “emozionali” non più dipendenti dal controller ma dallo “stato di tensione” del giocatore, per rendere il tutto più coinvolgente e psicologico.
    Insomma vedo questo vital sensor come un’evoluzione della cara vecchia LIGHT STONE e, vista la fetta di mercato casual/harcore gaming che la Nintendo si è conquistata con il WII (con giochi per tutti ok, ma anche con Zelda, Cristal Chronicles, Disaster, No more Hero, la sua versione di Okami,il meraviglioso e “nicchioso” Deadly Creatures…) chissà che non riesca a portare una qualche rivoluzione vera con questo sistema.
    Ve lo immaginate che bello giocare a un Eternal Darkness con un controllo vitale della follia?

  9. @Fattanz: le ultime conferenze Nintendo sono generalmente pallose ma come dice Karat possono capitare giusto degli annunci bomba o al massimo delle presentazioni piuttosto attese (come GoW III o FFXIII) per alzare il ritmo di questo tipo di eventi.

  10. @Uriele: a dire il vero non mi ci sono messo a pensare vari utilizzi per il Vital Sensor, quelli che porti tu potrebbero essere indubbiamente interessanti. Il problema è uno e non riguarda solo questa nuova periferica ma in generale tutto quello che si collega al motion-sensing ed al coinvolgimento fisico del giocatore: non c’è interesse a creare giochi hardcore che sfruttino queste caratteristiche. La stessa MS, presentando una tecnologia molto avanzata, ha tenuto separate le proposte di questo tipo da quello che i videogiocatori appassionati vogliono e proprio questo comportamento lo interpreto come una pietra tombale sulla questione, magari solo temporanea ma che al momento fa da spartiacque su come\perchè utilizzare queste funzioni. Ci si focalizza solo su quanto possano essere coinvolgenti per tutti e non su come potrebbero portare avanti l’evoluzione del videogioco più stretto.

  11. Mi butto anche io nella mischia e dico la mia…

    Sono rimasto molto deluso dalla presentazione, poi oggi ho ripensato ai giochi presentati… e non mi sono dispiaciuti. Ho concluso che l’errore è proprio Cammie Dunaway, che non sa presentare e rende cose anche interessanti (come il New Super Mario Wii) noiose, con la sua voglia di enfatizzare certi concetti… ma non ci riesce, punto.

    Quindi in definitiva perché no, Nintendo ci ha dato un nuovo Mario (e mezzo), un nuovo Metroid, una nuova periferica (interessante? boh), nuovi eventi per Wii Sports Resort (a me piace, e non poco), un nuovo Wii Fit (per chi vuole), nuovi RPG (Golden Sun, Crystal Bearers, Mario e Luigi), un Wario Ware in cui si possono CREARE i minigiochi (!!!)… non mi sembra poi così poco.

  12. Che inutilità il Wii Motion Plus utilizzato così, applicare il motion sensing quasi esclusivamente a simulazioni più o meno realistiche di movimenti reali è dannatamente limitante.
    D’altro canto ho trovato parecchio interessante vedere Metroid sotto questa nuova prospettiva in 2.5D, se riescono a far convergere un platform-adventure a meccaniche alla ninja gaiden avranno la mia piena approvazione.

  13. Per me è stata una buona conferenza nella sostanza… a parte il mancamento (!!!) quando Iwata ha fatto vedere il Vitality Sensor, al riguardo del quale peraltro a mente fredda non saprei cosa dire visto che non c’era nessuna applicazione mostrata.

    Detto questo, un nuovo Mario 2D e multiplayer, un inaspettato ritorno di Metroid (inquietante: sembra più “dark” dei predecessori, è in mano a un team nuovo, miscela il vecchio 2D alla prima persona dei Prime… insomma non mi pare trascurabile), Galaxy 2.

    In fiera c’era anche Sin e Punishment 2 giocabile, poi la conferma finalmente ufficiale del nuovo Zelda Wii da parte del Miya, il JRPG (se non ho capito male) dei Monolith…

    Considerato che è tutta roba first/second party e che in mezzo c’è il sequel di quello che considero il miglior gioco Wii, personalmente sono fiducioso nel materiale di mio interesse.

    PS: concordo sulla Dunaway, non è proprio adatta IMHO, a questo punto io lascerei fare tutto a Reggie.

  14. Non va bene.
    Che bisogna smetterla di guardare al passato e rendersi conto di ciò che è oggi Nintendo (ovvero una casa diametralmente opposta a quello che era solo pochi anni fa) è un dato di fatto, ma Galaxy 2 buttato così sa veramente di contentino per i fan.
    Quello che mi fa incazzare è che secondo loro dovremmo essere contenti di “Abbiamo presentato il nuovo Mario, che volete di più?” come se gli Hardcore-Gamers (che brutto termine) siano ormai dei cani randagi da tenere in cortile e a cui buttare l’osso ogni tanto per farli stare buoni.
    E’ un precario equilibrio che si sopporta solo perchè “Mario è Mario” e “Zelda è Zelda”, una qualsiasi altra casa che avesse giocato così sporco con le sue IP sarebbe stata già crocifissa dal popolo videoludico.
    E allora accontiamoci di un Mario/Zelda all’anno (se e quando cè) che in periodo di guerra ogni buco e trincea, ma quanto può durare questo tira e molla ancora?? un anno?? due??
    Sono alquanto schifato, di Nintendo in primis, di me stesso in secondo perchè sicuro come la morto che mi giocherò Galaxy2 col sorrisone come un bambino, e con quella spiacevole sensazioni di essere diventato un ripiego ingombrante da azzittire, circondato da mille pedane e misura-pressione elettronici.

  15. Si ma infatti, ma poi con sto zelda hanno rotto le palle a farne solo per DS! Quando arrivano i pezzi grossi?

    Relativamente ai pochi titoli, io vado controcorrente perchè ne giocherò quattro all’anno, ma la nintendo riesce a non farne neanche così pochi decenti! Mario Galaxy 2 mi sembra una minchiata farlo così, scommetto sarà un clone (del tipo Mario 64 : Sunshine = Galaxy : Galaxy2)… sarebbe stato carino un nuovo setting con diverse dinamiche di gameplay, ma evidentemente ormai la ex-vulcanica nintendo ha interesse solo a spingere il wiimote più in fondo possibile nel cluore dei tifosi.

    Un tempo pensavo a Nintendo come la Apple delle console… Ora direi che si merita il downgrade internazionale: è la Mediaset delle console.

  16. quella sottospecie di Gelmini dei poveri deve morire, non la sopporto più. per lei “portare Mario nella quarta dimensione” vuol dire “giocare a Mario in 4 giocatori”. ma stiamo scherzando?

    anche quest’anno ennesima carrellata di puttanate tra cui il Vital coso che sicuramente venderà uno sfacelo. carina la musica del trailer di annuncio di Galaxy 2, ma il gioco mi interessa molto poco.
    decisamente mi ha convinto poco il nuovo Metroid (“sembra Ninja Gaiden nell’universo di Metroid!”)

    ma poi non doveva durare 2 ore? a me sono sembrati tre quarti d’ora.

    riguardo alla conferenza Sony invece… sono PAZZI. Final Fantasy QUATTORDICI l’anno prossimo. boh-boh, direbbe Baz 3.0

  17. Le perplessità su Galaxy 2 non mi trovano d’accordo.
    Massima fiducia al team che ci stà dietro che si è dimostrato come il migliore, attualmente, in seno a Nintendo dopo quel piccolo capolavoro di Jungle Beat e massima fiducia alle parole del buon Miya quando dice che è un gioco nuovo al 90%. Il setting va bene così, rimane ancora affascinante a due anni di distanza, senza considerare che per creare un Mario completamente nuovo e di alto livello, non basterebbero di certo 2 anni di sviluppo (infatti tra i precedenti capitoli è passato molto più tempo, dai 4 ai 6 anni quasi per tutti).

    @Nevade: sono abbastanza d’accordo ma il tuo discorso sottointende che “Nintendo possa permetterselo” 😀

  18. Non riesco a dissociarmi da Nevade, la vecchia guarda ormai viene accontentata semplicemente proponendo (pochi) seguiti di IP secolari. Mi sembra troppo poco per ritenermi soddisfatto, mi dispiace e pure tanto. L’80% della conferenza è stata davvero vergognosa, in gran parte hanno RIpresentato le stesse cose di un anno fa, ma con qualche faccia tengono una conferenza del genere?
    La Dunaway non è azzeccata per niente, però anche lei come Reggie avrà letto qualche blog in cui la si pigliava per il sedere da un anno a questa parte e ha cambiato registro, portando avanti degli interventi in maniera seriosa e senza smorfie di falsa simpatia e tenerezza.

    Detto questo, ovviamente godo per i due nuovi SMB (che Nintendo stessa non si è nemmeno degnata a spiegare bene cosa sono in realtà) ma mi accorgo che è la prima volta che presentano due Super Mario che sono evidenti seguiti direttissimi dei precedenti, questo da un lato non è un buon segno.

    Ah, ci tengo a precisare che IO NON SONO EVERYONE.

  19. Non ho potuto seguire la conferenza e sentendovi ripetere quanto era pallosa non ho voglia di cercarla su Youtube.
    Dal lato gaming lo trovo superlativo: nuovi Mario, Metroid M e Sin & Punsihment 2!
    Non scordiamoci che tolto Mario il platform è un genere scomparso sulle console da casa.
    Contando che compro 3 titoli all’anno (e sono ancora senza Wii…) direi che sarei a posto.
    Sul lato periferiche non mi esprimo.

    Nevade, gli HC sono una nicchia commercialmente ininfluente.
    Mad World ha venduto solo 80mila copie! Con quel rientro economico ci fai giochi carini, ma per un Gears of War servono milioni di compratori.
    Poi guarda cosa intendono per Hard-core: per troppi PR significa solo che invece di usare 1 tasto ne userai 3 (quindi serve il tutorial…), un budget di milioni di dollari e team da oltre 400 persone.

  20. Uriele…te possino, stai riuscendo quasi a farmi attendere con trepidazione quella sola del Vital Sensor.
    In realtà penso che tutte queste tecnologie(e il Natal ci va dentro a pieno diritto)siano potenzialmente interessanti, ma alla fine si riveleranno sostanzialmente inutili per l’utenza più affezionata.
    D’accordo con Nevade nel giudicare l’attegiamento di Nintendo verso gli HC, dovrebbero capirlo che non vogliamo un Mario fotocopia all’anno.

  21. @21: non dimentichiamoci di Final Fantasy PLUS, Mario vs. Donkey Kong PLUS e WarioWare PLUS.

  22. Io vorrei solo capire perchè un “Mario fotocopia l’anno” (Galaxy è uscito nel 2007, Galaxy 2 è molto facile che arrivi dopo 2 anni e mezzo essendo previsto per il 2010) non va bene, mentre, che so, un Call of Duty o uno dei millemila sportivi di EA/Konami che REALMENTE vengono sfornati con cadenza annuale vanno benissimo.

    A volte ho l’impressione che con Nintendo non si sia mai contenti. :-/

    Eppure il passato (da molti rimpianto) dovrebbe averci insegnato che metter fretta a Nintendo non è positivissimo: o forse abbiamo già dimenticato le lamentele per WindWaker (uno Zelda che peraltro ho semplicemente adorato) e i suoi due-diconsi-DUE dungeon tranciati di netto per rispettare la data di uscita?

  23. Questa cosa di Wind Waker non la sapevo. E comunque rimane un gioco sublime, vuoi solo per l’aspetto grafico…

    Mario Galaxy 2 sa di contentino, ma d’altronde… meglio di altro, o di niente. Mario Galaxy era un grandissimo gioco e il 2 non sarà da meno, ma nessuno è obbligato a vederlo come “The Next Big Mario Thing”, perché non è così che è stato presentato.
    Io lo vedo come un modo di prendere tempo, probabilmente Nintendo è impegnata col nuovo hardware a con il Wii Motion Plus a vedere dove può portare i suoi franchise, e per Mario non ha ancora escogitato niente. Per Zelda Miyamoto ha già detto qualcosa, ma essendo un gioco con combattimenti alla spada mi sembra evidente almeno una delle feature. Per Mario.. abbiate fiducia…

    Concordo con Turrican, con Nintendo non si è mai contenti.
    Sony e Microsoft presentano da sempre sequel e/o giochi che sono solo miglioramenti grafici e qualche feature di gameplay che non sconfina mai nella rivoluzione*, e da Nintendo invece si pretende sempre la bomba ogni anno. La baccheta di Sony è per il 2010, il Project Natal é per il 21**, mentre fra 20 giorni arriva il Wii Motion Plus.

    * Ci sono delle eccezioni, tipo MAG di Sony, prima Little Big Planet, altre non mi vengono.

  24. @ pippero:

    FFXIV è come l’XI, cioè online. Quindi…

    “carina la musica del trailer di annuncio di Galaxy 2, ma il gioco mi interessa molto poco.”

    Beato te che ti interessa “molto poco” XD
    Con le catanazzate che ci sono in giro, ben venga un Mario Galaxy alla settimana. L’unico difetto in quel gioco è che finisce.
    Aspettiamo questo Natale (max l’E3 prossimo) per un trailer di Zelda su Wii. Poi se ne riparla.

  25. Non dico che Mario Galaxy no e Cod6 si, attenzione, il mio discorso è ben diverso, è il fatto che ormai i “videogiochi” (perchè io mi rifiuto di definire Wii fit e co un videogioco, mi dispiace) su WII non vengono piu annunciati, la Nintendo non è mai stata una cosa che ha visto troppi titoli, si potrebbe benissimo dire che si guarda il numero di “Mario-Zelda-Metroid” usciti per la console probabilmente siamo in linea con le uscite N64 o Gamecube, assolutamente.
    Se il WII non avesse sto successo planetario dei non-giochi per non-giocatori probabilmente saremmo di fronte all’ennesimo GC con cinque sei titoli decenti e amen, senza cambiare di una virgola.
    La differenza sta nel fatto che, da un lato monetario , un Paper Mario, un Madworld o un No More Heroes vendono un cazzo, quindi non vale NEMMENO la pena usare una parte de fondi ricavati dalla vendita del WiiFit per sviluppare qualcosa per HC.
    Su GC c’era la scusa che era una console di nicchia, ora hanno milioni e milioni in cassa, ma giustamente di sviluppare IP o seguiti di IP per la gente che da anni ci gioca se ne fregano.
    Mantengono il solito, lentissimo, ritmo di sempre con la differenza che mancano all’appello parecchi titoli importanti (Luigi’s Mansion ??? Pikmin3??) che avrebbe magari non fatto chissà quale sfracello del mercato, ma avrebbero mantenuto viva la parte di acquirenti storica, che invece è stata lasciata sempre più all’angolo, con qualche contentino ogni tanto (AC l’altro anno dell’E3 piu un anno di ZERO produzioni decenti apparte MadWorld (discutibile) su WII non potevano bissarlo) giusto per dare due colpi alla corda.
    Ribadisco, sono triste solo perchè è sotto gli occhi di tutti che hanno soldi e mezzi per fare grandi cose ma se ne fregano dell’utenza che li ha sempre supportati.

  26. sì, infatti si chiama Final Fantasy XIV Online. bella cazzata, comunque.

    e sì, Mario Galaxy 2 mi interessa DAVVERO molto poco: per Wii sono davvero pochissimi i giochi che mi interessano, e ultimamente ho anche pochissima voglia di giocare/comprare. roba del tipo che ho messo a soqquadro la stanza per prendere un gioco per PC che ho disinstallato nel giro di 10 minuti.

  27. Io sono d’accordo sia con Nevade che con Turrican: è vero che Nintendo ha sempre più messo da parte la sua fetta affezionata (presente, gioco Nintendo dal 1989 circa), è vero che la sensazione “potrei ma non mi interessa” è palese, è vero che le aspettative per Super Mario Galaxy 2 sono obiettivamente al pari degli altri episodi, è vero che a Nintendo è meglio non mettere fretta, è vero che Wind Waker è lo Zelda “meno bello” così come Sunshine è il Mario “meno bello”.
    Questi sono fatti al 95%, sul resto possiamo speculare quanto ci pare.

  28. Nintendo si sta riducendo quasi a una macchietta. Ricordo quasi con una lacrimuccia la conferenza del 2006, quella sì che fu pirotecnica per le novità presentate.

    Sembra sia passato un secolo.

  29. @Nevade (e chiunque sia interessato al dibattito :-))

    Aspetta un secondo però, stiamo mischiando due discorsi estremamente diversi tra loro. Tu hai citato anche dei titoli di terze parti come Madworld o No More Heroes, qua le critiche vertono esclusivamente sull’operato di Nintendo.

    Sulle terze parti e il Wii ci sarebbe molto da dire, ma non credo sia questa la sede opportuna.

    Tra parentesi No More Heroes è il primo gioco di Suda51 ad aver venduto così bene da dare il via alla produzione di un sequel: il folle designer nipponico non c’era riuscito nè su PS2, nè su GC. Per quel che riguarda Madworld, gli ex-Clover sono a dir poco talentuosi ma porelli, hanno sempre ricevuto applausi dalla critica e pernacchie al “botteghino”: tenuto conto del fatto che Madworld è un titolo estremamente di nicchia non so fino a che punto possa essere indicativo delle vendite dei titoli hardcore su Wii.

    Chiudo il non breve excursus facendo presente che Paper Mario, o meglio Super Paper Mario è plurimillion seller su Wii. 🙂

    Detto questo, dissento su pressochè tutta la linea. XD

    Hai scritto che “non vengono più annunciati videogiochi”, beh io a questa Fiera vedo il sequel di Mario Galaxy (e scusate se è poco), un Mario 2D che su console non si vedeva da secoli, perdipiù multiplayer, e un ibrido 2D/3D di Metroid.

    A me sembrano videogiochi con tutti i crismi. 🙂

    Ribadisco la mia convinzione: sembra che qualsiasi cosa facciano non vada bene. Fanno un sequel l’anno? Troppo more of the same. Ci mettono il giusto (e al giorno d’oggi 2 anni sono il minimo sindacale per della roba seria) ? Ignorano la vecchia guardia. Come se ai tempi del GC uscisse un Metroid Prime al mese… Ma poi guardiamoli per benino i titoli annunciati: se davvero noi “vecchietti” siamo una fastidiosa zavorra per l’azienda, perchè ad esempio insistere su Metroid dopo i risultati commerciali non eccelsi di Corruption (comunque million seller pure lui), cambiando la formula di Prime e dulcis in fundo assegnando il lavoro a un team totalmente diverso? Perchè dare un seguito a uno shooter tutto sommato sconosciuto come Sin & Punishment? O ancora (altra domanda IMHO moooolto interessante), perchè tirar fuori il MotionPlus quando l’utenza di WiiSports si trova benissimo con il wiimote standard? Tutti argomenti sui quali credo sia opportuno riflettere.

    Sulla questione dei nuovi IP e/o del materiale “tappabuchi” tra un giocone e l’altro, cito in ordine sparso cito alcuni titoli (tutti first/second party) cosiddetti “minori” usciti su Wii: Wario Land Shake, Disaster, Fatal Frame IV, Captain Rainbow, Another Code R, Punch Out, Fire Emblem, i due Excite (Truck / Bots), Endless Ocean, Sin & Punishment 2, Battalion Wars II, e ci metto pure i New Play Control perchè per qualcuno (uno a caso: il sottoscritto) hanno rappresentato l’occasione per scoprire dei titoli colpevolmente ignorati nell’era Cubo, in una versione riveduta, corretta e credo di poter dire migliorata (penso a quella perla di Pikmin e a quanto gli abbia giovato il controllo con wiimote e nunchuck). E parlo solo di Wii, ma non dimentichiamo che la medesima azienda supporta anche il DS.

    Di critiche a Nintendo ce ne sono da fare eccome (qualche esempio? certe localizzazioni tardive o addirittura abolite, i codici amico, la disomogeneità delle implementazioni di alcune feature -supporto WiiSpeak, canale Mario Kart, tutto il Wii sembra molto “a compartimenti stagni”-, la stessa introduzione del MotionPlus, e altro), ma non credo tra queste rientri il “non fare più videogiochi”. Non dopo ieri pomeriggio. Tutto IMHO naturalmente.

    Mi scuso per l’estrema lunghezza.

  30. Che bravi picciotti (ogni riferimento a fatti, persone, provenienze realmenti esistenti è puramente casuale).

    Appena faccio funzionare i tre neuroni che mi ritrovo, formulo un’opinione.

  31. Che la casa giapponese sia (ed uso un eufemismo) poco incisiva nelle sue uscite pubbliche, mi sembra un dato di fatto. Tutti i suoi volti – compresi quelli storici – dovrebbero lasciare il posto a gente più giovane, dinamica e capace di coinvolgere il pubblico. Proviamo comunque accantonare le questioni di forma, ed approdiamo ai problemi veri.

    Ciò che Nintendo fatica seriamente a capire è che i giocatori si accorgono del suo essere stanca, vittima di una sbornia da motion tracking degenerata al limite dell’incontrollabilità.
    Da quanto tempo Miyamoto e compagni non producono IP veramente inedite, nuovi eroi che proiettino l’immagine di Nintendo verso il futuro? Mario Galaxy 2 resta l’ultimo faro di una ‘grande N’ che oramai non sa più cosa fare del Wiimote, ed è completamente in mano all’inventiva dei partner.

    La crisi creativa di Nintendo è tanto più evidente quanto più fa clamore un Metroid: Other M sviluppato dal Team Ninja, che tra l’altro ha compreso una o due cose su ciò che desiderano gli “hardcore gamers” in possesso di un Wii.
    La visuale in prima persona della serie Prime aveva seminato una certa nostalgia per ciò che Metroid era in origine: la sezione di Other M dove si combatte in prospettiva laterale, sparando anche verso il fondo dello schermo, è quanto di più vicino allo spirito della saga ci sia. Le sezioni a la Ninja Gaiden, poi, aggiungeranno il tocco di freschezza necessario a rendere veramente memorabili gli scontri più difficili.

    Modernità e spettacolo, certo, ma con uno sguardo alla tradizione che sgomberi il campo da ogni rischio di banalità. Funziona così anche per Galaxy 2, non so se rendo l’idea.

Leave a Reply