Onslaught

Sviluppato da Hudson | Pubblicato da WiiWare | Piattaforme Wii | Rilasciato nel 2009 | Sito Ufficiale

onslaught

Onslaught è un po’ quello che è il Wii, un “vorrei ma non posso” che mette in evidenza i limiti della console Nintendo con alcuni dei generi tradizionali. Ovviamente il nodo è il sistema di controllo che, basato sul mirare con il telcomando, risulta lento e goffo e priva il gioco della dinamicità che solitamente caratterizza gli sparatutto in prima persona, genere a cui appartiene il titolo di Hudson Soft. La lentezza impone lentezza e più che di accesi scontri a fuoco, per Onslaught si può parlare di rilassanti combattimenti con delle figure che strisciano mestamente sullo schermo. Una specie di shooting gallery con alieni e con la possibilità di muoversi in un ambiente virtuale. In realtà il gioco preso per quello che è  non è male, solo tradisce i limiti del Wii con i generi tradizionali (chissà cosa si sono inventati gli sviluppatori di The Conduit per ovviare). Il gameplay di Onslaught è un lento avanzare o un mantenere la posizione sparando ai nemici in vista. I livelli in cui bisogna muoversi di più sono paradossalmente i meno convincenti, perché si è costantemente costretti a lottare contro il sistema di controllo, soprattutto con la necessità di orientare il movimento. Confrontarlo con altri titoli dello stesso genere è in parte sbagliato, ma inevitabile. Oppure meglio sarebbe considerarlo un ibrido tra un qualsiasi House of the Dead e uno sparatutto in prima persona, così da dargli senso ed evitare di diventare troppo cattivi. In fondo dopo che si è riusciti a digerirne i limiti, non è affatto male.

8 comments on “Onslaught

  1. Simone, consentimi di dissentire fortemente.
    Parli di limiti del Wii prendendo come esempio il genere che più si adatta al Wiimote, genere il cui sistema di controllo non viene mai criticato sulle altre due console che evidentemente sono ancora meno adatte del PC, e dici che il Wii con gli shooter mostra i suoi limiti? Mmh.
    Io possiedo Metroid Prime 3 (che non è esattamente shooter ma ai fini del controllo è quello) e Call of Duty 5: World at War, e ti posso assicurare che non sembrano delle versioni segate di uno sparatutto da PC.

    Certo i puristi obietteranno che su PC si spara con più precisione e ci si gira più velocemente, e in questo senso posso accettare che – esempio a caso – in un porting brutale un Left 4 Dead dovrebbe essere rallentato di un 5-10% rispetto alla versione PC in modo da ovviare a questo. Ma da qui a dire che gli FPS mostrano i limiti del Wii… Mmh.

    Forse é semplicemente Onslaught che é lento.

  2. Io insisto con la mia teoria un po’ balzana: il metodo di controllo mouse più tastiera è anche troppo chirurgico ed efficiente, quindi “irrealistico”. Magari Onslaught è fatto male di suo, ma un po’ di goffaggine e lentezza, sapientemente usate, potrebbero dare più pathos, o comunque costituire una valida alternativa, una volta superata una fase di ambientamento magari poco piacevole, alla solita iperprecisione.

  3. @abs: dai tempi di counterstrike (e forse anche prima, ma lo ignoro) qualunque sparatutto che voglia mantenere una parvenza di realismo (quindi non i vari quake, unreal etc.) adotta un modello di fuoco nel quale se non stai fermo e calmo spari a tutto meno che al bersaglio. Come mai non lo ritieni sufficiente?

  4. Penso che qui si stia parlando dei limiti tecnici degli FPS per console, non del Wii.

    Devo ancora trovare un FPS per console che sia veloce come uno di quelli per PC: giocare ad Halo 3, Killzone o Gears of War per chi è abituato a Counter-Strike, Quake od UT è come fare il bagno nella melassa 🙂

    Concordo anche che forse, avendo ormai una buona padronanza di entrambi i mezzi, il sistema mouse+tastiera è troppo “preciso” e veloce per divertire l’utente occasionale, almeno è l’impressione che ho io se si paragona il panorama FPS console con quello PC: su Console il ritmo inferiore e l’approssimazione dei controlli rendono il primo approccio più “accessibile” (le virgolette sono d’obbligo visto che molti FPS per console usano fin troppi tasti e spesso senza alcuna standardizzazione).

  5. @Matteo:
    Che intendi per “FPS veloce”? Se parli della rapidità nel girarsi, non so che dirti perché su Wii gli ultimi FPS danno la possibilità di scegliere la velocità di rotazione, che a parer mio se non si può dire uguale almeno si può equiparare a quella per PC, per efficienza.
    Se parli della rapidità dei giochi in sé… beh quello dipende dallo sviluppatore. Parlando solo di FPS buoni, Metroid Prime 3 non è esattamente un FPS e quindi non è incentrato sulle meccaniche di sparo, quindi fuori scala. Call of Duty 5 è una simulazione di guerra, quindi il gioco ha una velocità intrinseca oltre la quale le cose diventano irrealistiche. Ora arriverà The Conduit che (per quanto tamarro e brutto, a mio parere) ricade perfettamente nel genere FPS sci-fi e si potrà fare un altro paragone, stavolta più calzante.
    Se questo Onslaught risulta lento, ritengo che il motivo sia il gioco stesso e non l’intero genere su Wii.

    Ritorno a dire però che per me il nodo della questione è che se Simone nel post dice “un vorrei ma non posso che mette in evidenza i limiti della console Nintendo con alcuni dei generi tradizionali” secondo me sbaglia, perché se l’FPS per console non lo fai su Wii, dove lo fai? E di contro, se c’é un genere tradizionale che si adatta ai controlli del Wii, non é l’FPS?

  6. Comunque volevo spezzare una lancia in favore di Hudson che ha dato al WiiWare un esponente di un genere ancora orfano.
    Per quanto il gioco non mi attiri, sembra abbastanza curato rispetto alla media dei giochi WW. Forse un art direction più attraente e una storia/personaggi/armi meno ‘già visti’ avrebbero dato al titolo quella marcia in più che ne poteva giustificare l’acquisto (da parte mia).
    Però insomma, almeno non è “Family Fun Shootout Party Carnival Island”.

Leave a Reply