Metro 2033: ora anche in italiano

Camminavo allegramente tra gli scaffali di una libreria del centro, quando all’improvviso la mia attenzione viene rapita da una copertina che credevo non avrei mai visto. Era quella di Metro 2033, il libro di Dmitry Glukhovsky da cui è stato tratto il videogame multipiattaforma appena uscito. Poco più di 17 euro per un 779 pagine di fantascienza post apocalittica che male non fa. Anzi! Ero lì lì per uscire dall’ufficio con la prima scusa possibile per fiondarmi sulla metro (mio malgrado, “solo” quella di Milano) e tornare a casa per inizarne subito la lettura, che già so sarà vorace come le vongole.

Questa la cover:

La prima cosa fatta, ovviamente, è stata quella di inserirlo nel database di aNobii, ma… L’edizione italiana non esisteva e quindi mi è toccato crearne la voce. Per me, era la prima volta.

Prima di augurarvi la prevedibile “buona lettura”, voglio riportare le parole della quarta di copertina (si potrà?):

E’ l’anno 2033. In seguito ad una guerra devastante, vaste parti del mondo sono ridotte in cenere e macerie. Anche Mosca è diventata una città fantasma: i sopravvissuti si sono ritirati nelle profondità della Metropolitana e lì hanno fondato una nuova civiltà, una società che non era mai esistita prima di allora…

Queste sono le avventure del giovane Artyom, che lascia la propriastazione d’origine per proteggere la Metropolitana da un’oscura minaccia. Perché gli ultimi uomini non sono soli, là sotto…

“Grandioso! La Metropolitana di Mosca è sempre stata avvolta nella leggenda  e ora, Dmitry Glukhovsky riesce a trarne un grande e fantastico capolavoro!”

Sergey Lukianenko

2 comments on “Metro 2033: ora anche in italiano

Leave a Reply