Ringcast in Giappone

I ragazzi di Ringcast sono stati in Giappone… e purtroppo sono tornati. Eccovi quindi la prima parte del resoconto del viaggio. Ascoltandolo otterrete un sacco di consigli su come scopare, ma tanto a che vi servono? Siete videogiocatori, mica creature biologiche, sorbole! Fortunatamente c’è anche Vito che parla di videogiochi e ci racconta come non riesce a far scopare la gente nemmeno nei film porno.
———————————————————

Giappone 2010 – Parte 1

Fra atterraggi stile presidente polacco, vento che ribalta treni e ciliegi in fiore, mettendo a repentaglio la vita e il portafoglio, andammo e tornammo dal Giappone incolumi e carichi di minchiate da condividere con voi, cari amici da casa che una vacanza così la vedete solo in foto. Si inizia in RingCast Extra 9 con le prime due tappe del viaggio: una breve sortita a Tokyo (che tornerà sul finale per la giusta vendetta) e un viaggio al cospetto del Piccolo-Grande-Medio Buddha a Kamakura. Più RingCast per Caso che RingCast normale, siamo lieti di offrirvi l’opportunità di ridere e soffrire con noi grazie a personaggi come l’Uomo Cavallo o ai consigli per nerd frustrati del Maestro Bocia.

Premi il pulsante per ascoltare in streaming:

Supportateci su Facebook: QUI
Aggiornamenti di RingCast all’indirizzo Twitter di Parliamo di Videogiochi: QUI

Per gli stolti che ancora non si sono abbonati:

link itunes: QUI
link diretto gehenna per i feed [se non avete iTunes]: QUI
Last FM (Puntate Extra): QUI
Link diretto MP3 (RingCast Extra 9): QUI

Enjoy!

I link di questa puntata:
Scrivi a RingCast: ringcast@parliamodivideogiochi.it
Cambia la tua vita con il Maestro Bocia e scopa come una casalinga: QUI
In sottofondo: Meiko Kaji – Flower of Carnage

Slage in anteprima all’Ankama Convention #5

Il nuovo titolo di Ankama, Slage (pronunciato all’inglese, ci dicono i PR), sarà presentato ad Ars Ludica e al resto della stampa internazionale questo sabato 17 Aprile durante l’Ankama Convention #5.

Sin’ora le uniche informazioni note sono che si tratta di un action RPG violento ed orientato ad un pubblico decisamente adulto, anche se una serie di strumenti di parental control permetteranno persino ai più piccoli di giocare. Il setting sarà lo stesso di Dofus e Wakfu, quindi Slage avrà un background artistico e narrativo di prim’ordine sin dal lancio.

Grande sorpresa anche per noi, che eravamo già eccitatissimi dall’avere il privilegio di approfondire la conoscenza con l’imminente Wakfu!

Vi lascio ricordandovi che da lunedì vi aspetterà una settimana di curiosità, commenti ed approfondimenti su tutti i temi videoludci (e nerd in generale) dell’Ankama Convention #5!

XCOM diventa… un FPS?!?

2K Marin, a cui si deve il secondo Bioshock, ha pensato bene di riprendere il noto brand di strategici a turni trasformandolo nientemeno che in uno sparatutto in prima persona. Secondo il comunicato stampa ufficiale il gioco conterrà anche elementi strategici, si vestiranno i panni di un agente dell’FBI che deve salvare il mondo dalla minaccia spaziale e, ovviamente, sarà il titolo più bellissimo e rivoluzionarissimo del mondo. In realtà, tra giri di parole e iperboli, non è stato rivelato molto, ma tanté. In realtà qualcuno aveva già provato a realizzare un gioco d’azione basato sul brand XCOM (Enforcer) e fu un fiasco clamoroso. L’uscita è prevista su Xbox 360 e PC a data da destinarsi. Nel frattempo potete rigiocare i primi due XCOM che sono ancora dei gran bei giochi e si trovano a prezzo stracciato.

Fonte: GamePro

Dreamside Maroon

Sviluppato da terraced | Piattaforme: PC | Pubblicato 2009 (PC) | Sito ufficiale


Accanto ai generi tradizionali negli ultimi anni se ne è affermato uno che molti videogiocatori rifiutano in toto. In realtà non ha un nome, se non un generico art games che può voler dire tutto e nulla. Si tratta di produzioni provenienti dalla scena indie che cercano di offrire esperienze contemplative e intellettualmente motivanti eliminando le sfide di tipo tradizionale. Possiamo dire che sono modi alternativi di sfruttare gli spazi virtuali, che mirano al piacere dell’esplorazione fine a sé stessa, cercando di motivare il fruitore dal punto di vista estetico e non ormonale. Avvicinarsi a questi titoli richiede una certa predisposizione e sensibilità, altrimenti la reazione più immediata è quella del rifiuto totale e, nei casi peggiori, la noia soggiunge impietosa sul cadavere con gli occhi aperti davanti allo schermo.

Dreamside Maroon, realizzato da un gruppo di studenti del DigiPen Institute of Technology, nasce da un’idea narrativa poetica ed essenziale: Aster deve raggiungere la Luna a cavallo di un ramo che cresce seguendo i suoi desideri. Per farlo dovrà attraversare un mondo fatto di piattaforme fluttuanti accendendo delle luci con la sua lanterna e raccogliendo delle lucciole.

Non c’è molto da fare in Dreamside Maroon se non far crescere il ramo di Aster e stare a guardare un mondo in cui i pochi elementi sono distribuiti seguendo un ritmo kandinskiano. Eppure ci si lascia trasportare privi di inerzia e si sta a guardare. Ci si abbandona facilmente al vagabondare senza meta e all’osservare le isole alla ricerca delle lampade da accendere. Se ne ricava un piacere profondamene distensivo entrando in una specie di dormiveglia cosciente che non può che finire mettendo i piedi sulla Luna.

Outcast: Chiacchiere Borderline – Episodio 02

Finalmente possiamo ascoltare il secondo numero di Outcast, Chiacchiere Borderline. Dico finalmente perché pare che l’ascolto prolunga risolve problemi di artrosi e faccia l’effetto del Viagra. Ho anche il piacere di copiare/incollare la lista dei contatti presa direttamente dal blog ufficiale del podcast, così sapete dove andare se volete menare qualcuno (alla prossima uscita vi darò gli indirizzi di casa, non temete). Ora non vi resta che scaricare e ascoltare!
—————————————————


Privati del vate(r), i rimasugli della banda coi baffi scaricano in sessantotto minuti d’amore tutte le stronzate di cui sono capaci, svelando un insospettabile animo da nintendari di ferro, un vergognoso timore per le nuove tecnologie, un’insana passione per il pianto femminile e un triste pizzico di paura della retrocompatibilità.

In questo episodio:
Wingers [02:05], Nintendo 3DS [04:50], troppe console portatili [11:35], Nintendo 3DS Reprise [18:45], Nintendo & Facebook: questo matrimonio non s’ha da fare [23:22], Reggie Fils-Aime si netta le terga con l’iPad [27:50], il glorioso 2010 del Wii [28:36], il Wii è la vera console per adulti [39:44], RuMi GaGa [48:20], Heavy Rain: un film rotto Let’s Play Heavy Rain With Myriam! [50:15], l’omosessualità in Mass Effect 2 [57:03].

Soundtraccia: Outcast – Andrea Babich / Just Dance – Lady Gaga / Mars – Nick Ingman & Terry Devine-King / In the Sun – She & Him / Roba brutta – Non so cosa sia

Per ascoltarci in streaming, clicca su questo coso qua sotto

Altri modi per ascoltarci:
Outcast su iTunes
Il link diretto all’mp3 di questo episodio

Per contattarci:
Scrivi ad Outcast – outcastlive@gmail.com
Il blog di Andrea Babich: The Babich Playground
Il blog di Andrea Maderna: L’Edicola di giopep
Il blog di Davide Giulivi: Linea di fondo
Il blog di Davide Tosini: ToSo on the Net
Il blog di Elena Avesani: Puffetti rosa
Il blog di Fabio Bortolotti: Little Summer DJ
Il blog di Gianluca Loggia: Uno sgarrafiesto con Ualone
Il blog di Lorenzo Antonelli: Bunker
Il blog di Luigi Marrone: E-Self Electronic Self
Il blog di Marco Calcaterra: Ultimo cannoncino
Il blog di Mattia Ravanelli: Zave’s