Inside a Dead Skyscraper (Molleindustria)

La Molleindustria ha pubblicato un videogioco musicale, Inside a Dead Skyscraper, per la canzone “The building” di Jesse Stiles, che gli fa da colonna sonora, estratta dall’album “Target Museum” di recente pubblicazione. L’essere umano protagonista (il sesso non viene chiarito) indossa una tuta protettiva e ha un apparecchio che gli consente di leggere i pensieri delle persone, ma deve avvicinarsi per poterlo usare. Può volare ed esplorare i dintorni di un grattacielo colpito da un aereo (il riferimento ai fatti dell’11 Settembre è palese, confermato anche leggendo le faq del gioco). Come dice il compagno del protagonista all’inizio, questo non è un gioco… è più un quadro musicale da esplorare. L’istantanea di una scena drammatica che sembra affiorare da un sogno in cui si mescolano visionarietà e ironia.

Tratto e tradotto dalle faq leggibili nella pagina del gioco:

Cos’è un video gioco musicale?

L’idea è quella di dare una risposta critica alla proliferazione di rythm games ‘a la Guitar Hero. Questi giochi derivati dal karaoke si limitano a sfruttare la musica di successo, generando royalty per la morente industria musicale e rinforzando la mitologia della rockstar/super uomo con cui la gente comune si identifica.

Un approccio alternativo ai giochi musicali potrebbe collegare la musica e i videogiochi indipendenti. I giochi indie musicali potrebbero promuovere delle band sconosciute, facendole conoscere alle nuove generazioni di utenti multi-tasking, iperattivi e dipendenti dall’interazione.

Sempre dalle FAQ, questa volta sul gioco in sé:


C’è un modo per vincere o perdere?

No.

Inside a Dead Skyscraper


Leave a Reply