Duke Nukem Forever

Pubblicato da 2K Games | Sviluppato da 3D Realms/Gearbox | Piattaforme: PC (versione testata), Xbox 360, PS3 | Rilasciato nel Giugno 2011

Le tette possono sconvolgere ancora al punto da far considerare bello un gioco?

 

Duke Nukem Forever è un gioco irrimediabilmente legato a un’epoca che non esiste più. È l’eroe americano post muro di Berlino che si sente padrone del mondo e che crede di poter fare tutto, perché ormai non ha più nemici. Duke è il simpatico arrogante, liberato da tutti i freni inibitori della Guerra Fredda, che tratta gli alieni come stracci perché tanto sa che nulla possono contro di lui. È un vincente ancora prima di combattere, perché ha già vinto comunque vada.

L’inizio del gioco è conclusivo per qualsiasi analisi tematica, con le gemelle Holsom, distorsione puttanesca delle gemelle Olsen, che gli fanno un pompino mentre gioca all’ultimo livello di Duke Nukem 3D rifatto con il nuovo motore grafico. Il problema è che le gemelle Olsen erano famose quando Duke Nukem Forever era nei primi anni di sviluppo, mentre oggi sono soltanto un residuato bellico del lolitismo degli anni 90, maschere delle erezioni di un tempo di fanciulli che oggi sono ormai uomini cocainomani e dediti al porno amatoriale, tumefatte e dissolte nel ricordo appannato della loro immagine di bambine di successo.

Chi darebbe più un ruolo importante alle gemelle Olsen in un film o in un telefilm? La risposta più ovvia, ovvero nessuno, apre la strada alla domanda fondamentale che inquadra l’anacronismo di Duke Nukem Forever: che ci fanno le gemelle Olsen in un gioco uscito nel 2011? Chi dovrebbe riconoscerle a parte quelli come me che hanno superato i trenta?

Duke Nukem Forever è la riedizione in HD di un gioco mai uscito. I suoi maggiori difetti sono tutte quelle piccole contaminazioni del moderno che stonano con una struttura ancorata agli sparatutto di fine anni 90.  Il limite di due armi trasportabili, l’energia che si ripristina col tempo, i nemici poco reattivi, la facilità estrema, le sequenze scriptate: sono tutte le caratteristiche che determinano il successo degli sparatutto in prima persona moderni e che tanto piacciono alla critica, ma che qui stanno proprio male. Sembra di vedere Sofia Loren in perizoma.

Comunque, se c’è un difetto che imputo a Duke Nukem Forever è proprio quello di non aver osato tornare a proporre un gameplay più puro e meno legato a tutte quelle feature nevrotiche alla Call of Duty XXX (scegliere episodio a piacere). Sono in contraddizione rispetto a quanto scritto prima? In realtà no, ma tento di spiegarmi.

Duke è difettoso non tanto per la parte tecnica, quanto perché è troppo simile agli sparatutto moderni pur non essendo uno sparatutto moderno. Li scimmiotta ma non riesce a raggiungerli, nel senso che, essendo la maggior parte dei titoli di ultima generazione legati più al machismo grafico che alle abilità del giocatore, relegate a comparse tra i botti e le animazioni precalcolate, tentando di confrontarsi su questo livello con un motore grafico vecchio di anni ha perso in partenza.

L’unica operazione assennata sarebbe stata la negazione della banalizzazione e la radicalizzazione dei contenuti ludici: Duke Nukem 3D era dannatamente bello e dannatamente difficile. Duke Nukem Forever è facile e non stupisce sotto nessun punto di vista. È il solito sparatutto, che per un titolo del genere è la più grande delle offese.

Eppure in alcuni frangenti ci prova, ma sembra non volersi spingere mai oltre il lecito. Ad esempio il livello delle donne usate come incubatrici dagli alieni ha la sua potenza visiva e concettuale, soprattutto per gli eccessi a cui spinge il giocatore (volete evitare di essere attaccati dalla prole aliena? Per farlo bisogna ammazzare le ragazze), ma è un caso isolato e nei livelli seguenti non si ripete niente di così estremo, putroppo.

Arrivato alla diga ho anche provato a sparare a quel cretino del presidente americano (evidentemente un Obama bianco, che vuole fare la pace con gli alieni a prescindere dall’attacco e dà la colpa a Duke per il massacro), ma non c’è stato verso. Ha gli stessi poteri del Papa di Gioventù Ribelle e la cosa, ve lo confesso, mi ha rattristato (vabbé, se fosse stato eliminabile avrebbero dovuto cambiare il finale…)

Insomma, Duke Nukem Forever ci ha messo quindici anni per arrivare, ma non ci vorrà altrettanto per dimenticarlo. Non bastano delle battute ormai vecchie per fare un capolavoro, purtroppo. Nonostante le critiche, diciamo che è un buon gioco e morta lì, questo non posso negarlo (dovrei dire che mi ha divertito, ma rifuggo), e il personaggio rimane lo stesso amabile cafone di sempre (ma immagino che qualcuno lo sopporti poco).

Detto questo considero assurdo l’accanimento della critica contro il gioco. Duke Nukem Forever ha beccato voti che vanno dal due all’otto, con maggiore prevalenza per quelli negativi. In alcuni casi si è sputata bile su bile, più che analizzare il gioco. Ora, come ho detto non è un capolavoro, ma tolto il motore grafico è pur sempre in grado di confrontarsi con moltissimi dei più osannati tra gli FPS (qualcuno può affermare che i nemici di  Crysis 2, Black Ops o, per fare un altro nome, F.E.A.R. 2, siano più intelligenti e offrano maggiore sfida?), soprattutto in termini di level design e varietà delle situazioni.

Ma forse certi “giornalisti” umorali ce li meritiamo. In fondo sono quelli che all’apparizione di Modern Warfare 3 sullo schermo della conferenza Microsoft all’E3 2011, urlacchiavano come troiette in calore durante un bunga bunga… le stesse a cui Duke schiaffeggerebbe le tette.

 

7 comments on “Duke Nukem Forever

  1. Il personaggio è irresistibile e fuori dal perbenismo di cui sono permeati i titoli moderni che hai citato.

    Basta il fatto di poter portare solo due armi alla volta ad assimilarlo ad un qualsiasi sparatutto bellico attualmente in commercio? Nei livelli di Duke ho visto una gran cura dei particolari e location sempre molto diverse tra loro…

    Lo sto giocando e mi sto divertendo. E ribadisco, nel gioco c’è una passione per il gioco che forse, tra gli sparatutto che ho provato negli ultimi anni, ho visto solo in Bioshock…

    Spero che il prossimo DUCA esca tra altri quindici anni eche sia così spassoso come quello che sto giocando adesso!

  2. Del vecchio Duca potrebbe al più essere il figlio adolescente che vive delle rendite del padre, un po’ incattivito e bizzoso, sempre nullafacente, molto tamarro. A me simili personaggi – se non hanno nulla di nuovo da dire – stanno parecchio antipatici. Ma il gioco fallisce perchè vuole essere seguito ipso facto dell’attesa e dell’aspettativa e non del punto di rottura archiviato nella formula del madornale (e ancora divertentissimo) archetipo. E’ un gioco viziato dall’attesa e dalle speculazioni che, per contrappasso, viene bocciato da quella stessa aspettativa che ha volutamente alimentato. Dice bene Simone quando sostiene che il gioco scimmiotta senza avanzare idee. Inserisce il cazzeggio nel sottogioco ma non lo rende parte interna e attiva all’azione. A questo punto ridatemi il juke-box di Prey (tanto per restare in casa 3D Realms). Sarebbe bastato poco così.. quel quid capace di rendere la banalità del capezzolo un nuovo classico del videoludo. Invece hanno disposto la banalità videoludica dentro le classiche tette squadrate. Qualcuno dovrebbe chiedere i danni a Gearbox.

  3. In disaccordo con Doom, il cazzeggio in DNF aumenta la barra dell’EGO e quindi ti facilita la vita nel gioco…quindi è elemento funzionale al gameplay!

  4. Arrivo perché mi ha segnalato la recensione (o come vuoi chiamarla) tipo che nemmeno avrei pensato leggesse AL; a parte questo, devo dire che da quel che ho visto nel gioco mi ritrovo nella critica per il tempo perso, piuttosto che nel gridare allo scandalo perché la grafica non è tra le più pompate o menate simili.

    Ma del multiplayer nessuno dice niente? Assente o che?

  5. Oh, ragazzi, io sono stato uno dei pochissimi a cui DNF è piaciuto una madonna. Forse perché non avevo alcun hype nei suoi confronti…

Leave a Reply