GTA e i tumulti di Londra

Un ufficiale di polizia ha affermato di aver raccolto alcune testimonianze di ragazzini tra i 10 e i 14 anni che avrebbero additato la serie GTA come ispiratrice dei tumulti di Tottenham e Brixton (Link).

A dargli manforte ci ha pensato un abitante di Enfield, che ha parlato di GTA come di un elemento culturalmente catalizzante per la violazione delle leggi. Le voci riportate sono state raccolte dal quotidiano London Evening Standard che, pur lanciando l’accusa in prima pagina, pare non l’abbia approfondita all’interno del giornale, dando elementi per verificare le testimonianze.

In che modo i GTA avrebbero ispirato questi ragazzini nel partecipare agli scontri che negli scorsi giorni hanno incendiato Londra è un mistero. Forse si vuole sottintendere che l’aver giocato con i GTA abbia facilitato il loro coinvolgimento nella violenza?  Quindi, il titolo di Rockstar sarebbe stato determinante per la sua funzione desensibilizzatrice e colonizzatrice dell’immaginario dei giovani, mentre ad esempio il fatto che i riottosi provengano in gran parte da quartieri degradati, i cui abitanti sono stati colpiti più di altri dalla crisi economica, sarebbe un fattore secondario per spiegare la rabbia sociale serpeggiante in occidente e che sempre più spesso sta sfociando in manifestazioni di violenza più o meno organizzate, delle quali raramente ci viene data notizia?

L’uccisione del ventinovenne Mark Duggan è stato solo il casus belli di un fatto che va letto in una chiave globale e che ha delle sfaccettature molto complesse, non certo riducibili al teppismo o, peggio ancora, a “videogiocatori ispirati da una serie violenta”.

13 comments on “GTA e i tumulti di Londra

  1. Dallo scorso Aprile, quando ci fu la rivolta degli statali licenziati in tronco la stampa inglese cerca giustificazioni creative ad un problema che è chiaro come il sole: più metà della popolazione inglese non ha risparmi o proprietà. Mi domando se sia semplicemente miopia classista (i giornalisti dei maggiori tabloid e quotidiani non vivono certo nei sobborghi) o se ci sia una vera e propria campagna di comunicazione del governo dietro tutta questa disinformazione.
    Quando sospesero Torchwood in UK c’erano voci che la BBC fosse stata costretta a farlo perché Children of Earth aveva dato un immagine troppo fascista, critica e cinica del governo inglese. Adesso un po’ ci inizio a credere e capisco anche perché ogni scusa è buona per criticare i governi dell’europa continentale.

  2. Poi volendo potremmo parlare dell’esecutivo inglese che è rimasto in vacanza per tornare solo a quarto giorno di sommosse. Dopo giorni di critiche al lassismo del governo italiano.

  3. No no, è tutta colpa di Duke Nukem Forever.
    Il gioco era così brutto per loro che dovevano sfogare la rabbia.
    Si si.

  4. Ho sempre considerato l’Inghilterra come il faro della democrazia, però ha ragione Matteo, la copertura giornalistica dei fatti mi ha dato un’impressione brutta, per dirla semplicemente.Altrettanto banalmente mi ha ricordato il fumetto “V for Vendetta” di Alan Moore.

  5. Teo wrote:

    Probabilmente varrà presto accusato dal Vaticano di aizzare alla masturbazione dato quel continuo su e giù che fa..
    @ Giacomo:

    Ma no, quello è Sega Rally!

  6. GTA che ispira tumulti? e io che ho sempre pensato che quelli di Los Angeles del 1992 (Rodney King ecc.) avessero ispirato l’ultima parte della storia in San Andreas. misteri della vita.

Leave a Reply