Se il buon giorno si vede dal mattino…

Amanita Design è un piccolo studio che si è guadagnato grande fama grazie all’ottima avventura grafica Machinarium, uno dei successi indipendenti dello scorso inverno.

Ecco i teaser del nuovo progetto della software house ceca, Botanicula. Che dire, se non che sono belli (e che per ambientazione ricordano vagamente i due Pikmin, capolavori usciti su GameCube)? Se volete saperne di più, questo è il sito ufficiale del gioco.

Niente male!

iPod Touch torna la piattaforma videoludica di Apple

Il gioco è tornato l'elemento centrale della promozione di iPod

Durante lo sfortunato keynote della scorsa settimana, Tim Cook ha ribadito il concetto principale della filosofia dei prodotti Apple: se volete solo giocare, comprate un iPod Touch.

Dopo poco più di un anno passato in sordina, eclissato dai lanci dei due iPad, iPod Touch è tornato ad essere presentato come il device con iOS più venduto al mondo e, in generale, il device per giocare più venduto in assoluto. Parlando di numeri, Cook ha detto che solo quest’anno sono stati distribuiti 45 milioni di iPod contro 27 milioni di Nintendo DS; più o meno triplicando le vendite rispetto agli altri device Apple.

Se consideriamo che sino ad oggi sono stati venduti solo 250 milioni di device iOS, questo numero (unito ai 60 Milioni del biennio 2009-2010 ufficializzati in primavera) dice che, a dispetto del product placement, la maggior parte dei device attivi sono iPod Touch.

Un altro fattore da non trascurare è che, a differenza di iPhone ed iPad che continuano a perdere sostanziali fette di mercato, crescendo molto meno in fretta della sua espansione, iPod sembra non avere problemi a dominare la sua nicchia.

La scelta di Apple non è causale: nella stessa classe di hardware, iPod Touch è quello che perfoma meglio. Ha una gestione della memoria più stabile (quindi meno crash, un evento tutt’altro che raro nei giochi iOS) e più potenza di calcolo disponibile per le applicazioni. L’assenza dei moduli di comunicazione cellulare non solo porta la durata della batteria a tempi record ma snellisce anche l’esecuzione del sistema operativo, rendendolo più simile, per performance e comportamento, a quello di una normale console portatile.

Gli ultimi punti a favore di iPod Touch sono il suo costo relativamente contenuto e la sua integrazione con iTunes. È difficile trovare un media player altrettanto gestibile, anche se l’applicazione per la musica ha ancora parecchie sbavature sul fronte dell’usabilità. Poter contare già su una utenza già educata a comperare su iTunes fa di iPod la piattaforma che monetizza meglio le App.

Sarà interessante vedere come Apple continuerà a promuovere il dispositivo, ora che ne ha ribadito la centralità nell’utilizzo videoludico. Centralità che Apple aveva messo in discussione, provando a passarla ad iPad senza troppo successo.

Di certo gli sviluppatori hanno imparato la lezione prima di Apple: la marcia indietro di quest’ultima è stata un conformarsi a qualcosa che già si sapeva. L’unico modo per rientrare sicuramente con un titolo emergente è quello di renderlo disponibile in formato universale e con un supporto a prova di bomba per le ultime due generazioni di iPod Touch, dato che il grosso delle vendite arriveranno da lì.

L’eccellente Dark Meadow è solo uno degli ultimi titoli a sfruttare tutte le generazioni di iPod per ottimizzare le vendite. Sin’ora i risultati sono stati entusiasmanti, specie se paragonati ai lanci frammentati su più device come Superbrothers o Infinity Blade, costretti a manovre di recupero tardive, quando ormai avevano già perso la visibilità e l’hype del lancio.

Sviluppatore avvisato…

Le sigle del Monopoli #11 – Ikaruga: Ideal

Vi risparmio la pietosa richiesta di perdono per il ritardo con il quale pubblico la sigla di ArsLudicast 11: Passione Passato #2.
Questa volta si tratta di Ikaruga, noto a tutti per provocare la morte dopo 7 giorni dal primo istante di gioco.
Per fortuna il riarrangiamento del Monopoli allevia questa sofferenza. Non si può sicuramente dire altrettanto della “versione estiva” del Monopoli, abbellito da gioiosissime treccine dal gusto tutto montanaro/Heidi sui monti con le caprette che fanno ciao: vedere il video per credere.
Buon ascolto!

http://www.youtube.com/watch?v=FcUle1lWhJI

ArsLudicast 203: Passione Passato

Torna la rubrica preferita dagli ascoltatori della prima stagione e rilanciamo anche con un Dario Oropallo (Puck). Tra aneddoti e le solite rimembranze, Simone Tagliaferri finisce tutti i coin-op impossibili, Alessandro Monopoli rimorchia in sala giochi, Vittorio Bonzi ci fa scoprire uno dei migliori dungeon crawler di sempre e Dario Oropallo ci erudisce sui Pokémon. Mentre l’Anelli parla del solito gioco che serve il diploma al MIT…

  • Pokémon Oro / Argento (GBC)
  • Rastan (Arcade)
  • Mother (o Earthbound Zero) (NES/SNES/GBA)
  • Captain Commando (Arcade)
  • Anvil of Dawn (PC)

Vi ricordiamo che se volete assistere come ospiti al podcastproporre un argomento di discussioneo, perché no?, proporre un arrangiamento al Monopoli, potete farlo contattandoci a: arsludicast@arsludica.org o redazione@arsludica.org, oppure utilizzando l’apposito thread sul forum!

Se volete contribuire al nostro progetto potete fare qualche acquisto sul nostro aStore, garantendoci una donazione.

Scaricate l’episodio:

 

Brano in Apertura:
Jackie Chan Action Kung-Fu, di Masakatsu Maekawa, arrangiata ed eseguita da Alessandro Monopoli

Brano in Chiusura:
Dr. Wily Castle (Megaman 2) di Ogeretsu Kun

La Breccia


Dal blog ufficiale del progetto:

La Breccia è una ricostruzione storica interattiva della Presa di Roma, un piccolo evento militare dal grande valore simbolico, avvenuto la mattina del 20 Settembre 1870. Calatevi nei panni di un Bersagliere tagliato fuori dai suoi commilitoni, in una strenua lotta per la sopravvivenza attraverso il campo di battaglia che vide la connessione di Roma al neonato Stato Italiano! Il gioco non è stato ratificato da alcuna associazione dei consumatori predisposta (come PEGI). Per la sua natura violenta è lecito valutarlo come non adatto ai ragazzi di età inferiore ai 17 anni. Se siete curiosi riguardo ai retroscena che hanno portato alla produzione di La Breccia, seguite il blog. Pubblicheremo documenti, dietro le quinte e tutti gli asset prodotti, che saranno scaricabili gratuitamente perchè possiate creare i vostri livelli personalizzati!

https://www.youtube.com/watch?v=6g7rIzKuLiA

La Breccia è un grosso livello dimostrativo ancora in fase beta che dimostra come si possa usare l’UDK per realizzare un prodotto indipendente di buon livello. Lungi dall’essere finito, è un’operazione celebrativa del Risorgimento che ci sentiamo di promuovere per diversi motivi:

– Non viene presentato come l’alternativa a Call of Duty;
– Non viene presentato davanti a Presidenti della Repubblica come la massima espressione dell’industria videoludica mondiale;
– Non serve per fare propaganda a un ministro;
– L’UDK è usato molto bene;
– Nonostante le ingenuità storiche, il level design si preoccupa di dare un senso allo scenario;
– I nemici si muovono;
– Mi dispiace, niente tunnel cioccolatosi e nemmeno Papi immortali.

Insomma, avete capito no? Non è Gioventù Ribelle.

Se volete, potete aiutare lo sviluppatore andando sul sito ufficiale, scaricando la beta e mandandogli un po’ di feedback.

Sito ufficiale: http://labreccia.wordpress.com
[gallery