ArsLudicast 216: Passione Passato

Ritorno trionfale della rubrica più amata, più sboccata e, in questa particolare occasione, anche più affollata.

In questa puntata, agli ordinari Simone Tagliaferri, Matteo Anelli, Alessandro Monopoli e Vittorio Bonzi si affianca nuovamente Jeemee, e torna al microfono uno dei nostri ascoltatori di maggiore assiduità ed energia protestataria: Federico Rosa (Fleym), che per l’occasione porta tutta la famiglia proprio nel più tristo campo di diseducazione della storia della specie umana. Riappare infine il germe di una possibile nuova e inveterata tendenza: quella del cammeo finale, con Rudin Peshkopia che si fa avanti previo intasamento della chat. Seguono le portate di questo nuovo banchetto di anticaglie:

  • Guardian Heroes (Sega Saturn)
  • Back to the Future (NES)
  • The Incredible Machine (PC MS-DOS, Mac, 3DO)
  • Three Wonders (Coin-Op)
  • Diablo (PC) con annesse trollate sul terzo episodio
  • Rainbow Islands (Coin-Op et al.)
  • Apologia dello Spectrum tra una gag sguaiata e l’altra

Scaricate l’episodio:

 

Brano in Apertura:

Myth: History in the Making (C64), tema arrangiato ed eseguito da Alessandro Monopoli.

Brano in Chiusura:

Super Street Fighter II Turbo HD Remix Theme, di Yoko Shimomura.

Vi ricordiamo che se volete assistere come ospiti al podcastproporre un argomento di discussione, farci tantissimi meritati complimenti e insulti (meritiamo entrambi), o proporre un arrangiamento al Monopoli, potete farlo contattandoci a: arsludicast@arsludica.org o redazione@arsludica.org, oppure utilizzando l’apposito thread sul forum.

Se volete inoltre contribuire al nostro progetto potete fare qualche acquisto sul nostro aStore, garantendoci una donazione senza alcun costo aggiuntivo per voi.

Nota: con questo episodio sperimentiamo l’utilizzo di Wuala per alcuni dei download, fateci sapere se avete problemi (se invece volete aprire anche voi un account, indicateci come referral cliccando qui per qualche beneficio temporaneo di spazio extra sia a voi che a noi).

23 comments on “ArsLudicast 216: Passione Passato

  1. No ragazzi, così non va.
    “Folle” non vuol dire buono. Va bene Ugo, va bene la battuta ogni tanto, ma questa volta le minchiate hanno preso il sopravvento sul contenuto.

    Per fortuna l’aneddoto del Monopoli ristabilisce un po’ gli equilibri alla fine.

  2. mi scuso per l’imboscata, non accadrà più.
    Però la puntata è molto divertente perché siete tutti molto simpatici

  3. moglie di Fleym wrote:

    mi scuso per l’imboscata, non accadrà più.
    Però la puntata è molto divertente perché siete tutti molto simpatici

    Eh, ormai non ci sarebbe più l’effetto sorpresa, ma è stato un punto molto divertente della puntata 😀

  4. Rinnovo ancora una volta i complimenti, per quanto mi riguarda siete il miglior podcast italiano.

    Quel trollone di Vazkor l’avete già eliminato ?

  5. Ragà vi seguo dalle prime puntate e vi faccio i complimenti, siete una bella squadra e il podcast è divertente e interessante.
    Solo due critiche:
    @Anelli: W la romanità ma te prego, almeno quando citi titoli magari meno conosciuti, tenta di scandire. Roba tipo (invento, giusto per rendere l’idea) Leggend-ov-grimmrock-de-maggigal-suord-of-salvescion nun se possono ascoltà. Fermati, respira e non correre, se non no si capisce una fava.
    @Lambo: Ziobono, un po’ di brio in più dato che conduci non farebbe schifo. E cose come “ai critici dico: ‘sto-latifondo-texano-di-cazzi”?
    Dai su… sono giochini linguistici un po’ cervellotici che facevano ridere alle medie negli anni ’70. Detti con quel tono poi…

    Una richiesta: fate qualche puntata monografica? Chennesò… sulla ID, sulla Looking Glass, sulla Lucasart o quello che vi pare.
    Ah, un’altra cosa… mettete una vostra foto da qualche parte? E’ bello dare un volto a voci che segui da tanto tempo.

    Keep on rockin’

  6. Mordred, sullo scandire i nomi ti do ragione, ma senza limitarmi all’Anelli: in qualsiasi podcast ascolto, chiunque, al momento di dire un nome diventa del tutto incomprensibile.

    Su lambo non sono invece d’accordo, ha un suo stile che a me piace, che magari non funziona proprio in tutte le situazioni ma è sicuramente molto personale e distintivo; poi se proprio vuole sperimentare altri stili per me è ok.

    Per le foto hai ragione, aiutano a entrare più in sintonia con gli autori. Vediamo che possiamo fare (di qualcuno cercando le trovi, altri sono un po’ più 1.0).

  7. @StM Sia chiaro che non ho nulla contro Lambo, lo trovo interessante al pari degli altri e capisco che abbia un suo stile. Penso solo che la legnosità degli inizi alla conduzione l’abbia persa solo in parte 🙂 e ogni tanto lo trovo un po’ forzato in alcune uscite.

  8. @ Mordred:
    Ti dirò, sono d’accordo in gran parte, ma considera che la colpa è, tanto per cambiare, degli altri: uno, perché senza un po’ di polso non se ne viene più fuori, e due, perché purtroppo ridono *anche* per le facezie più convolute.
    Vedrò che posso fare, tanto non sono comunque mai contento di come faccio le cose, quindi che mi costa? ^^

    Non credo mi sentirai mai sbracato come gli altri, però. Mi spiace.

  9. P.S. Discorso foto: non ci sono foto recenti che mi ritraggano e che non siano fatte in famiglia (davvero, non ce n’è proprio), sono la negazione completa e assoluta della fotografia e onestamente ho qualche riserva sulla cosa. Ma anche lì, vedremo.

  10. In verità ci dev’essere qualche foto che ritrae me e te l’anno scorso, ma io ho riserve a pubblicare mie foto finché non torno sotto un certo peso forma quindi apposto 😀

  11. @Lambo:
    Fate benissimo quello che fate, la mia era solo una critica su aspetti molto marginali. Nulla di personale nei tuoi confronti, forse ho usato inizialmente toni un po’ bruschi e capisco che mettere insieme un podcast sia tutt’altro che una passeggiata.

    x il discorso foto: comprendo quanto dici, anche io in generale non sono molto favorevole a mettere sul web delle foto personali, però c’è da dire che col podcast ormai avete un grande seguito e magari a qualcuno fa piacere capire come siete fatti (non certo per fare considerazioni estetiche ma più per una questione di associazioni mentali) 🙂
    Magari anche solo una foto di gruppo, cmq valutate voi se ve la sentite.

  12. Secondo me invece Lambo dovrebbe rimanere così com’è, è il giusto mix di 4 personalità principali che fa funzionare il podcast per quanto mi riguarda.

  13. Mannaggiavoi, mi è venuta una scimmia incredibile di procurarmi un Saturn !
    Da quando ascolto voi, wiscast e ringcast i miei acquisti sono più che raddoppiati!
    a chi mando la fattura 🙂 ?

  14. Sono certo che gatsu sarà lieto di pagare per tutti :] (specialmente ora che risparmia comprando meno giochi, con la regola ferrea del 2×1).

Leave a Reply