ArsLudicast 302: Le banane sono terapeutiche?

Eccoci al primo vero esperimento con la nuova impostazione partizionata: Simone Tagliaferri, Matteo Anelli e l’ospite che tiene famiglia per eccellenza Federico Rosa erompono in un profluvio d’eloquio, a stento trattenuto da Vittorio Bonzi, sui seguenti argomenti:

– Tema I: I videogiochi sono terapeutici? E soprattutto Nevade, che propose il tema eoni fa, avrà soddisfazione?

– Notizie: l’annuncio dell’uscita di Bayonetta 2 in esclusiva per Wii U; Obsidian e David Crane si uniscono ai mendici per le strade di Istanb… Kickstarter; i fondatori di Bioware si danno all’ippica.

– Tema II: Le aspettative dei convenuti sulla prossima generazione di piattaforme di giuoco.

– I finali dei VG: breve rassegna di alcuni di quelli che ci hanno impressionato, nel bene e nel male.

– Il Monopoli:  assente stavolta in carne ma giammai in spiritu, le sue storie di vita ci sono, una volta di più, di conforto ed esempio.

 

Scaricate la puntata:

 

Brano in Apertura: tema di R-Type (C64) di Chris Huelsbeck & Ramiro Vaca.

Brano in Chiusura: Wizball (C64) [Title Music] di Martin Galway.

Vi ricordiamo che se volete assistere come ospiti al podcastproporre un argomento di discussione, farci tantissimi meritati complimenti e insulti (meritiamo entrambi), o proporre un arrangiamento al Monopoli, potete farlo contattandoci a: arsludicast@arsludica.org o redazione@arsludica.org, oppure utilizzando l’apposito thread sul forum.

Se volete inoltre contribuire al nostro progetto potete fare qualche acquisto sul nostro aStore, garantendoci una donazione senza alcun costo aggiuntivo per voi.

6 comments on “ArsLudicast 302: Le banane sono terapeutiche?

  1. Comunque a onor di cronaca e visto che mi e’ stato dato del Marzullo (e lo accetto) ma il paragone con quel fallito di Soren no, quello no, ci tenevo a puntualizzare che la domanda era si un po posta a minchia ma non teorizzava quanto detto da Karat del “giocare a d3 mi fa bene”. si avvicinava in parte al concetto di Matteo cercando un compremesso nei videogiochi come medium fra interattivita ‘ come processo cognitivo coscente e il rapporto studiato da tante persone prima di me con l’immagine. Pensavo piu a uso per persone autistiche o con problemi cognitivi di tipo logico,linguistico o coordinatorio insomma non e’ che me lo invento ma alcuni studiosi di neuroscenze ne parlavano. Also siete stronzi ma vi voglio tanto bene :timido: 

  2. ma che tenero Federico Rosa, ha parlato piano piano per tutto il tempo in modo che si sentisse alla perfezione la bambina che urla 🙂

  3. Sono timido 😛 e registro con le cuffie, quindi non mi rendo conto di quale sia il livello di voce di Stella che si sentirà nella registrazione

Leave a Reply