ArsLudicast 304: Giochi di Ruolo con nani poco ispirati

 

La combriccola finalmente riunita! Simone Tagliaferri, Matteo Anelli, un Alessandro Monopoli di nuovo con noi sebbene dalla partenza lenta, e l’ospite con privilegi editoriali Jeemee si vedono debitamente levata la pelle della schiena da Vittorio Bonzi discutendo di un argomento di non trascurabile peso: la situazione di RPG e JRPG; con motteggi, lazzi e contrapposizioni ideologiche di proporzioni pari al Khanato dell’Orda d’Oro.

Tale è la portata del dibattito che il resto risulta ridimensionato, così si commenta una sola notizia: l’acquisizione di LucasFilm da parte di Disney. I convenuti vi spiegano perché c’è da rallegrarsene o, meglio ancora, da sbattersene il viril pendaglio con varie e frizzanti divagazioni su Star Wars e imbarazzanti speciali natalizi, sull’origine del male nel mondo e sui gusti cinematografici di quando s’era fanciulletti, il tutto impreziosito da una memoria decisamente labile circa l’anatomia dei tauntaun e le imprese di Boba Fett.

Segue, finalmente, l’angolo della Posta, col Monopoli che dà soddisfazione ai quesiti di un nostro affezionato ascoltatore, e spago agli altri per fare ulteriore macello.

A completare il quadro, un aneddoto monopoliano musical-pedagogico, e ci siamo ben stufati di questa vana ricerca di parole per descrivere il nutrimento che reca all’anima.

 

Scaricate la puntata:

 

Brano in Apertura: tema di The Last Ninja 3 di Reyn Ouwehand, arrangiato ed eseguito da Alessandro Monopoli.

Brano in Chiusura: A Kiss to Build a Dream On dall’introduzione di Fallout 2, composta da Bert Kalmar, Harry Ruby e Oscar Hammerstein II ed eseguita da Louis Armstrong.

Vi ricordiamo che se volete assistere come ospiti al podcastproporre un argomento di discussione, farci tantissimi meritati complimenti e insulti (meritiamo entrambi), o proporre un arrangiamento al Monopoli, potete farlo contattandoci a: arsludicast@arsludica.org, oppure utilizzando l’apposito thread sul forum.

Se volete inoltre contribuire al nostro progetto potete fare qualche acquisto sul nostro aStore, garantendoci una donazione senza alcun costo aggiuntivo per voi.

16 comments on “ArsLudicast 304: Giochi di Ruolo con nani poco ispirati

  1. Tu guarda che sorpresa mi ritrovo a quest’ora della notte. Arsludicast!
    Scusate ragazzi se non ascolto subito dopo la fine del download, ma i podcast cadono dalle nuvole ultimamente, e ne ho alcuni in arretrato.

    Va detto. L’immagine in testa all’articolo è raccapricciante. Ecco che succede a non assumere cibi ricchi di fibre. Gli st***zi vanno tolti con le mani e le spade laser. Ecco cosa succede.

  2. Cipolla wrote:

    Ragazzi, la sigla finale è stata un tocco di classe non indifferente.

    ti ringrazio, sono contento che qualcuno abbia apprezzato

  3. Oggi siete stati più divertenti del solito, vogliamo jeemee ospite fisso!! Comunque volevo spezzare una lancia in favore di david perry, io Gaikai l’ho provato da Roma, a casa in wifi, con alcune delle demo gratuite disponibili sul sito (dead space 2, mass effect 2, darksiders ecc) e funzionava PERFETTAMENTE: niente lag, ottima grafica, tutto sul browser quindi non capisco perché dite che venda aria fritta…da quando sony ha comprato gaikai non si può più giocare, probabilmente le demo erano solo li per dimostrare la bontà del servizio, vedremo che farà ora sony…insomma lo avevate provato prima di sparare a zero su quel povero cristo?
    Magico Vento a tutti

  4. e quando l’Anelli parla dei Star wars NON CI SONO CAZZI signori!…grande matteo
    lo speciale di natale non l’avevo vista! madonna che merda!

  5. Puntata molto divertente.
    Jeemee ma gli effetti alle battute dell’Anelli perché non li hai aggiunti?

  6. Avevo smesso di ascoltarvi dopo la terrificante battuta sulla bomba atomica di quel pirlone di Lambo, ma questa puntata potrebbe farmi tornare in carreggiata, sperem.

  7. Comunque io mi domanderò sempre perchè di D&D si sono basati centinaia di videogiochi mentre di Vampire the Masquerade si sono fatti 2 giochi soltanto,per l’altro di dubbia qualità.Mah!

  8. Alex wrote:

    Comunque io mi domanderò sempre perchè di D&D si sono basati centinaia di videogiochi mentre di Vampire the Masquerade si sono fatti 2 giochi soltanto,per l’altro di dubbia qualità.Mah!

    Ci sono svariate ragioni, D&D è il primo gioco di ruolo commercializzato ad avere una risonanza importante nel pubblico, la sua popolarità non accenna a diminuire nonostante il sistema di gioco sia orrendo anche nel cartaceo, il Fantasy orchi/elfi/nani è immensamente supportato da una letteratura e una filmografia prossima all’infinito e continua (mio malgrado) a piacere moltissimo alla gente ecc ecc

    Comunque VtM: Redemption non è un gioco di ruolo ma una sorta di hack & slash leggermente elaborato, mentre VtM: Bloodlines è un diamante grezzo nel genere gdr, io l’ho sempre difeso perché a fronte di un sacco di errori brutti e meccaniche sporche rimane forse l’unico videogioco di ruolo in cui l’esperienza cambia radicalmente a seconda del clan scelto dal giocatore, per non parlare di alcune perle di dialoghi e scelte morali.

  9. “la sua popolarità non accenna a diminuire nonostante il sistema di gioco sia orrendo anche nel cartaceo”
    “il Fantasy orchi/elfi/nani […] continua (mio malgrado) a piacere moltissimo alla gente ecc ecc”

  10. Rikkomba wrote:

    “la sua popolarità non accenna a diminuire nonostante il sistema di gioco sia orrendo anche nel cartaceo”
    “il Fantasy orchi/elfi/nani […] continua (mio malgrado) a piacere moltissimo alla gente ecc ecc”

    per dire cosa?

Leave a Reply