ArsLudicast 308: Next-gen bruciata

Verso nuove avventure

 

 

Con l’imminente uscita di Playstation 4 la combriccola composta da Simone Tagliaferri, Matteo Anelli, Rudin Peshkopia e Vittorio Bonzi (il turbinio degli eventi non cessa di produrre pessimismo e fastidio e, soprattutto, di tener lungi dalle nostre frequenze Alessandro Monopoli) trolla a nastro su ciò che ci attende con la nuova generazione di console, su che cosa avremo a rimpiangere di quella ormai al tramonto e sulla natura del viale del tramonto presa dall’industria, dall’universo e dal Grande Tutto.

 

Seguono poi le notizie:

– Prosegue la grande moria delle va… degli studi: Impossible Games chiude. Anelli non manca di sottolineare come non potesse funzionare, e noialtri ci si chiede che cosa gli impedisca ancora di diventare il Rockfeller dei nostri tempi.

– Seguiti di seguiti di seguiti: Assassin’s Creed 4 e Thief 4 in uscita, con digressioni assortite sulle dinamiche stealth, i free-roaming (in cui giammai si gira liberamente come fanno i discorsi in questo podcast) fino a fumetti e chissà che altro.

– Rivelazioni: la stampa è mendace ed è complice del Grande Inganno; ma per fortuna c’è chi, come noi, sfida la sorte ed è pronto a rivelarvi che Aliens: Colonial Marines è bellissimo. Davvero. Esatto. Avete letto bene. Vedrete se non ci darete ragione!

 

Eccoci a caffè e ammazzacaffè (le altre portate consistono nella frutta, ma lo sapete bene) con la Mini-playlist:

Devil May Cry (quello nuovo)
Devil May Cry 4 (il seguito di seguito di seguito di quello vecchio)
The Room

E per finire, lezioni di diplomazia e relazioni sociali con l’ennesimo diamante monopoliano.

 

Scaricate la puntata:

 

Brano in Apertura: Main Theme di Jazz Jackrabbit 2, composto da Alexander Brandon.

Brano in Chiusura: Pennies from Heaven da Mafia 2, composto da Louis Prima.

Vi ricordiamo che se volete assistere come ospiti al podcastproporre un argomento di discussione, farci tantissimi meritati complimenti e insulti (meritiamo entrambi), o proporre un arrangiamento al Monopoli, potete farlo contattandoci a: arsludicast@arsludica.org, oppure utilizzando l’apposito thread sul forum.

Se volete inoltre contribuire al nostro progetto potete fare qualche acquisto sul nostro aStore, garantendoci una donazione senza alcun costo aggiuntivo per voi.

5 comments on “ArsLudicast 308: Next-gen bruciata

  1. download, ma mi interessa più la parte sugli studi che chiudono.
    Oramai se chiude uno studio americano per budget spropositato che richiede le vendite di Micheal Jackson per pareggiare è normale, se chiude uno studio Jappo di nicchia che conoscono in quattro, tipo Cave (che se la passa male) è la dimostrazione del declino nipponico.

  2. Puntata divertentissima. Complimenti a Jeemee per gli effetti sonori, specie su lessi-bau.

  3. Ragazzi complimenti il moi podcast preferito col miglior conduttore ha una voce vellutata che ti tira ad ascoltare con attenzione come poche , per me siete come dei vecchi amici con cui si chiacchera al bar mi piace sapere come la pensate , anche se non sono quasi mai d’accordo .

    ok argomentiamo su truzzo/fighetto may cry , tanto per cominciare è troppo semplice al livello normale mentre ai livelli superiori è comunquè più semplice dei veri devil may cry , solo 4 boss facili facili , sezioni platform inutili e che non hanno nulla a che fare con lo spirito dela serie e col genere , il sistema delle combo per quanto riguarda il punteggio è stato bimbominkiato ora prendere una s è di una facilità disarmante e questo non cambia con la difficoltà , ora si fanno combo che in devil may cry erano da pro player in un nulla , il livello artistico i personaggi i nemici le battute tutto tarato per un target sui 16 anni moderno (truzzo fino al midollo) è un enorme e volgarotto trash (spazzatura)becero che del vecchio stile sagace e potente thrash(percuotere colpire bastonare) non resta nulla .
    La ciliegina sulla torta della truzzità una serie di rumori chiamati erroneamente colonna sonora in cacca step (non metal il metal è un altra cosa quelle dei vecchi episodi erano un pò Industrial con pizzico di speed e quanto basta di thrash metal) .
    allora del cambio di aspetto di dante non ho parlato in effetti da quando i papà di dante(Shinji Mikami e Hideki Kamiya) hanno lasciato capcom , il gioco è sempre cambiato un pò , di fatti io considero devil may cry 1 l’unico e solo devil may cry , per quanto il terzo sia un ottimo gioco non ci sono i papà alla guida e questo si vede in diverse scelte , bayonetta è il vero devil may cry 2 la sua naturale evoluzione di gameplay peccato però che senza shinji mikami la fantasia incontrollata di Kamiya l’ha fatta un pò fuori dal vasetto per diverse scelte su tutte trama e le musiche un pò troppo dance ma restano musiche niente cacca step.
    in definitiva il nuovo truzzo/fghetto may cry è un action carino facilotto artisticamete non brutto ma moderno che con devil may cry proprio non ha nulla da spartire , la cosa che più mi dà fastidio è il come truzzodante risponde tipo quando vene insultato con un f**k you e lui con la massima sagacia risponde con f**k you , come i bambini dell’ asilo scemo no scemo tu gnegnegne , andate a vedere che sò il dialogo dante contro phantom senza una parola volgare è di una sagascia unica che caratterizza il personaggio .
    qualche volta fate partecipare me al post di Rudin XD nel podcast video gioco dal commodore 64 ho un mio pod cast lo rilasceremo a breve

  4. Per la prima volta gli utenti dei forum, i più appassionati, parlano bene di Sony e delle sue strategie. A me basta questo per prevedere un fallimento commerciale.

Leave a Reply