Ars Ludica Forum

Effettua l'accesso o una nuova registrazione.

Inserisci il nome utente, la password e la durata della sessione.
Ricerca avanzata  

News:

Autore Topic: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.  (Letto 14615 volte)

Federico 'Fleym' Rosa

  • Hero Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1.588
  • Federico Rosa
    • Mostra profilo
    • Mio blog sui criceti
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #45 il: Agosto 17, 2009, 23:30:20 »


Terrificante!   :vomito: se non sbaglio Konami ne fece un gioco ridisegnandolo su Sunset Riders
Connesso

NEO-GEO

  • Redazione
  • Hero Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1.323
    • Mostra profilo
    • Automatic Way of Life.
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #46 il: Settembre 03, 2009, 12:51:00 »

http://www.youtube.com/watch?v=G_zbeX6yoRI
Terrificante!   :vomito: se non sbaglio Konami ne fece un gioco ridisegnandolo su Sunset Riders


Si e non era neppure troppo male come gioco!
Connesso

Jeemee

  • Redazione
  • Old Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 451
    • Mostra profilo
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #47 il: Settembre 10, 2009, 02:30:08 »

vabè avete beccato delle porcate tremende davvero
Però non tutto è male dell'animazione seriale americana, anzi io l'ho preferita a quella giapponese tenendo presente che in televisione quando ero ragazzino io passavano Holly & Benji, Lady Oscar, Sailor Moon e compagnia cantante che davvero non se potevano guardà, mentre di americano c'era Batman: The Animated Series che invece era bellissimo e regge il confronto ancora oggi.



anche Gargoyles non era per niente male, e tutti i cartoni della Warner e della Disney?
Doc & Mignolo, Duck Tales, Animaniacs e Darkwing Duck?

cioè



io li trovo bellissimi

A me piacevano molto anche i cartoni alternativi come Daria, South Park e SuperJail, oppure quelli deliranti di Cartoon Networks tipo Johnny Bravo, Samurai Jack, Mucca e Pollo i Rugrats e cose del genere.
Ma a guardarli bene anche cose più recenti come Kim Possible o The Proud Family sono disegnati e animati molto bene, anche se fanno leva su tematiche un po più infantili.

Non voglio tirare in mezzo roba storica alla Wile E. Coyote perchè sono pesi massimi che non si possono battere.

L'unica serie non americana che mi piaceva molto, pensando fosse giapponese, era Alexander ... ma poi ho scoperto che il Character design era del coreano-americano, come anche gran parte del lavoro sull'animazione era fatto in studi coreani.

Diamo agli ammmmerrigheni qualche merito dai.
Connesso

StM

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 9.861
    • Mostra profilo
    • Smemoratezze dal sottosuolo
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #48 il: Settembre 10, 2009, 08:53:36 »

Si parlava appunto di animazione seriale.
Connesso

Jeemee

  • Redazione
  • Old Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 451
    • Mostra profilo
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #49 il: Settembre 10, 2009, 20:19:32 »

Si parlava appunto di animazione seriale.
tutte quelle che ho citato io sono delle serie, non sono mica lungometraggi o cortometraggi singoli, sbaglio?
Connesso

StM

  • Administrator
  • Hero Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 9.861
    • Mostra profilo
    • Smemoratezze dal sottosuolo
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #50 il: Settembre 11, 2009, 09:36:48 »

Si parlava appunto di animazione seriale.
tutte quelle che ho citato io sono delle serie, non sono mica lungometraggi o cortometraggi singoli, sbaglio?
Sì, hai ragione, in quel momento non so perché davo un altro significato a seriale. Comunque è chiaro che non la si vuole cassare tutta, e gli esempi fatti sono appositamente della sua parte peggiore.
Connesso

Federico 'Fleym' Rosa

  • Hero Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1.588
  • Federico Rosa
    • Mostra profilo
    • Mio blog sui criceti
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #51 il: Settembre 12, 2009, 23:12:54 »

Diamo agli ammmmerrigheni qualche merito dai.

Ma io gliene do a valanghe di meriti a Chuck Jones (http://en.wikipedia.org/wiki/Chuck_Jones)!!!!

Poi qualche serie con idea carina c'era, come ad esempio M.A.S.K. ma ripeto idee e basta.
Non so se ti ricordi  Inhumanoids, trasmesso solo una volta da Italia7 col titolo "Ritorno di Titani"
concettualmente è fantastico: puro Lovercarft 100%!!
Grandi Antichi immortali e imbattibili e lottano contro civiltà scomparse da millenni di esseri mostruosi. In questo conflitto l'umanità è vittima o cibo se non al prezzo di ricorrere alle armi nucleari e rischiando così di distruggere il pianeta (questi Antichi vivono nel sottosuolo, vicino al nucleo della Terra).Queste idee però muoiono in fretta uccise da americanate ridicole, da vomitare canfora: come Metlar, il capo degli Antichi che anima la statua della libertà per...  flirtare :vomito:
E giustamente li deridi.
Connesso

Jeemee

  • Redazione
  • Old Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 451
    • Mostra profilo
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #52 il: Settembre 14, 2009, 15:13:35 »

Diamo agli ammmmerrigheni qualche merito dai.

Ma io gliene do a valanghe di meriti a Chuck Jones (http://en.wikipedia.org/wiki/Chuck_Jones)!!!!

Poi qualche serie con idea carina c'era, come ad esempio M.A.S.K. ma ripeto idee e basta.
Non so se ti ricordi  Inhumanoids, trasmesso solo una volta da Italia7 col titolo "Ritorno di Titani" http://www.youtube.com/watch?v=I9Y3CG3vj1o concettualmente è fantastico: puro Lovercarft 100%!!
Grandi Antichi immortali e imbattibili e lottano contro civiltà scomparse da millenni di esseri mostruosi. In questo conflitto l'umanità è vittima o cibo se non al prezzo di ricorrere alle armi nucleari e rischiando così di distruggere il pianeta (questi Antichi vivono nel sottosuolo, vicino al nucleo della Terra).Queste idee però muoiono in fretta uccise da americanate ridicole, da vomitare canfora: come Metlar, il capo degli Antichi che anima la statua della libertà per...  flirtare :vomito:
E giustamente li deridi.

Non capisco se te la prendi con gli sceneggiatori o con l'esecuzione tecnica del prodotto.
Le storie e gli sviluppi non potrebbero essere altimenti, si tratta di prodotti per l'infanzia, a differenza dei Giapponesi che hanno ampliato il cartone animato/fumetto come forma di intrattenimento valida anche per (sopratutto direi visto alcune tematiche) per un pubblico adulto.
In occidente in generale i cartoni animati devi smetterli di guardare a 13 anni altrimenti sei un bambino con qualche problema, che non vuole crescere o che so io, di conseguenza il mercato non si è adattato a questa necessità fino ad una decina di anni fa con prodotti dal contenuto critico/politico come Simpson, Futurama, South Park e Family Guy.
In Giappone è diverso, molto diverso, e lo dico per esperienza indiretta visto che la mia ragazza si sta laureando in mediazione linguistica culturale Giapponese e Cinese e sta per partire per la seconda volta in Giappone (questa volta ci resta un anno).
Lei, unica nel suo corso universitario, non è una così detta "weeaboo" malata di manga e anime, ma è realmente affascinata dai diversi aspetti culturali in senso antropologico. Della sua precedente visita in Giappone mi ha riportato indietro sensazioni di un luogo estremamente diverso. Quello dell'intrattenimento è un campo in cui i Giapponesi mantengono un approccio particolarmente ludico e "puerile", il Karaoke, i programmi stupidi al limite dell'infantile, le sale giochi sono frequentate prettamente da adulti, e poi ci sono le fumetterie grandi come centri commerciali che propongono prodotti ad un utenza adulta (e non intendo solo la pornografia).
Il medium fumetto/cartone animato in Giappone rimane integro nella sua estetica, comprensiva di espressività ed estetica, ma diventa veicolo di un esperito adulto.
Prendere Evangelion e confrontarlo con il cartone animato di Prince Valliant è un errore, è come confrontare "Eternal Sunshine of a Spotless Mind" con il film dei Teletubbies ... sono entrambi film, ma pensati e creati per utenze diverse, per quanto Prince Valliant faccia schifo da qualsiasi parte lo si guardi.

Però ritengo che nell'ambito del cartone animato per l'infanzia (quella dai 6 ai 12 anni) gli americani abbiano saputo eccellere più dei giapponesi con i prodotti, nell'ambito seriale, che ho citato nel post precedente, che ho sempre trovato più divertenti rispetto agli Spank, Doraemon, Holly&Benji o SailorMoon che siano.

A livello prettamente tecnico invece sono di parte per quanto riguarda il character design, trovo insopportabile quello giapponese, troppi autori simili gli uni agli altri e cmq nessuna vera idea di design dei personaggi (nell'animazione seriale).
Mentre le animazioni delle serie anni 90' che sono arrivate soffrono degli stessi problemi delle serie occidentali: staticità dei volti (bocche che si muovono su volti impassibili), personaggi sullo sfondo che si muovono in loop brevi (questo anche nel Castello di Howl di Miyazaki per altro) ed il senso generale di una regia da ABC. Se alcuni di questi problemi sono stati superati nelle produzioni di alto livello e budget americane (Batman the Animated Series e i migliori WB e Disney) nei giapponesi permangono anche in serie come Trigun e Cowboy Bebop che rappresentano già un livello superiore rispetto ai cartoni normali.
Connesso

Federico 'Fleym' Rosa

  • Hero Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1.588
  • Federico Rosa
    • Mostra profilo
    • Mio blog sui criceti
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #53 il: Settembre 14, 2009, 16:35:21 »

Sceneggiatori.
Per me avere un pubblico di bambini non significa automaticamente fare un prodotto stupido.
Per "stupido" intendo svolgimento pessimo, dialoghi insulsi e ridondanti, personaggi piatti, errori palesi nella sceneggiatura, segno che il team che ci ha lavorato è scarsamente competente.
Se sei uno sceneggiatore di prodotti per ragazzi, o sai gestire temi complessi e adulti, oppure eviti di rendere il tuo prodotto la parodia di se stesso sputtanando così ottime intuizioni.

Il mio non è un discorso di chi ha fatto le serie migliori ma sul fatto che troppo spesso gli sceneggiatori americani fanno scelte ridicole.
Cioè, una roba tipo i manzi-cowboy
come puoi non prenderli per il culo?  :lol:

Connesso

Jeemee

  • Redazione
  • Old Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 451
    • Mostra profilo
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #54 il: Settembre 14, 2009, 18:19:07 »

Sceneggiatori.
Per me avere un pubblico di bambini non significa automaticamente fare un prodotto stupido.
Per "stupido" intendo svolgimento pessimo, dialoghi insulsi e ridondanti, personaggi piatti, errori palesi nella sceneggiatura, segno che il team che ci ha lavorato è scarsamente competente.
Se sei uno sceneggiatore di prodotti per ragazzi, o sai gestire temi complessi e adulti, oppure eviti di rendere il tuo prodotto la parodia di se stesso sputtanando così ottime intuizioni.

Il mio non è un discorso di chi ha fatto le serie migliori ma sul fatto che troppo spesso gli sceneggiatori americani fanno scelte ridicole.
Cioè, una roba tipo i manzi-cowboy http://www.youtube.com/watch?v=G_zbeX6yoRI come puoi non prenderli per il culo?  :lol:


Concordo, spesso gli sceneggiatori sono pessimi, e le differenti ambientazioni sono solo il pretesto per inscenare le solite 4 situazioni che si ripetono in ogni cartone animato da secoli.
Ma dall'altra parte i Giapponesi non hanno fatto di meglio, una macrotrama identica per qualsiasi cartone animato, da Holly&Benji a Naruto il senso è: un giovane talentuoso spacca i culi fino ad arrivare sul tetto del mondo.
Con personaggi stereotipati all'inverosimile, il protagonista che segue le regole ma non troppo, il mentore che è un maniaco sessuale, una spalla comica inevitabilmente impacciata, un side character migliore del protagonista sotto alcuni aspetti ma inabilitato da una malattia/maledizione/chessoio, i cattivi che si redimono (e spesso vengono reclutati tra le fila dei buoni), i nemici sempre più potenti ma tanto non importa perchè a salvare il protagonista non è il culo che si è fatto ma una sorta di dote innata.
Poi ci sono i cartoni sulle storie d'amore nate tra i banchi di scuola che possibilmente sono peggio degli altri.
Certo esistono eccezioni come Lupin III che sfugge ad alcune (solo alcune) di queste regole, anche se poi è associabile per caratteristiche ad altri serial come City Hunter o Occhi di Gatto o che so io. La fantasia e l'innovazione non sono esattamente proprie neanche dell'oriente nel campo delle animazioni seriali.
Credo che andando a prendere il meglio dell'animazione giapponese per bambini, e sottolineo per bambini, non si riesca comunque a trovare un valido contendente per prodotti come Duck Tales o Animaniacs che nella loro semplicità riescono a divertire in maniera sana, varia e con indubbia qualità.
Connesso

Federico 'Fleym' Rosa

  • Hero Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1.588
  • Federico Rosa
    • Mostra profilo
    • Mio blog sui criceti
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #55 il: Settembre 14, 2009, 21:21:33 »

Ogni cultura ha i sui stereotipi narrativi, spesso resi ancora più imbarazzanti da una produzione seriale con ritmi strettissimi. Recentemente ho trovato un sito con scansioni di manhua cinesi: fighissimi! ...ma hanno 3 ambientazioni in tutto (ispirati alla "Guerra dei Tre Regni", contemporanei e pseudofuturistici) ;preso 5 disegnatori a caso e si assomigliano tutti.  :'( Ops, sto andando ot.

Ma se vogliamo prendere per il culo i cartonisti jappo c'è l'imbarazzo della scelta!
Ad esempio in Gaogaigar c'è un pesudo Daltanius con un treno nelle spalle e i razzi nei pugni:
tecnicamente è meglio di molti cartoni usa, però è ridicolo forte!

Oppure gustati questa splendida canzone dedicata ad Holly & Benji: 

Connesso

Jeemee

  • Redazione
  • Old Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 451
    • Mostra profilo
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #56 il: Settembre 15, 2009, 02:55:26 »

Ogni cultura ha i sui stereotipi narrativi, spesso resi ancora più imbarazzanti da una produzione seriale con ritmi strettissimi. Recentemente ho trovato un sito con scansioni di manhua cinesi: fighissimi! ...ma hanno 3 ambientazioni in tutto (ispirati alla "Guerra dei Tre Regni", contemporanei e pseudofuturistici) ;preso 5 disegnatori a caso e si assomigliano tutti.  :'( Ops, sto andando ot.

Ma se vogliamo prendere per il culo i cartonisti jappo c'è l'imbarazzo della scelta!
Ad esempio in Gaogaigar c'è un pesudo Daltanius con un treno nelle spalle e i razzi nei pugni:
http://www.youtube.com/watch?v=KaxV0nSTz68 tecnicamente è meglio di molti cartoni usa, però è ridicolo forte!

Oppure gustati questa splendida canzone dedicata ad Holly & Benji:  http://www.youtube.com/watch?v=0fbxpnW52kk


Vabè Holly & Benji è una porcata assurda non tanto per il campo da calcio con la curvatura del mondo o i palloni che si infuocano ma per essere totalmente privo di qualsiasi trama, è un cartone animato che si basa sulla presunta progressione della sfida, dico presunta perchè tanto già dalla prima puntata sembrava che si stessero scontrando i titani del calcio.

L'altro video che hai postato mi sembra il solito "robottoni componibili" solo con l'aggiunta della tipica demenzialità giapponese, sono cartoni animati che hanno lo stesso peso narrativo dei telefilm di Chuck Norris ... gli eroi vengono messi di volta in volta in condizioni di difficoltà.

Cmq l'innalzamento del livello di sfida/scontro è il perno centrale di moltissimi anime/manga giapponesi, se ci pensate di trame veramente straordinarie con twist narrativi da staccamento della mascella non ce ne sono molte.
Può non essere necessariamente un difetto trattandosi di prodotti sviluppati esplicitamente per costituire un intrattenimento leggero, quattro spari e due cazzotti ti fanno passare 20 minuti con il sorriso e morta lì ... non tutto deve per forza essere "impegnato".
« Ultima modifica: Settembre 15, 2009, 14:10:13 da JimiBeck »
Connesso

Federico 'Fleym' Rosa

  • Hero Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1.588
  • Federico Rosa
    • Mostra profilo
    • Mio blog sui criceti
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #57 il: Settembre 15, 2009, 15:11:34 »

Vorrei spezzare una lancia in favore dei giapponegri (hanno dei ritmi di lavoro assurdi  :o )
Con circa 20 pagine la settimana trovo ovvio che un fumetto (e quindi la relativa serie animata) abbia una trama sempliciotta (vedi Dragonball) . Anche nei casi migliori, come "Le bizzarre avventure di Jojo" l'autore riesce a focalizzarsi su un aspetto della narrazione (nel caso specifico i poteri bizzarri). Parallelamente autori che hanno ritmi più rilassati hanno anche sceneggiature più ricercate (20th Century Boys in primis).

Citazione
Può non essere necessariamente un difetto trattandosi di prodotti sviluppati esplicitamente per costituire un intrattenimento leggero, quattro spari e due cazzotti ti fanno passare 20 minuti con il sorriso e morta lì ... non tutto deve per forza essere "impegnato".
Concordo.
Personalmente considero un grande autore quello che è si impegnato ma senza fartelo pesare. L'esempio migliore è Miyazaki: molte sue storie sembrano favolette stupide, ma hanno uno spessore e dei messaggi (principalmente sull'atrocità della guerra) di rara forza.
Connesso

Jeemee

  • Redazione
  • Old Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 451
    • Mostra profilo
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #58 il: Settembre 15, 2009, 15:52:17 »

Qua si dividono le nostre strade, è assolutamente una questione di gusti (dico questo così evitiamo la piromania), la "profondità" di Miyazaki non è mai riuscita a comunicarmi davvero qualcosa.
Rimane comunque la questione dello stile grafico e del character design giapponese che per me è un ostacolo quasi insuperabile.
Dopo decenni di discussione in proposito devo arrendermi all'evidenza: si tratta di un problema esclusivamente mio, visto che il resto del mondo non lo nota nemmeno.
« Ultima modifica: Settembre 15, 2009, 15:54:48 da JimiBeck »
Connesso

Federico 'Fleym' Rosa

  • Hero Member
  • *****
  • Offline Offline
  • Post: 1.588
  • Federico Rosa
    • Mostra profilo
    • Mio blog sui criceti
Re: L'animazione seriale americana per ragazzi è IL MALE ASSOLUTO.
« Risposta #59 il: Settembre 15, 2009, 21:42:51 »

De gustibus  ;D
Io a parte rarissimi casi odio lo stile americano con i suoi pesantissimo chiaroscuri.
Lo stile jappo va a ondate modaiole di circa 3-4 anni in base al successone. Io ad esempio lo stile shojo con le ragazzi efebici\o09dègay non lo reggo; nè quello pseudo realistico tipo Chevalier D'eon; nè più lo stile di Toriyama e dei suoi cloni o spigoloso alla Yugi Oh.
Connesso
 

Pagina creata in 7.211 secondi con 22 interrogazioni al database.