Yamaoka: il game development giapponese “è nei guai”

Akira YamaokaProprio così. Il sound director di Konami, Akira Yamaoka, in un’intervista rilasciata a gamasutra, giustifica in questo modo il motivo per cui la società nipponica si sia rivolta ad uno studio estero (naturalmente statunitense) per la lavorazione di Silent Hill 5, confermando una tendenza occidentalizzante nelle strategie delle software house nipponiche (si pensi ad esempio a Sega).
Lavorare con un team americano è completamente differente. Ci sono naturalmente vantaggi e svantaggi, ma, complessivamente, sono veramente impressionato dal loro staff e dalla loro tecnologia. Le loro capacità grafiche e tecniche sono stupefacenti.
Sussiste un grande gap, attualmente. Sono molto avanti. Sono giapponese, e credo che non sia solo per Silent Hill ma per l’intera industria [giapponese, ndemack] — guardo a cosa stanno facendo gli sviluppatori americani e penso… il Giappone è nei guai.

Yamaoka scende poi ancora più in dettaglio nelle sue considerazioni, argomentando l’opinione testé riportata.
Ci sono due ragioni. Una è che l’ambiente di sviluppo è diviso in developers e publisher. Questi ultimi devono creare un gioco in poco tempo e a basso costo, vi è molta pressione su di loro che viene poi passata agli sviluppatori. Così bisogna fare tutto il più velocemente e il più economicamente possibile. […]
La seconda ragione è che… Beh, per esempio, in un altro progetto a cui abbiamo lavorato per un po’, abbiamo capito che avevamo bisogno di driver aggiornati per un programma di grafica. L’abbiamo cercato e l’abbiamo trovato. Ma il problema è che era tutto in inglese. Così abbiamo dovuto localizzarlo in giapponese. […] Ciò riduce la velocità. E, mentre aspettiamo, siamo sempre un passo indietro per chiunque altro capisca intuitivamente l’inglese.

Queste parole lasciano davvero spiazzati. Dei due problemi addotti, il primo non è di esclusiva nipponica (da quel che ne so praticamente in ogni ambiente sussiste una tale suddivisione, con i publisher che mettono sotto pressione gli sviluppatori), mentre il secondo ha più a che fare con una questione di istruzione che col game development (anche se persino Iwata e Miyamoto parlano un inglese stentato, mi riesce impossibile credere che il fattore lingua sia di così grande impedimento).

La primazia nipponica si sta sgretolando? Beh, forse sì. Si guardi ad esempio il mercato: se prima il Sol Levante spadroneggiava nel mondo intero, oggi solo il DS riesce a riservare per la sua patria 1/3 delle quote hardware mondiali, mentre per ciò che concerne le altre piattaforme appare manifesta la crescita dell’Europa. E, ponendoci nella prospettiva di Yamaoka, si riesce a dare un motivo in più per il successo delle strategie di Nintendo e per il fallimento di quelle Sony: in un’industria sempre più competitiva in cui il sistema di produzione giapponese evidentemente accusa il colpo delle crescenti pressioni e dei sempre più alti requisiti tecnici, Wii e DS devono essere apparsi come un’autentica manna dal cielo dai developer (bassi costi, contenuti sostanziali, alti profitti), contrariamente all’esosità (in tutti i termini) di PS3.

7 comments on “Yamaoka: il game development giapponese “è nei guai”

  1. Se non altro per quanto riguarda il design in generale e le idee restano kilometri avanti a buona parte dell’armata Brancaleone occidentale…

  2. Triste verità. Sul puro lato tecnico sono davvero pochi i titoli giapponesi che possono ritenersi decenti o buoni (grazie al cielo sul piano delle idee sono sempre avanti). Per quanto riguarda l’inglese, è tutto vero: i giapponesi che conoscono la lingua anglosassone sufficientemente da saper interagire in ambiente di lavoro straniero o con dei software inglesi sono veramente ma veramente pochi. Alcune persone giapponesi che conosco lo parlano a stento, e quei tre che lo parlano correttamente lo sanno fare perchè hanno vissuto parte della loro infanzia all’estero (salvo poi tornare in Giappone). L’ostacolo della lingua non è da poco, se è vero che per utilizzare i loro tool di sviluppo o per documentarsi e aggiornarsi sulle ultime tecnologie sono costretti ogni volta a perdere tempo per localizzare ogni singola cosa in giapponese.

  3. Gran bell’articolo, continua così.
    Le riflessioni puntuali sulle notizie che riguardano personaggi di spicco dell’industria e sulle loro rivelazioni sono i migliori contenuti che potete proporre e che vi danno risalto da un pdv giornalistico.
    Penso che i nippo debbano appunto puntare sul game design per poi con calma “ricalcare” i prodigi tecnologici occidentale.
    Certo che se guardiamo Metal Gear Solid 4… 😀

  4. i link nei commenti vengono cancellati automaticamente. Posta il link sul forum.

    Uhm… veramente? o_O

    Al più dovrebbero tenere il commento in moderazione…

Leave a Reply