Silk Worm (Amiga)

Prodotto da Sales Curve Interactive (licenza Techmo) | Sviluppato da Random Access | Piattaforma Amiga | Rilasciato nel 1989

Dagli archivi di Ars Ludica.

Silkworm

Quello degli sparatutto a scorrimento (in questo caso orizzontale) è stato un genere davvero abusato negli anni d’oro di C64 e Amiga. Tra tutti quelli usciti ho scelto di recensire Silk Worm, sparatutto che si è saputo distinguere, grazie ad una modalità multiplayer davvero avvincente.

All’inizio della partita, il giocatore dovrà decidere se controllare un elicottero o una jeep, i quali hanno vantaggi e svantaggi. Posso solo dirvi che giocare in singolo con la jeep è un vero suicidio, in quanto è un mezzo limitato, può solo scorrere accelerando e rallentando (può anche effettuare un piccolo salto in corsa) e può sparare con un mitra in tutte le direzioni. L’elicottero è avvantaggiato, in quanto può scansare facilmente i nemici muovendosi per tutto lo schermo, è anch’esso armato di mitra (upgradabile per entrambi i mezzi) ma non può coprirsi le spalle.

I livelli sono simili tra loro, i nemici non sono poi moltissimi (i boss sono solo due, si alternano per livello) ma la sfida (che in questi giochi è ciò che conta) è davvero elevata. Per riuscire a completare il gioco (impresa ardua, invero) è quasi necessario il supporto di un altro giocatore. Ed è proprio qui che il gioco dà il meglio di sé, il multiplayer. I due giocatori sono obbligati a scegliere un mezzo complementare all’altro, e insieme dovranno affrontare la decina e più di livelli, parandosi le spalle a vicenda.

La grafica è davvero carina, anche se essenziale, ed è colorata egregiamente; i suoni non sono male e le musiche sono praticamente inesistenti. In definitiva promosso a pieni voti se giocato in doppio (io continuo a giocarlo ancora oggi con un amico amighista d’infanzia) e con qualche riserva per il gioco in singolo, a volte davvero frustrante. Si può dire che è invecchiato bene.

5 commenti su “Silk Worm (Amiga)

  1. lo adoravo, lo adoro, lo adorerò, bellissimo anche il suo “seguito” S.W.I.V. chi se lo ricorda? ( mi rendo conto che è una domanda stupida detta qua dentro )

  2. Per essere precisi,SWIV non era un vero e proprio seguito di Silkworm,ma un gioco a se sviluppato dalla Sales Curve ( senza alcun permesso da parte della Tecmo ) che riprendeva alcuni elementi di Silk Worm.

    Cio’ detto,Silkworm resta un gioco memorabile,e riuscii anche a finirlo con l’elicottero.

  3. SWIV non mi piacque come SW, forse per l’uso della visuale a volo d’uccello (trovavo più interessante quella laterale, dato che il secondo giocatore usava la jeep). Uscì anche un episodio in 3D per pc.

  4. Wow!
    Che bello navigare in internet e scoprire che c’è tanta gente che ricorda bene Silkworm, come me! 😀
    Ho fatto una quantità di partite innumerevole, insieme a mio fratello, io rigorosamente alla Jeep e lui all’Heli 🙂 Mi piaceva il modo in cui il gioco diveniva “possibile” affrontando i nemici in 2. Quando tentavo da solo… mi prendeva lo sconforto.
    Davvero un bellissimo gioco che dimostra quanto la creatività e la giocabilità prendano spesso il sopravvento su giochi dalla grafica iper realista, che spesso peccano in divertimento.
    Saluti dall'”autista” del Rubicon, Donato

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.