POD

Sviluppato e pubblicato da Ubisoft | Piattaforma PC | Rilasciato il 28 Febbraio 1997

Vi sono titoli che, a distanza di anni, suscitano ancora un fascino quasi inspiegabile. Per quanto mi riguarda, è certamente il caso del corsaiolo francese futuristico POD, ambientato su un pianeta, Io, destinato all’autodistruzione per colpa di una sorta di blob micidiale. Tutti gli umani hanno abbandonato la colonia, tranne otto ultimi sfortunati che si contendono l’ultimo posto libero per fuggire in una navicella attraverso un campionato di 16 appuntamenti. Decisamente un background interessante, che fornisce un motivo ulteriore all’agone da competizione: la sopravvivenza. Insomma, mai come in questa sede, vincere è questione di vita o di morte.

Per merito di una realizzazione tecnica ai tempi magistrale (POD può fregiarsi di essere il primo videogioco a supportare nativamente le istruzioni MMX, oltre che a godere dell’accelerazione 3D per ATi, S3 Virge e i mai troppo compianti chip 3dfx), all’utenza PC veniva finalmente concessa la possibilità di sperimentare una grafica degna dei titoli SEGA da sala giochi, e, aspetto ancora più importante, di una freneticità d’azione ravvisata sino a quel momento soltanto in WipeOut.

I tracciati, ricavati da contesti di vita quotidiana (strade, serre, impianti industriali) piuttosto che piste effettive, sbalordivano per la loro ricchezza di dettagli e per il degno livello di sfida (raggiunta mediante la tortuosità di scenari come quello di Pompeii), e rendevano plausibile e concreto il mood generale di apocalisse imminente. Le otto auto a disposizione, settabili a proprio piacimento attraverso la ridistribuzione di 300 punti prestazione in cinque parametri chiave (accelerazione, freni, tenuta, manovrabilità e velocità), andavano a formare un parco macchine un po’ mingherlino e piatto (al di la’ del modello tridimensionale, proprio per via del succitato sistema di ricalibrazione, le vetture non differivano in maniera sostanziale, perdendo di carattere).

Sfrecciare tra luci al neon e wasteland: così è riassumibile con sufficiente precisione il gameplay offerto da POD. Di grande impatto visivo, poneva il fianco ad un feeling da gara prettamente arcade eppure privo del carisma di un Sega Rally o di uno Screamer. Da recuperare solo se a prezzo particolarmente vantaggioso.

18 comments on “POD

  1. Questo mi riporta alla mente l’infanzia passata su Screamer, l’unico gioco di auto che io abbia mai realmente adorato.

  2. Rally era nettamente piu difficile, i due screamer erano (rimangono per me tutt’ora) l’apoteoie della giocabilità automobilistica unita ad uno stile grafico accattivamente e veloce.

  3. Di POD avevo un bordello di mod, piste extra e macchine extra. Giocone, e io solitamente odio i giochi di corse, arcade o meno. 😀

  4. non mi ha mai funzionato la versione 3dfx e quella base andava solo la prima pista (maledetti pirati che non sapevano lavorare :asd: )

  5. Appena uscito avevo giocato alla demo presa da GMC (credo) per qualche ora di seguito.
    Risultato: dito medio della mano destra bloccato in posizione “schiaccia la freccia su” 😛
    Non c’era alcun bisogno di togliere il dito dall’acceleratore!

  6. anche per me pod ha un fascino inspiegabile….

    giocai a tutti gli screamer….e li amai alla follia! Alla Follia!!!

  7. Sono sempre molto contento di leggere le tue recensioni e quelle di Karat, tra l’altro penso anche al fatto che Retrogamer.it latita sul fronte PC, quindi mi raccomando perseguite con la tua opera di critica e divulgazione!

  8. Ma ve lo ricordate Motorhead? Quanto ci stavo in fissa..e che grafica ai tempi. E che tracce audio evocative, con quello stile industrial esistenzialista apocalittico..

  9. E’ stato l’unico gioco di guida che mi abbia mai tenuto impegnato per più di qualche ora… e l’unico per cui abbia mai scaricato dei percorsi aggiuntivi o_O. Ora sto un po’ rivivendo quel divertimento con TrackMania Nations Forever. O meglio, al condizionale, se avessi tempo di giocarci.

    Diciamo che come gioco da giocare con le frecce direzionali non aveva eguali u_u

Leave a Reply