Digital Dammiqquà

Supporti.

Supporti nei cassetti. Supporti nella libreria. Supporti nei sacchetti. Supporti nelle custodie. Supporti nelle borse, nei raccoglitori, sotto la scrivania. Supporti supporti supporti. Ovunque.

Erano almeno una decina di chili, quelli che ho gettato nel bidone: dodici anni di cd allegati alle riviste, e già questi erano i sopravvissuti di un primo rastrellamento. Ho conservato solo il primo, se non per memoria almeno per gratitudine, per tutte le ore di divertimento che mi ha regalato senza che dovessi sborsare nulla più delle quindici, o forse diciotto-diciannovemilalire della rivista-con allegato-senza rivista “Little Computer People”.

little_computer_people_1_cd.jpg

Simulmondo Interactive? Sarebbe da indagare.

Immediatamente dopo aver gettato il sacco, ho realizzato che qualcosa di ciò che avevo gettato era diventato probabilmente, improvvisamente, definitivamente irreperibile; immediatamente dopo, non per nulla, s’è presentato il (triviale) caso concreto del trailer di “Dreams to reality”, che sarei stato curioso di rivedere: in rete non esiste più. Valeva la pena continuare ad avere due cassetti occupati, e spulciare due centinaia di custodie, per permettermi di sollazzarmi quei due minuti per un trailer di un vecchio gioco che non giocherò mai?

Non ho memoria di quale sia stato il primo gioco (regolarmente acquistato, ça va sans dire) di cui ho recuperato il “nocd crack“. Ricordo solo che ogniqualvolta ci sia stata la possibilità, ho sempre cercato di evitare la fatica di inserire il cd, a meno che non fosse giustificato da qualche bella traccia audio d’atmosfera.

Ogni tanto acquisto qualche vecchio gioco di seconda mano: lo installi; poi vai a cercare l’ultima patch ufficiale; la trovi in un sito di Taiwan, visto che il distributore originale è fallito; la installi; poi scopri che ce n’è una non ufficiale; installi quella; poi preferisci ritornare a quella ufficiale, ma non puoi limitarti a disinstallarla e devi togliere tutto e ricominciare da capo. Do atto a Steam (unica piattaforma di digital delivery da me attualmente usata, se non vogliamo includere il portage di Gentoo Linux e sistemi di pacchettizzazione analoghi) di sollevare egregiamente l’utente da queste noie, e basta già così poco a rendere la pirateria stupida, oltre che illegale e immorale e sailpiffero.

Il supporto fisico, su PC, è morto. Sulle console casalinghe ancora no, ma è solo questione di tempo: lasciamo che le patch vengano a noi via download ancora per qualche tempo, e l’obsolescenza sarà definitiva.

Sul fronte delle console portatili le cose non vanno meglio. Il formato UMD della PSP di Sony è tendenzialmente masochista perché, aldilà dell’attenzione che vi possono aver posto ingegneri e sviluppatori, contribuisce con entusiasmo, da brava parte meccanica mobile, a consumarvi la già esigua carica della batteria. Le cartucce del Nintendo DS sono buffe, perché in tempi di gigabyte non superano i 256MB di capienza, e purtuttavia il loro bello spazio fisico lo occupano. Conosco miriadi di persone che, legalmente o meno, fanno uso di singole, capienti e comode memory card per portarsi in giro la loro libreria di giochi, che sia su PSP o su DS; e come dar loro torto, se ciò dimezza l’ingombro e il rischio di perdere in giro qualcosa di importante?

I cellulari già seguono il principio del disprezzo del supporto fisico; peccato che siano in mano alle compagnie telefoniche, che vi richiedono fior di euro anche solo per lustrare i tastini (consiglio però un giretto qui per i possessori di terminali carrozzati Symbian). E tuttavia, un’ispirazione dovrebbero darla.

Ho avuto l’illuminazione giochicchiando con DSORganize. Una delle sue funzioni è quella di esplorazione di un (modesto) database di software homebrew e demo per il Nintendo DS, con annessa possibilità di scaricare quanto vi si trova in tutta comodità (anche nel tepore del vostro lettino). Ecco, io questo voglio, nelle piattaforme mobile ancor più che in quelle casalinghe: digital delivery. Il DS è region-free, perché un viaggiatore europeo non debba gettare tra i cactus la sua console europea se calca il territorio americano e ha finito i giochi; e allora si faccia un passo in più, quello mancante: una console portatile media-free, in cui tutto sia ottenibile via rete (magari col wi-fi, ma magari non con un wi-fi mutilato a 5kbps).

Ormai sappiamo che i bit sono copiabili, ma i servizi non lo sono; un catalogo online ben costruito, che ci eviti la pena di aspettare le 17.30 di domani per andare dal giocattolaio di fiducia, senza la certezza di trovare ciò che cerchiamo, può valere la pena di un acquisto; un sistema di patch efficente, e un supporto prolungato, possono valere la pena di un acquisto; un archivio da cui sia scaricabile il nostro “parco giochi”, in qualsiasi momento e ad alta velocità, può valere la pena di un acquisto.

Un sistema di virtual console multipiattaforma, con memorizzazione di giochi, impostazioni e salvataggi lato server, permettendo quindi il loro accesso da qualsiasi angolo del pianeta ove sia attiva una connessione alla rete, e in modo completamente trasparente a qualsiasi cambiamento hardware sottostante, finirebbe nelle mie mani il day one.

5 commenti su “Digital Dammiqquà

  1. Bellissimo articolo.
    La foto del cd è spettacolosa tra l’altro, e ci sono delle perle di titoli!
    Il digital delivering/la digital delivery, insomma, la distribuzione digitale è un servizio.
    E come tale potrebbe essere acquistato indipendentemente dalla piattaforma di utilizzo. Ovviamente, come sempre, per vedere dei cambiamenti nel panorama attuale dobbiamo solo aspettare…
    E’ comunque triste che le aziende di videogiochi, che un tempo potevano essere considerate “avanti” e “hi-tech” si siano chiuse in un conservatorismo deleterio e stiano innovando l’industria a passo di lumaca.
    Persino Nintendo non sta riuscendo bene a gestire il successo di vendite del Wii: bene il passo avanti per i controlli. E poi? Innovazioni col contagocce (e persino la DD su Virtual Console procede di pari passo).

  2. Bell’articolo. Su un punto non sono d’accordo:le patch. Ora il pc-ista è contento di poter avere continuamente pezze per correggere i suoi programmi bacati,ma io da consolaro vorrei un buon quality-test per prodotto venduto a 60€.

  3. Fleym, sarei d’accordo con te, ma credo che l’esistenza degli hard disk sulle console di questa generazione sia troppo tentatrice per chi ha voglia di far uscire presto il proprio prodotto 😛

  4. Si,purtroppo tenta molto! Vedi Bully su X360 pieno di bug e patch mentre la versione Wii,dove non è possibile patchare che ha subito un debugging serio. Il brutto StM è che entrambe costano 60€! Su Pc il discorso è peggio:Crysis costa 50€ e anche li servono patch! Magari piccole cose,d’accordo,ma non è che io li pago con euro buggati e poi li patcho! Un minimo di rispetto da parte di sviluppatori e pubblisher per chi,coi suoi soldi,li stipendia.
    Tolto questo hai ragione: Tekken HD per Ps3 costa poco (20€) ma ce l’hai senza uscire di casa! Aspetto il Wiiware con trepidazione visto le notizie della scena indie che promette titoli particolari che altrimenti non vedremmo mai,inoltre le grosse aziende tipo Capcom lo potrebbero usare per testare giochi strani (vedi Killer 7 o P.N. 03) che su scaffale faticherebbero a essere capiti. La distribuzione digitale è il futuro e con un uso intelligente di codici attivazione e prezzi abbordabili può diminuire la pirateria a livelli fisiologici (ci sarà sempre chi non vuole pagare) come per la musica… Anzi meglio della musica perchè tutta la musica on-line è compressa troppo e male (io odio gli Mp3:qualità troppo basa!! Vynil True Fuckin’ Better! ) stesso dicasi per i filmati streaming di YouTube. Mentre sul gaming non ci sono compressioni dequalificanti di sorta. Questa è la gallina dalle uova d’oro che azzera i costi di stoccaggio,magazzino,trasporto e soprattutto può sconfigge l’usato. Resta un solo,unico,pessimo neo in tutto questo discorso idilliaco:non tutta la nazione che circonda il Veneto (nel resto dell’europa si stanno impegnando per cablare il più possibile) è possibile avere adsl e\o Fastweb! …col 56k scaricarsi MGS4 è da pazzi!

  5. Insomma, meno male che non sono io a definire le strategie di Microsoft, Nintendo e Sony, altrimenti avrebbero tutte delle piattaforme di digital delivery fighissime ma non venderebbero nulla per limiti tecnologici :]

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.